Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 19 Ottobre |
San Paolo della Croce
Aleteia logo
home iconNews
line break icon

Francesco in Sri Lanka: “promuovere la giustizia come via per la riconciliazione”

Chiara Santomiero - Aleteia - pubblicato il 13/01/15

Nell'isola dell'Oceano indiano segnata dalla guerra civile il pontefice esorta a superare le divisioni etniche e religiose

Una festa coloratissima ha accolto papa Francesco all'arrivo all'aeroporto di Colombo dopo quasi dieci ore di viaggio dall'Italia: fiori bianchi e gialli intrecciati nella corona di benvenuto offerta da due bimbe, inni, 21 salve di cannoni e anche il barrito di elefanti paludati a festa. 

Ad attenderlo ai piedi della scaletta dell'aereo, il neo eletto presidente della Repubblica Maithripala Sirisena, insieme all’arcivescovo di Colombo e presidente della Conferenza episcopale dello Sri Lanka, il cardinale Albert Malcolm Ranjith Patabendige Don e i vescovi dello Sri Lanka.

Bergoglio ha rivolto i suoi auguri al presidente per la sua nuova responsabilità e ha ringraziato per la calorosa accoglienza nella "Perla dell'Oceano indiano", come è conosciuta l'isola di Sri Lanka grazie alle sue bellezze naturali.

La sua, ha spiegato il papa è una visita di carattere pastorale per "incontrare ed incoraggiare i cattolici di quest’Isola" e confermare "il desiderio della comunità cattolica di essere attivamente partecipe della vita di questa società". Lo Sri Lanka, a cinque anni dalla fine cruenta della guerra civile che ha opposto la maggioranza cingalese alla minoranza tamil, è impegnata in una delicata fase di ricomposizione dell'unità nazionale nella quale sarà importante l'apporto della chiesa cattolica a cui appartengono fedeli di entrambe le etnie.

"E’ una costante tragedia del nostro mondo – ha osservato Francesco – che molte comunità siano in guerra tra di loro. L’incapacità di riconciliare le diversità e le discordie, antiche o nuove che siano, ha fatto sorgere tensioni etniche e religiose, accompagnate frequentemente da esplosioni di violenza". Questa è anche la vicenda dell'isola nella quale il papa ha cominciato il suo secondo viaggio apostolico in Asia: "Per molti anni – ha ricordato Bergoglio – lo Sri Lanka ha conosciuto gli orrori dello scontro civile, ed ora sta cercando di consolidare la pace e di curare le ferite di quegli anni. Non è un compito facile quello di superare l’amara eredità di ingiustizie, ostilità e diffidenze lasciata dal conflitto. Si può realizzare soltanto superando il male con il bene (cfr Rm 12,21) e coltivando quelle virtù che promuovono la riconciliazione, la solidarietà e la pace". 

Un punto centrale della visita del papa sarà la canonizzazione del beato Joseph Vaz, "il cui esempio di carità cristiana e di rispetto per ogni persona – ha affermato il papa -, senza distinzione di etnia o di religione, continua ancor oggi ad ispirarci e ammaestrarci".

Nello Sri Lanka turbato dal mancato riconoscimento delle responsabilità per i crimini di guerra commessi dal 2002 al 2009, dagli interrogativi sulla sorte degli scomparsi e della liberazione dei detenuti politici, la strada del risanamento deve essere il perseguimento della verità "non con lo scopo di aprire vecchie ferite, ma piuttosto quale mezzo necessario per promuovere la loro guarigione, la giustizia e l’unità".

Un ruolo essenziale in questa fase, secondo Francesco, spetta alle varie tradizioni religiose ma perché tale processo avvenga "bisogna che tutti i membri della società lavorino assieme; che tutti abbiano voce". A tutti deve essere assicurata la libertà di esprimere "le proprie preoccupazioni, i propri bisogni, le proprie aspirazioni e le proprie paure" ma, ancora di più, bisogna essere pronti "ad accettarsi l’un l’altro, a rispettare le legittime diversità ed imparare a vivere come un’unica famiglia". 

"Ogni volta che le persone si ascoltano tra loro umilmente e apertamente – ha sottolineato Bergoglio cui il vento caldo dell'isola continuava a scompigliare la mantellina – , possono emergere i valori e le aspirazioni comuni. La diversità non sarà più vista come una minaccia, ma come fonte di arricchimento. La strada verso la giustizia, la riconciliazione e l’armonia sociale appare ancora più chiaramente".

Per questo, ha concluso Francesco rivolgendosi  ai dirigenti politici, religiosi e culturali dello Sri Lanka: "la grande opera di ricostruzione deve comprendere il miglioramento delle infrastrutture e provvedere ai bisogni materiali, ma anche, e soprattutto, promuovere la dignità umana, il rispetto dei diritti dell’uomo e la piena inclusione di ogni membro della società".

Il protrarsi della cerimonia di benvenuto cui è seguita la celebrazione privata della messa nella Nunziatura di Colombo, ha determinato un cambio di programma nella agenda del primo giorno del Papa nello Sri Lanka. Francesco non si è recato all'arcivescovado dove avrebbe dovuto incontrare informalmente i 20 vescovi dell'isola: il prossimo impegno, sarà alle 17 ora locale, la visita di cortesia al neopresidente Sirisena, nel Palazzo presidenziale della capitale.

Tags:
papa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
2
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
3
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
6
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
7
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni