Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 17 Agosto |
Santa Chiara della Croce da Montefalco
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Gli yazidi ringraziano Francesco, “padre dei poveri”

Iraq without christians is not a true iraq 04 – Yazidis – Michael_swan – CC – it

© Michael_swan / CC

https://www.flickr.com/photos/mmmswan/15488366817/in/set-72157623087166600

Chiara Santomiero - Aleteia - pubblicato il 08/01/15

La delegazione mondiale ricevuta in Vaticano ha informato il pontefice sulle 5 mila donne yazide ridotte in schiavitù dall’Isis

Abbiamo imparato a conoscerli – tragicamente – a proposito della guerra totale dichiarata dal sedicente Califfato islamico che ne ha fatto strage, insieme ai cristiani, nella sua avanzata in Iraq e Siria. Gli yazidi che praticano una religione monoteista sono una popolazione di circa un milione e mezzo di persone sparse in Iraq – dove c’è la maggiore concentrazione, mezzo milione -, Turchia, Georgia, Armenia e, per effetto della diaspora, in molti altri Paesi del mondo.

Oggi papa Francesco ha ricevuto in Vaticano una delegazione guidata dal capo di tutti gli Yazidi, Tahsin Said Ali Beg, e dal loro capo spirituale supremo, il “Baba Sheikh”, Skeikh Kato, residenti ambedue nel Kurdistan iracheno.

Facevano parte della Delegazione anche tre altri rappresentanti degli yazidi del Nord Iraq, della Georgia e della diaspora in Germania. L’incontro è durato oltre mezz’ora e si è svolto nella Biblioteca privata nel Palazzo Apostolico.

“Padre dei poveri”: così ha appellato papa Francesco uno dei membri della delegazione che, secondo quanto comunica una nota della sala stampa vaticana, ha voluto ringraziare il pontefice per il suo sostegno per gli yazidi in questo tempo di persecuzione e sofferenza e lo ha informato sulla situazione delle circa cinquemila donne yazide ridotte in schiavitù dall’Isis. Sono state anche sottolineate le buone relazioni fra gli yazidi e i cristiani e la loro reciproca solidarietà.

Bergoglio, da parte sua, ha assicurato ai delegati la sua vicinanza spirituale e il suo sostegno in questo “tempo di prova”, augurando che presto si possano ristabilire la giustizia e le condizioni per una vita libera e pacifica per gli yazidi, come per tutte le minoranze oggetto di discriminazione e violenza.

Tags:
papa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni