Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
Aleteia logo
home iconChiesa
line break icon

I filippini in festa per “Lollo Chico”, papa Francesco

© LAKRUWAN Wanniarachchi / AFP

A young Sri Lankan holds paraphernalia bearing the portrait of Pope Francis as she waits for his arrival in Colombo on January 13, 2015. Pope Francis urged respect for human rights in Sri Lanka as he began a two-nation Asia tour on the island, bearing a message of peace and reconciliation after a long civil war. AFP PHOTO / LAKRUWAN WANNIARACHCHI

Chiara Santomiero - Aleteia - pubblicato il 15/01/15

Migliaia di persone all'arrivo del pontefice giunto a Manila per la seconda parte del suo viaggio in Asia

"Papa Francisco benvenido!": centinaia di giovani in maglietta bianca sulla quale spicca il logo della visita del papa nelle Filippine hanno accolto cantando e ballando Francesco all'arrivo all'aeroporto di Manila. Il pontefice ha concluso la visita di due giorni in Sri Lanka con una visita alla cappella di "Our Lady of Lanka" (Nostra Signora di Lanka) all'interno dell'Istituto culturale Benedetto XVI con l'obiettivo di collaborare con le istituzioni del paese per la ricostruzione necessaria dopo la sanguinosa guerra civile durata trent'anni. Un primo effetto del messaggio di riconciliazione nazionale portato da papa Francesco è stata la liberazione di 612 detenuti, 575 uomini e 37 donne, autorizzato ieri dalle autorità srilankesi. Adesso è il turno dei filippini di accogliere gesti e parole del vescovo di Roma. Un'attesa cresciuta in modo particolare nelle ultime settimane, come conferma ad Aleteia il rettore del Pontificio Collegio Filippino di Roma, Fr. Gregory Gaston.  

Una lunga preparazione ha scandito l'attesa del pontefice, è così?

Gaston: Tutta la società filippina, non solo la Chiesa, non solo le istituzioni, si sono preparati con cura alla visita del papa. Anche i centri commerciali hanno dappertutto l'immagine di Francesco e in queste ultime settimane la gente si è messa in posa con molto entusiasmo per fare dei selfie con la foto del papa sullo sfondo. I mezzi di comunicazione commerciali hanno dedicato ogni giorno dai tre ai cinque minuti all'imminente arrivo del papa. Le diverse città che compongono Metro Manila hanno stabilito dei giorni di chiusura del lavoro per facilitare la presenza della gente ai vari momenti della visita del papa. I vescovi, da parte loro, hanno esortato i fedeli a preparsi alla visita non solo dal punto di vista "logistico" ma soprattutto in un'ottica spirituale, nello spirito dell'umiltà  e della compassione che sono stati scelti per il logo della visita papale. Hanno chiesto di compiere un gesto di misericordia come insegnare il Vangelo ai bambini, aiutare un collega in difficoltà, fare visita a un detenuto.

Questa attesa coinvolge anche i più giovani?

Gaston: I giovani sono i più entusiasti, perchè in genere sono abituati a vedere nelle persone adulte o anziane un padre o un nonno. Infatti nelle Filippine il papa viene chiamato "Lollo Chico", "lollo" da abuelo, cioè nonno in argentino, e "Chico" da Francisco, Francesco. I giovani guardano al pontefice come a un nonno che viene a visitarci. Hanno riempito i profili Facebook di immagini e parole di Bergoglio. Lo stanno aspettando con impazienza e l'incontro di domenica nell'Università Santo Tomas lo dimostrerà.

Quali sono i loro problemi?

Gaston: Tanti giovani vivono in famiglie in cui almeno uno dei genitori perchè è all'estero per lavorare quando non sono fuori tutti e due. Molti crescono con i nonni o gli zii e non mancano le difficoltà. In questa situazione è particolarmente importante la presenza della chiesa perchè i giovani vivono la parrocchia come un'altra casa dove sono accolti e trovano una figura di riferimento nel sacerdote. In ogni parrocchia ci sono sempre diversi gruppi di giovani molto impegnati nelle varie attività.

La diaspora di milioni di filippini all'estero in cerca di lavoro è uno degli aspetti della povertà e delle forti differenze sociali che caratterizzano la società filippina: cosa ci si aspetta dalla visita del papa?

Gaston: Il cardinale Tagle e gli altri vescovi insistono molto – lo hanno fatto anche al Sinodo sulla famiglia – sull'incidenza grave della emigrazione e della diaspora sulla tenuta delle famiglie. Come dice Tagle molti sposi si separano non perchè l'amore è finito, ma proprio per amore, perchè vanno fuori a lavorare per mantenere la famiglia e i genitori e dare un futuro migliore ai figli. Tutte le famiglie vivono questa situazione direttamente o indirettamente. Per questo il papa le incontrerà le famiglie e ne parlerà specificamente con loro. Questo darà materiale per la riflessione e il dibattito futuro.

E per la comunità filippina in Italia cosa rappresenta questa visita?

Gaston: Qui a Roma dove c'è una grande comunità filippina – ogni domenica i sacerdoti filippini celebrano 57 messe, in parrocchie, conventi e altri locali – abbiamo la possibilità di vedere il papa due volte la settimana, tra udienza generale del mercoledì e Angelus della domenica, ma è completamente diverso sapere che il papa va nelle Filippine. Per noi è come accogliere un padre che si reca a visitare i suoi figli in terra molto lontana. La visita di Francesco a Tacloban, per incontrare le vittime del tifone Yolanda, è una spinta per tutti i filippini: se il papa viene da lontano a consolarci e aiutarci, noi che siamo nelle Filippine abbiamo un obbligo maggiore di aiutarci l'un l'altro.

Tags:
papa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
3
couple
Raphaëlle Coquebert
Madre di 8 figli e saggista: «La castità non è non fare sesso»
4
Gelsomino Del Guercio
Il Papa parla della fine del mondo e di San Michele: “Lui guiderà...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
VENERABLE SANDRA SABATTINI
Gelsomino Del Guercio
Sandra Sabattini beata il 24 ottobre. Lo ha deciso Papa Francesco...
7
Gelsomino Del Guercio
Il Papa dice alle suore salesiane: non fate le zitellone. Cosa vo...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni