Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 16 Maggio |
Ascensione
home iconArte e Viaggi
line break icon

Carla Fracci: “La mia danza è una missione”

© Public Domain

Aleteia - pubblicato il 04/01/15

Un giorno Madre Teresa le inviò una cartolina speciale per complimentarsi di uno spettacolo

“Ho avuto la gioia di avere tante testimonianze d'affetto, ma le parole di Madre Teresa rimangono per me indelebili: è riuscita, con poche righe, a esprimere il vero senso del mio lavoro”. Esordisce così Carla Fracci, étoile della danza classica, nello svelare in una intervista a “Credere” (4 gennaio) un segreto custodito gelosamente per molto tempo: una cartolina autografa della Beata conservata con cura quasi fosse una reliquia.

La Fracci non ama sbandierare la propria fede. Per questo non nasconde la propria commozione nel raccontare questa storia inedita: “Molti anni fa, fui chiamata a rappresentare Giselle in Sicilia, dove viveva il fratello di madre Teresa, mio buon amico e profondo estimatore del balletto. Lo invitai ad assistere al mio spettacolo e, quando tornò a casa, lo raccontò con ardore alla sorella che, per caso, in quel periodo si trovava in visita in Sicilia. Madre Teresa rimase tanto colpita dalla descrizione appassionata del fratello che prese carta e penna e mi scrisse una frase bellissima e che ricorderò per sempre: 'Metti il tuo amore per Dio nella danza, in maniera che la gente, attraverso la tua arte, sia attratta verso l'assoluto'”.

E ancora oggi, dopo 67 anni di carriera alle spalle e circa cinquecento balletti all'attivo, la Fracci non ha paura ad affermare: “La mia danza è una missione”. “All'improvviso – ricorda ancora – mi fu chiaro che anch'io dovevo, attraverso la mia arte, svelare al pubblico la mia anima, il riflesso di Dio che la abita. Con il trascorrere del tempo, ti rendi conto che il corpo non è solo fisicità: è la cornice dello spirito, quasi un'interfaccia dell'anima verso il mondo. Il corpo riflette quello che ognuno di noi è”.

Tags:
danza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
7
Padre Maurizio Patriciello
L’amore di un prete per i fratelli omosessuali e le sue pre...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni