Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Preghiera della dedizione totale a Dio (di Sant’Ignazio)

© Philippe Lissac / CC
Monje rezando
Condividi

Prendi, Signore, e accetta tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, e tutta la mia volontà

Spesso nella vita ci impegniamo a fare ciò che vogliamo noi e non ci apriamo con libertà a quello che ci chiede Dio.

Sant'Ignazio lo descrive in una preghiera: “Prendi, Signore, e accetta tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, e tutta la mia volontà, tutto ciò che ho e possiedo; tu mi hai dato tutte queste cose, a te, Signore, le restituisco; sono tutte tue, disponine secondo la tua volontà. Dammi il tuo amore e la tua grazia, queste sole, mi bastano”.

Cosa sono disposto a donare a Dio? La nostra libertà. Sono parole forti. La libertà è un dono sacro. Non vogliamo staccarcene. Perdere la libertà, smettere di essere liberi di decidere. Ci sembra molto.

La mia memoria. Quello che ho custodito come sacro nel cuore. Consegnargli ciò che ho vissuto, la mia storia personale.

Il mio intelletto. Per accettare che non devo comprendere tutto. Quante volte nella vita vogliamo avere tutto ben ordinato! Vogliamo che i pezzi del puzzle si incastrino perfettamente. Guardiamo avanti e indietro desiderando che la nostra vita abbia un ordine perfetto. Non è così e soffriamo. Consegniamo l'intelletto, accettando la possibilità di vivere senza comprendere, senza che tutto abbia un senso, una logica accettabile.

La mia volontà. Per non voler altro che ciò che vuole Dio.

Il mio cuore. Per non amare altro che ciò che ama Dio. È un bel gesto.

A volte ci sentiamo superati dalla vita, incapaci di continuare a remare verso il largo. Abbiamo bisogno solo della grazia di Dio, del suo amore e della sua fecondità. Perché la nostra vita dia frutto in altri cuori. Diamo frutto se ci doniamo, se non ci riserviamo perseguendo i nostri desideri.

Abbandonare la nostra vita nelle mani di Dio non sembra mai tanto facile. Soprattutto quando stiamo parlando della sofferenza.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.