Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 26 Settembre |
Santi Cosma e Damiano
home iconArte e Viaggi
line break icon

50 poesie per scandagliare “gli abissi del cor inquietum”

© Turkkinen / CC

http://pixabay.com/en/lantern-angel-lighting-candles-84160/

Roberta Sciamplicotti - Aleteia - pubblicato il 30/12/14

Padre Antonio Spadaro cura un'antologia che si trasforma in esercizio spirituale

In un contesto contemporaneo in cui la vita sembra essere affamata di sazietà, di soddisfacimento dei bisogni immediati, di un’agiatezza priva di necessità impellenti di salvezza, l’uomo fa sempre l’esperienza di vivere, ma spesso in maniera distratta, poco attenta allo stupore e alle domande: vive immerso nel concreto e nell’orizzonte delle cose manipolabili.

Lo sostiene padre Antonio Spadaro, S.I., direttore de “La Civiltà Cattolica”, nel libro “Nell'ombra accesa. Breviario poetico di Natale” (Ancora), nel quale sottolinea che gli uomini vivono “uno squilibrio misterioso”, un “misterioso zoppicare”, per usare le parole di Henri De Lubac.

“Da una parte infatti, come creatura, sperimentiamo in mille modi i nostri limiti; dall’altra parte ci accorgiamo di essere senza confini nelle nostre aspirazioni. La sete d’infinito che l’uomo reca nel suo cuore, la tensione verso l’assoluto che lo anima, il suo cor inquietum non può essere saziato da cose contingenti. La condizione umana è radicalmente di attesa”.

La forma d’espressione privilegiata di questa tensione d’attesa, ricorda padre Spadaro, è la poesia, che “scopre gli abissi che abitano l’uomo e ad essi accede con facilità perché assume in se stessa sia la sua capacità di riflessione sia la sua sensibilità e i suoi affetti”.

Da ciò l'idea di un'antologia che offra 50 poesie “che dimostrano un accesso profondo agli abissi del cor inquietum”.

Leggendole, osserva, “si comprende come esse descrivano posizioni differenti, stadi diversi di cammino: dal buio alla visione, attraverso la ricerca umana e l’annunciazione che giunge dall’esterno”. In particolare, è possibile “distinguere con una certa approssimazione i confini tra 'bisogno', 'desiderio' e 'attesa', anche se a volte nel linguaggio comune i termini vengono assimilati”.

Il termine “bisogno”, indica il sacerdote gesuita, “fotografa l’uomo come essere che intende essere appagato, spinto da un elemento narcisistico. È intuibile come una 'fame' che brama un oggetto di soddisfazione”.

“Desiderio” invece etimologicamente “può significare l’atteggiamento di fissare attentamente le stelle (in latino sidera), cioè fissare lo sguardo fuori di sé, verso l’alto o anche provare la privazione ('de-') di qualcosa verso cui si tende, volgendo lo sguardo come verso le stelle. C’è dunque in ogni caso un chiaro riferimento non a se stessi, ma a qualcosa o qualcuno che è altro da sé e verso cui si tende, si aspira”.

Il termine “attesa” rafforza questo secondo significato di “desiderio”, implicando una situazione di “at-tenzione” e di ascolto “che chiede una risposta, una rivelazione. C’è dunque nell’attesa la tensione verso qualcuno o qualcosa che si prevede sopraggiunga. C’è l’aspettativa di una presenza, anche se non definita, chiarita del tutto, a meno che non giunga una 'annunciazione' che ci dica qualcosa in più”.

Le poesie dell'antologia non sono preghiere e almeno per la maggior parte non sono neanche “religiose” in maniera formale. Lo scopo della raccolta è infatti quello di “individuare le corde profonde che l’animo umano tocca quando non gli basta più la superficialità ordinaria, la narcosi di una vita che si trascina come un automatismo”.

In questo contesto, il lettore è “chiamato ad accogliere i versi come se gli arrivassero chiusi in una bottiglia che arriva sulla spiaggia dal vasto oceano”.

Ogni testo è corredato da un breve commento che vuole essere “una guida (non obbligatoria) alla lettura”, senza alcuna nota critica ma con “lo sviluppo brevissimo di qualche dettaglio utile per l’approfondimento e la meditazione”.

Quattro i filoni a cui si ricollegano le poesie: “Buio”, “Ricerca”, “Annunciazione” e “Visione”.

La speranza di padre Spadaro è che la raccolta, che costituisce un percorso e suggerisce un itinerario che ha un inizio e una fine perché sono le poesie che hanno sviluppato in lui “un percorso interiore”, sia per il lettore “una sorta di imprevedibile 'esercizio spirituale'”.

Tags:
natalepoesia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
3
SLEEPING
Cecilia Pigg
7 modi in cui i santi possono aiutarvi a dormire meglio di notte
4
Gelsomino Del Guercio
Scandalo droga e festini gay con il prete: mea culpa del vescovo ...
5
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa contro la Chiesa “parallela” in cui si bestemmia l’azione...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni