Aleteia
mercoledì 21 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Boscardin
Approfondimenti

La Chiesa non è solo il papa

© Antoine Mekary / Aleteia

Thomas Reese - Finesettimana.org - pubblicato il 22/01/15

La Chiesa è molto più di lui. Comprende tutti noi

Tutti coloro che leggono questo giornale sanno che sono un grande “fan” di papa Francesco. Non avevo mai pensato di poter vedere un papa come lui nel corso della mia vita. La sua semplicità, la sua compassione e il suo impegno per i poveri sono un genuino riflesso del messaggio evangelico di Gesù. Il suo sostegno per l’apertura e la discussione aperta e il dibattito nella Chiesa sono segni della sua fiducia nello Spirito. Il suo impegno per la giustizia e la pace, il suo interesse per l’ambiente mostrano la sua attenzione per temi cruciali del nostro XXI secolo.

Ciò detto, vorrei che sapesse come parlare delle donne in modo diverso, magari più accettabile per donne istruite. Vorrei che chiedesse di ritirarsi ai vescovi che hanno perso credibilità presso la propria gente eludendo le regole della Chiesa nei confronti di preti colpevoli di abusi.

Mi irrita sentire che la gente pone tutte le sue speranze e i suoi sogni per la Chiesa sulle spalle di Francesco. Il papa non è la Chiesa cattolica. Ha un ruolo molto importante nella Chiesa, ma la Chiesa è molto più di lui. Comprende tutti noi.

Ad esempio, molti giornalisti mi hanno posto domande sull’ “effetto Francesco”. Francesco sta riportando la gente verso la Chiesa?

A livello di aneddoti, sentiamo da genitori e nonni che i loro figli, che non vanno in Chiesa, amano il papa e dicono di avere un atteggiamento diverso nei confronti della Chiesa. Ma fino ad ora non abbiamo dati di studi che sostengano l’ipotesi di un effetto Francesco.

Una parte della spiegazione è che il papa non è la Chiesa cattolica. Tip O’Neil diceva che tutte le politiche sono locali. Io sosterrei che anche ogni religione è locale.

Dopo un’intervista televisiva, parlavo con una giovane produttrice che mi raccontava la sua esperienza. Era stata educata come cattolica, ma al college aveva smesso di andare in chiesa. Ora ha ripreso e viene incoraggiata dal suo fidanzato e da Francesco a dare alla Chiesa un’altra opportunità.

Dopo essere andata in chiesa alcune volte, si è sentita in dovere di accostarsi al sacramento della riconciliazione. È stato un disastro. Il prete l’ha rimproverata e le ha detto che tutto quello che le era capitato di brutto derivava dal fatto che per 10 anni non si era confessata.

Non ci sarà un “effetto Francesco” se, quando le persone tornano alla Chiesa, non incontrano qualcuno come Francesco nella loro parrocchia. Andare a confessarsi oggi è come giocare alla roulette russa. Non sai se incontrerai Gesù misericordioso o qualche moralista arrabbiato e strambo che pensa che il suo compito sia dire alla gente quanto è cattiva. Questa è una forma di abuso contro cui la Chiesa non ha fatto niente.

E non dovremmo limitare il nostro sguardo al clero. Anche il gruppo parrocchiale può essere tentato di clericalismo, e le comunità parrocchiali possono ignorare i nuovi parrocchiani che si sentono persi come tra la folla.

Provate a fare questo esperimento. Andate in una chiesa cattolica che non avete mai frequentato e osservate quanto tempo ci vuole prima che qualcuno cominci a rivolgervi la parola. Poi andate ad una chiesa evangelica e fate lo stesso esperimento. Gli evangelicali saranno sempre vincenti.

I teorici dell’organizzazione ci ricordano che riformare un’istituzione richiede molto più di un organigramma. Richiede un cambiamento di cultura, ossia quello che noi cristiani chiamiamo una conversione spirituale. Un papa può indicare l’orientamento tramite la parola e l’esempio, ma finché non ci coinvolgeremo personalmente non ci sarà alcun cambiamento permanente nella Chiesa.Per secoli, la Chiesa cattolica ha ritenuto che il clero dovesse avere un ruolo attivo e i laici un ruolo passivo. Il Concilio Vaticano II ha cercato di affossare quell’idea, ma i vecchi modelli muoiono molto lentamente.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
chiesaclericalismoparrocchia
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni