Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 07 Ottobre |
BVM “Regina delle vittorie”
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Pio XII: lo “Schindler del Vaticano”

Pius XII – it

Aleteia

Chiara Santomiero - Aleteia - pubblicato il 28/01/15

Anteprima mondiale in Vaticano per il film-inchiesta "Shades of Truth" con testimonianze inedite di ebrei salvati dall’intervento di papa Pacelli

Pio XII e la Shoah: fiumi d’inchiostro sono scorsi in merito all’accusa rivolta al pontefice di essere stato troppo “tiepido” di fronte all’orrendo e sistematico sterminio degli ebrei che si stava consumando prima e durante la seconda guerra mondiale. Nemmeno l’opera dispiegata da conventi e istituti religiosi cattolici per nascondere e proteggere migliaia di ebrei e perseguitati è servita a convincere dell’impegno di Pio XII contro il nazismo. Sebbene sia noto il sostegno che a questa rete di protezione attivata dai conventi venisse dall’allora sostituto alla Segreteria di Stato, mons. Montini (futuro Paolo VI), uno dei diretti collaboratori di Pio XII, l’ombra del sospetto continua a gravare su Eugenio Pacelli, per alcuni il “Papa di Hitler”.

Oggi prova a ristabilire la verità su quel periodo e la figura del pontefice il film-inchiesta “Shades of Truth” (“Sfumature di verità”) che sarà presentato in anteprima mondiale in Vaticano il prossimo 2 marzo, anniversario della nascita e dell’elezione di Pio XII (Panorama 27 gennaio).

Scritto e diretto dalla regista Liana Marabini, il film prodotto da Condor Pictures in associazione con Liamar Media World, sarà presentato a maggio al festival di Cannes e a settembre a Philadelphia in occasione dell’ottavo incontro mondiale delle famiglie a cui parteciperà papa Francesco.

Per la regista, che ha lavorato per cinque anni su circa 100 mila pagine di documenti e testimonianze inedite di ebrei salvati dalla deportazione grazie all’intervento di papa Pacelli, questi fu in realtà lo “Schindler del Vaticano”. 

“Ne ha salvati dalla deportazione e dalla morte più di 800 mila – ha raccontato Liana Marabini a ilfattoquotidiano.it (27 gennaio) –: è un numero impressionante. Questa azione è stata compiuta in vari modi: dalle lettere e disposizioni che impartiva ai vescovi del mondo intero, nelle quali raccomandava l’assistenza a 360 gradi agli ebrei in pericolo, alle case e strutture della Chiesa, perfino all’interno delle mura vaticane, in particolare nella sua residenza estiva di Castel Gandolfo, dove li nascondeva”. Un aiuto, “non solo spirituale, ma anche materiale. Un autentico esempio di coraggio e per questo il film vuole fargli giustizia”.

Anche il protagonista del film, il giornalista italo-americano di origine ebraica David Milano (impersonato dall’attore David Wall) svolge un’inchiesta su papa Pacelli del quale è in corso il processo di beatificazione, addentrandosi nello studio di documenti dell’Archivio Segreto Vaticano, che lo porteranno a ribaltare la tesi del “Papa di Hitler” in un epilogo che coinvolge anche la sua storia personale.

Girato tra Roma, Asti, Berlino, New York, Lisbona e – ovviamente – nel territorio della Santa Sede, il film vede la partecipazione degli attori Christopher Lambert, Gedeon Burkhard, Marie-Christine Barrault e degli italiani Giancarlo Giannini e Remo Girone. Dopo l’anteprima mondiale in Vaticano, uscirà in 335 sale cinematografiche italiane, in 280 sale francesi, in Belgio, Germania, Stati Uniti, Argentina, Brasile, Australia, Spagna e Portogallo, per poi approdare in televisione.

La pellicola è destinata a lasciare il segno anche grazie alle testimonianze inedite che contiene: “Ho studiato e letto tutto quello che era possibile e perfino inimmaginabile – ha raccontato Marabini -. Ho consultato centinaia di fonti storiche, in Vaticano e in altri luoghi. Ho incontrato persone, ho ascoltato e registrato le loro testimonianze, le ho filmate mentre evocano Pio XII con le lacrime agli occhi: sono tutti ebrei. Qualcuno ha più di novant’anni, altri sono discendenti, per lo più figli e nipoti, di ebrei salvati dal grande Pontefice, altri ancora esistono grazie a lui”.

Tags:
papa pio xiishoah
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni