Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 27 Febbraio |
San Gabriele dell'Addolorata
home iconChiesa
line break icon

Campagna perché Riccardo III riceva una sepoltura cattolica

© University of Leicester

Gaudium Press - pubblicato il 30/01/15

Se non fosse morto, forse la Chiesa anglicana non sarebbe mai esistita

Looking for Richard, organizzazione che ha promosso e attuato il progetto che ha portato al ritrovamento dei resti del re Riccardo III d’Inghilterra, guida ora una campagna per riuscire a far sì che il governante riceva una sepoltura cattolica in base alla fede che ha professato e perché i suoi resti non siano più confinati in un laboratorio dell’Università di Leicester ma riposino in uno spazio sacro.

“Il nostro proposito riscattando dall’oblio i resti di Riccardo III non era quello di dissotterrare un trofeo o uno campione scientifico”, ha dichiarato l’organizzazione, “ma concedere a un re caduto una sepoltura realizzata con dignità e rispetto per la sua fede religiosa”.

La richiesta ha già raccolto oltre tremila firme in comunità cattoliche locali, e il 26 gennaio è stata aperta una convocazione attraverso Internet della durata di un mese per riunire il sostegno di persone di tutto il mondo.

La necessità di una sepoltura degna della sua condizione reale sorge dalle condizioni della morte di Riccardo III, avvenuta nella battaglia di Bosworth nel 1485 ad opera dell’esercito di Henry Tudor, che in questo modo reclamò la corona britannica sotto il nome di Enrico VII.

Il re deposto venne sepolto senza solennità in un monastero che anni dopo sarebbe stato sciolto dal figlio del nuovo re, Enrico VIII, durante la sua persecuzione della Chiesa cattolica dopo la creazione della religione anglicana.

L’esatta ubicazione della sepoltura del re era rimasta nell’oblio, e alla fine è stata scoperta sotto un parcheggio nella città di Leicester.

Il cammino che ha portato al ritrovamento è stato lungo e ha richiesto un ampio lavoro di ricerca per determinare i possibili luoghi nei quali potesse trovarsi il corpo, ottenere le varie autorizzazioni per compiere gli scavi e finanziare gli esperti che avrebbero poi trovato i resti mortali e confermato l’autenticità del ritrovamento.

Tutto questo è stato realizzato da Looking for Richard, ma le discrepanze sul trattamento del cadavere del re sono iniziate dopo la concessione del permesso governativo di riesumazione e la custodia dei resti all’Università di Leicester, che ha negato la possibilità che venissero conservati in una cappella durante il periodo di attesa di una nuova sepoltura.

Senza autorità sul corpo del re, l’organizzazione ha dedicato i propri sforzi a cercare di sensibilizzare l’opinione pubblica sul trattamento dovuto ai resti di un sovrano e credente praticante.

Rispetto per l’identità cattolica

Le autorità hanno deciso ufficialmente che la nuova sepoltura del re Riccardo III sarà nella cattedrale anglicana di Leicester e che i resti rimangano sotto la custodia dell’Università fino a marzo, quando saranno portati nel tempio.

“Vorremmo che rimanesse in una cappella (durante l’attesa). È stato rifiutato”, ha denunciato Looking for Richard nella sua petizione.

“Ora chiediamo l’ultima cosa che si potrebbe desiderare per chiunque, e soprattutto per i caduti in battaglia: essere accolto con reverenza in un luogo sacro della propria religione”.

La petizione è aperta a tutti, affermando che il desiderio di essere sepolti in base ai riti della propria religione è compreso da persone di qualsiasi credo e che il trattamento rispettoso del corpo dei defunti è “una caratteristica della società civilizzata”.

La scelta da parte delle autorità di un tempio anglicano anziché di uno cattolico è stata criticata dal dottor John Ashdown-Hill, storico e genealogista la cui indagine del DNA ha permesso di identificare in modo soddisfacente i resti. “Ci sono molte prove per le quali Riccardo III aveva una fede personale assai seria”, ha ricordato l’esperto. “Se Riccardo III non fosse morto, forse la Chiesa anglicana non sarebbe mai esistita”.

  • 1
  • 2
Tags:
chiesa anglicana
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
4
Paola Belletti
Aiutiamo Debora Vezzani? Tutta la famiglia con il Covid, lei la p...
5
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti maligni a San Miche...
6
CAIN AND WIFE
Francisco Vêneto
Con chi si è sposato Caino, se Adamo ed Eva avevano solo figli ma...
7
Gelsomino Del Guercio
Congo, Attanasio salvò dal Covid suor Annalisa. “Devo a lui la mi...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni