Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

La benedizione del Santissimo che placò uno tsunami

© Angela Riddock
Condividi

Grazie alla fede di un parroco e del suo popolo

Lo tsunami del 2010 che ha raggiunto la costa del Cile dopo un terremoto provocato dal movimento delle placche continentale e oceanica è un tipo di evento che si ripete da secoli in diversi luoghi del pianeta.

Vari decenni fa, nella piccola isola colombiana di Tumaco, quello che è accaduto con uno tsunami ha insegnato agli abitanti che Dio, presente nel Santissimo Sacramento, agisce quando i suoi sacerdoti e fedeli lo invocano con amore e fede.

Il fatto è avvenuto il 31 gennaio 1906. Alle dieci del mattino, gli abitanti di quella minuscola isola del Pacifico sentirono un forte terremoto, che durò circa dieci minuti. Tutta la popolazione corse in chiesa per supplicare il parroco, padre Gerardo Larrondo, e padre Julián di organizzare immediatamente una processione con il Santissimo Sacramento.

Mentre questa si stava svolgendo, il mare continuava a indietreggiare, con la minaccia di formare un'immensa onda. Padre Gerardo, spaventato, consumò tutte le ostie sacre conservando solo l'Ostia Magna.

Poi, rivolgendosi al popolo, esclamò: “Figli miei, andiamo tutti sulla spiaggia, e che Dio abbia pietà di noi”.

Sentendosi sicuri alla presenza di Gesù Eucaristia, tutti si incamminarono, tra lacrime e acclamazioni a Dio. Quando padre Larrondo arrivò alla spiaggia, andò coraggiosamente fino alla riva con la custodia tra le mani.

Nel momento in cui l'onda stava arrivando, sollevò l'Ostia consacrata con mano ferma e cuore pieno di fede, e davanti a tutti tracciò il segno della croce. Fu un momento di altissima solennità.

L'onda continuò ad avanzare, ma prima che padre Larrondo e padre Julián potessero accorgersene, il popolo, commosso e stupito, gridò: “Miracolo! Miracolo!”

Di fatto, come se fosse stata bloccata da una forza invisibile e superiore alla natura, l'onda che minacciava di cancellare dalla carta geografica l'isola di Tumaco aveva iniziato a indietreggiare, mentre il mare tornava al livello normale.

Gli abitanti di Tumaco, nell'euforia e nella gioia per essersi salvati dalla morte grazie a Gesù sacramentato, manifestarono la propria gratitudine. Il miracolo di Tumaco si diffuse in tutto il mondo, e padre Larrondo ricevette anche dal continente europeo innumerevoli lettere di persone che chiedevano le sue preghiere.

(Dal libro Agostinianos amantes da Sagrada Eucaristia, di padre Pedro del Rosario Corro)

[Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
tsunami
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni