Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il gesto delle corna fatto dal Papa è legato al satanismo?

Condividi

A Manila il pontefice e il cardinale Tagle hanno salutato la folla con un saluto che ha suscitato diverse critiche

Ha fatto il giro del mondo la foto di Papa Francesco che fa le "corna" accanto al cardinale filippino Luis Antonio Tagle. Molte volte le persone immortalate in quel modo vengono indistintamente e con una certa superficialità associate all’occulto in quanto si tratterebbe di un segno di adesione a qualche società segreta o al satanismo.

UN SALUTO CHE DA’ ENERGIA
Un’interpretazione fuorviante. Come scrive rainews.it (18 gennaio), «come due popstar su un palcoscenico musicale, il papa e il cardinale hanno salutato i fedeli con il linguaggio dei segni: le corna a tre dita. Simbolo della musica rock, che esprime approvazione, forza e trasporto. Il gesto significa "I love you". Un saluto affettuoso che il Pontefice ha riservato alle famiglie filippine durante un incontro a Manila».

I-L-Y TRA I NON UDENTI
Più precisamente, quello delle corna è un segno da American Sign Language, che, poi è stato esteso a livello internazionale. E’ nato tra gli scolari non udenti che utilizzano la lingua dei segni americana per creare un segno da una combinazione dei segni per le lettere I, L e Y (Ti amo) (American Sign language University).

STIMA E AMORE
Il segno è un modo molto informale di esprimere una serie di emozioni positive, che vanno dalla stima generale all’amore per il destinatario del segno. Ha ricevuto una notevole esposizione mediatica negli Usa grazie a Richard Dawson che lo mostrava in ogni episodio di Family Feud, celebre quiz televisivo americano, tra il 1976 al 1985. Ebbe successo anche grazie al  candidato presidenziale Jimmy Carter che lo utilizzò durante la sua campagna elettorale quando incontrò un gruppo di sostenitori non udenti nel Midwest.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni