Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 19 Settembre |
San Giuseppe da Copertino
home iconApprofondimenti
line break icon

Tre chiavi per capire i nuovi cardinali di Papa Francesco

GIANCARLO GIULIANI/CPP

Jesús Colina - Aleteia - pubblicato il 04/01/15

Con i nuovi porporati fa un passo in avanti la riforma della Curia Romana e finiscono i privilegi geografici

L’annuncio di venti nuovi cardinali fatto da Papa Francesco il 4 gennaio servirà a fare un passo in avanti nel processo di riforma della Chiesa promosso durante questo pontificato. Ecco tre chiavi di interpretazione. 

La riforma della Curia Romana prende forma
Nei giorni precedenti al Conclave che ha eletto come successore di Pietro il cardinale Jorge Bergoglio, buona parte dei porporati avevano sottolineato il ruolo di servizio (non di potere) che la Curia romana è chiamata ad offrire al Papa e alla Chiesa universale.

Nell’annuncio dei nuovi cardinali, prima di tutto sorprende il fatto che tra i quindici cardinali elettori (con meno di ottanta anni) solo uno proviene dalla Curia romana.

Parliamo dell'arcivescovo Dominique Mamberti, prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica, che fino a poco tempo fa era segretario della Santa Sede per i Rapporti con gli Stati.

Il portavoce della Santa Sede, padre Federico Lombardi S.J., in una nota ha spiegato chiaramente che ci troviamo davanti ad una decisione del Papa dovuta a due motivi. Prima di tutto, perché “attualmente i cardinali ‘romani’ sono circa un quarto degli elettori”. 

Ma, da adesso in poi, ha chiarito il direttore della Sala Stampa della Santa Sede,“il Papa intende considerare compiti cardinalizi quelli dei Prefetti delle Congregazioni e di poche altre istituzioni importantissime della Curia, come in questo caso il Tribunale della Segnatura”. 

Rimangono fuori da questo riconoscimento, perciò, i presidenti dei Pontifici Consigli ed altri organismi della Curia romana, che prima venivano creati cardinali. Comunque, queste realtà sono chiamate a subire un’evoluzione con la riforma della Curia che il Papa presenterà in una prima bozza ai cardinali il 12 e 13 febbraio. 

La fine dei privilegi geografici
I nomi dei futuri cardinali sono la prova della fine di un criterio tradizionale seguito dai pontefici nell’elezione dei cardinali: i paesi e le città d’importanza particolare per la Chiesa e il mondo.

“Si conferma che il Papa non si ritiene vincolato alla tradizione delle ‘sedi cardinalizie’ ‐ che era motivata da ragioni storiche in diversi Paesi ‐ per cui il cardinalato era considerato quasi ‘automaticamente’ legato a tali sedi”, ha chiarito padre Lombardi. 

“Abbiamo invece diverse nomine di Arcivescovi o Vescovi di sedi che in passato non avevano avuto un cardinale. Ciò vale ad esempio per l’Italia, la Spagna, il Messico”, ha aggiunto il portavoce vaticano.

Il Papa ha nominato cardinali gli arcivescovi Edoardo Menichelli, di Ancona-Osimo,  Francesco Montenegro, di Agrigento. 

Questo è anche il caso di monsignor Ricardo Blázquez Pérez, vescovo di Valladolid (presidente della Conferenza Episcopale Spagnola), e di monsignor Alberto Suárez Inda, Arcivescovo di Morelia (México).

I giornalisti avevano previsto prima dell’annuncio dei cardinali la nomina di due o tre cardinali degli Stati Uniti. Padre Lombardi ha chiarito che “non vi sono nuovi cardinali per l’America Settentrionale (USA e Canada) perché il loro numero è già consistente ed è rimasto stabile dallo scorso anno”.

Universalità: fino alle periferie del mondo
Ma il criterio più chiaro che può leggersi nella lista dei nuovi cardinali è quello dell’universalità della Chiesa, che nel linguaggio di Papa Francesco significa, anche, arrivare fino alle periferie del mondo. 

Padre Lombardi ha sottolineato che in questa lista “si nota la presenza di Paesi che non avevano avuto un cardinale (Capo Verde, Tonga, Myanmar…), di comunità ecclesiali piccole o in situazioni di minoranza. Il Vescovo di Tonga è Presidente della Conferenza Episcopale dell’Oceano Pacifico; la Diocesi di Santiago de Cabo Verde è una delle più antiche diocesi africane; la Diocesi di Morelia in Messico è in una regione travagliata dalla violenza”.

Tra i 15 nuovi cardinali elettori  ve ne sono 5 per l’Europa, 3 per l’Asia, 3 per l’America Latina (compreso Messico), 2 per l’Africa e 2 per l’Oceania. 

Padre Lombardi ha spiegato anche il criterio seguito dal Papa per eleggere i cardinali che non saranno elettori in un Conclave (perché hanno compiuto 80 anni): rappresentare i vescovi che danno la loro vita al servizio della loro comunità.

“La nomina cardinalizia vuole essere quindi un riconoscimento dato simbolicamente ad alcuni, ma riconoscendo i meriti di tutti”. 

Il nuovo cardinale più giovane della Chiesa ha 53 anni: l’Arcivescovo di Tonga, monsignor Soane Patita Paini Mafi; il più anziano, con 95 anni, è l’Arcivescovo emerito di  Manizales (Colombia), José de Jesús Pimiento Rodríguez.

Tags:
cardinali

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
3
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
7
Paola Belletti
Tre suicidi tra i giovanissimi il 1°giorno di scuola
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni