Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La confessione di Jack Nicholson “ho paura di morire da solo”

© 360b/SHUTTERSTOCK
Condividi

Perché molte star nella fase finale della loro carriera avvertono un urgente bisogno di essere amati?

Perché molte star nella fase finale della loro carriera avvertono un urgente, se non drammatico, bisogno di essere amati? Forse non sono solo dei "mostri sacri" come li si definisce. Forse – anzi certamente – il loro cuore e la loro umanità è, in origine, uguale a quella di ogni essere umano. Di qualsiasi razza. A qualsiasi longitudine.

Solitudine da star
In questa direzione, a stupire lo star system ci ha pensato Jack Nicholson: "Ho paura di morire solo" ha detto l'attore 77enne che solo qualche anno fa si era vantato di essere andato a letto con oltre duemila donne. Come riporta Huffington Post (13 gennaio) l'attore “ha confessato di desiderare di condividere la sua vecchiaia con qualcuna, ma allo stesso tempo si rende conto che le sue chance non sono realistiche. Una trama molto simile a quella di "Tutto può succedere", interpretato dall'attore. Nel film l'attempato donnaiolo trovava infine in Diane Keaton una compagna con cui trascorrere gli ultimi anni della vita. Un filo rosso in realtà presente in molti degli ultimi film interpretati dall'attore, in cui figurano i temi della morte e della solitudine.”
 

Posizione ProLife
La maschera di Joker che contribuì a rendere famoso e allo stesso tempo maledetto Nicholson, sembra dunque sciogliersi di fronte agli interrogativi ultimi della vita. Non va dimenticato che la star di Hollywood aveva già preso in contropiede il “conformismo da red carpet” quando, poco più di un anno fa aveva dichiarato la sua contrarietà all'aborto e il suo “sì” alla vita. La madre infatti lo aveva concepito quando era solo un'adolescente. E pur avendo ricevuto numerose pressioni di aborto aveva deciso in cuor suo di portare avanti la gravidanza e dare alla luce il piccolo Jack.

Gratitudine alla vita
"Sarei morto, non esisterei" aveva dichiarato a Vanity Fair, sottolineando che se fosse a favore dell'aborto sarebbe solo un "ipocrita", perché se la madre avesse accettato l'aborto nessuno di noi avrebbe visto volare quel “Qualcuno” sul nido del cuculo. “Sono positivamente contrario all’aborto” aveva affermato “Non ho diritto a nessun altro punto di vista. La mia unica emozione è la gratitudine per la vita”.

Amori e tradimenti
Nicholson è stato sposato solo una volta, con Sandra Knight, per sei anni dal 1962 al 1968. Da lei ha avuto una figlia, Jennifer, che oggi ha 52 anni. L'amore della sua vita è stato Angelica Huston, una love story tra mille tradimenti. Ora per Jack il tempo si fa breve. E il desiderio che qualcosa (o qualcuno) compia la sua vita si fa sempre più stringente.

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.