Aleteia
martedì 20 Ottobre |
San Paolo della Croce
Approfondimenti

Quelle vittime nigeriane figlie di un dio minore

Albert Gonzalez Farran UNAMID

padre Giulio Albanese - pubblicato il 22/01/15

Intanto l'estremismo islamico rischia di diffondersi a macchia d’olio, dalla Somalia alla Nigeria

Per una cinica coincidenza del destino, proprio mentre la Francia piange le vittime di Charlie Hebdo e condanna fermamente il terrorismo, i famigerati Boko Haram hanno sterminato dello Stato nigeriano del Borno un numero indicibile di civili. L’ultima notizia battuta dalle agenzie di stampa parla di 19 morti e 18 feriti in un attentato suicida realizzato da una bambina di 10 anni, sabato 10 gennaio, al mercato di Maiduguri, capitale del tormentato Stato del Borno. 

Potrebbero, invece,  essere addirittura duemila i morti nell’offensiva, sferrata dagli insorti, tra il 3 e il 7 gennaio, contro la cittadina di Baqa e altri 16 villaggi limitrofi. Il dato davvero inquietante, a questo proposito, è la latitanza dell’esercito nigeriano che ha rifiutato lo scontro, lasciando la popolazione locale indifesa, come peraltro denunciato già in passato dalla società civile, abbandonando peraltro, nelle mani degli insorti, una base militare nei pressi di Baqa, con i magazzini strapieni di armi e munizioni. Si tratta di una spirale di violenza inaudita rispetto alla quale purtroppo la stampa internazionale sta continuano a fornire, in gran parte, una lettura univoca e parziale. La maggioranza delle testate giornalistiche colloca, infatti, la crisi nigeriana dentro la cornice del jihadismo più crudele, quello che sta imperversando sia sul versante Mediorientale come anche in altre parti dell’Africa Subsahariana, dalla Somalia alla fascia Saheliana. 

In effetti, vi sono, già da tempo, prove di un coinvolgimento nella crisi nigeriana del salafismo di matrice saudita, lo stesso che ha foraggiato alacremente Al Qaeda in giro per il mondo. D’altronde, gran parte degli aiuti che i Boko Haram hanno ricevuto in questi ultimi cinque anni provengono dai Paesi limitrofi. Inoltre, gli estremisti nigeriani sono stati affiancati, recentemente, da miliziani provenienti dal Mali, dalla Mauritania e dal Sudan. Sono proprio questi elementi che hanno consentito al movimento  “Jamà atu Ahlis Sunna Lidda’ awati wal-Jihad”, che in lingua araba vuol dire “Gente dedita alla propagazione degli insegnamenti del Profeta e al Jihad”, meglio noti come Boko Haram, di fare un salto di qualità, dal punto di vista bellico, in un conflitto decisamente asimmetrico rispetto al quale sia l’esercito nigeriano, come anche quello camerunese, sono in grave difficoltà. Eppure, l’avanzata di questi jihadisti è stata resa possibile, finora, grazie soprattutto ad alcune complicità interne al “sistema Paese”, sia nelle forze armate nigeriane come anche nel parlamento federale e nei governatorati del nord del Paese. 

Questo è il dato che solitamente la cosiddetta informazione mainstream negligentemente omette e che invece rappresenta la vexata quaestio per una risoluzione del conflitto. Ma proprio perché stiamo parlando del più popoloso paese dell’Africa Subsahariana, segnato dalla difficile coesistenza di oltre 250 etnie, le cui rivalità peraltro non si esauriscono nella contrapposizione tra il nord prevalentemente musulmano e il sud a maggioranza cristiana, è importante evidenziare le responsabilità determinate da una classe dirigente inetta che alla prova dei fatti detiene il potere assecondando logiche di potere clientelari e perverse.

L’attuale presidente, Goodluck Jonathan, originario del Sud del paese e portabandiera del People’s Democratic Party (Pdp), non si è assolutamente rivelato all’altezza del compito istituzionale conferitogli nelle elezioni del 2010. Una vittoria, la sua, che peraltro non è stata affatto gradita dalle oligarchie settentrionali del Paese, di fede islamica, che hanno visto, per così dire, ridimensionato il loro peso politico nell’ambito della federazione. Jonathan, infatti, appartiene all’etnia Ijaw, minoritaria a livello nazionale e di tradizione cristiana, ma che rappresenta la maggioranza della popolazione nella regione del Delta del Niger, ricchissima di petrolio e sotto il controllo delle multinazionali straniere. In questo contesto, il fattore religioso si sovrappone ad una competizione per il potere che rischia, di questo passo, di spaccare in due la Nigeria, facendo leva sulla contrapposizione etnico-religiosa tra gli hausa-fulani, musulmani del nord, e gli yoruba e gli igbo, cristiani del sud.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
boko haramcharlie hebdo
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Religión en Libertad
Lo jihadista non è riuscito a decapitarmi: “C...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni