Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Gli yazidi ringraziano Francesco, “padre dei poveri”

© Michael_swan / CC
https://www.flickr.com/photos/mmmswan/15488366817/in/set-72157623087166600
Condividi

La delegazione mondiale ricevuta in Vaticano ha informato il pontefice sulle 5 mila donne yazide ridotte in schiavitù dall’Isis

Abbiamo imparato a conoscerli – tragicamente – a proposito della guerra totale dichiarata dal sedicente Califfato islamico che ne ha fatto strage, insieme ai cristiani, nella sua avanzata in Iraq e Siria. Gli yazidi che praticano una religione monoteista sono una popolazione di circa un milione e mezzo di persone sparse in Iraq – dove c’è la maggiore concentrazione, mezzo milione -, Turchia, Georgia, Armenia e, per effetto della diaspora, in molti altri Paesi del mondo.
 
Oggi papa Francesco ha ricevuto in Vaticano una delegazione guidata dal capo di tutti gli Yazidi, Tahsin Said Ali Beg, e dal loro capo spirituale supremo, il “Baba Sheikh”, Skeikh Kato, residenti ambedue nel Kurdistan iracheno.
 
Facevano parte della Delegazione anche tre altri rappresentanti degli yazidi del Nord Iraq, della Georgia e della diaspora in Germania. L’incontro è durato oltre mezz’ora e si è svolto nella Biblioteca privata nel Palazzo Apostolico.
 
“Padre dei poveri”: così ha appellato papa Francesco uno dei membri della delegazione che, secondo quanto comunica una nota della sala stampa vaticana, ha voluto ringraziare il pontefice per il suo sostegno per gli yazidi in questo tempo di persecuzione e sofferenza e lo ha informato sulla situazione delle circa cinquemila donne yazide ridotte in schiavitù dall’Isis. Sono state anche sottolineate le buone relazioni fra gli yazidi e i cristiani e la loro reciproca solidarietà.
 
Bergoglio, da parte sua, ha assicurato ai delegati la sua vicinanza spirituale e il suo sostegno in questo “tempo di prova”, augurando che presto si possano ristabilire la giustizia e le condizioni per una vita libera e pacifica per gli yazidi, come per tutte le minoranze oggetto di discriminazione e violenza.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni