Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

A Praga l’Incontro europeo di fine anno dei giovani di Taizé

David RODRIGUES/CIRIC
30 Décembre 2013 : Frère Aloïs, prieur de Taizé, parlant lors de la conférence de presse à la 36ème Rencontre organisée par la communauté de Taizé. Strasbourg (67), France.
Condividi

Intervista a frère Alois, priore della Comunità

di Adriana Masotti

Sarà Praga quest’anno ad ospitare da oggi al 2 gennaio, la 37.ma edizione dell’Incontro di Taizé, tappa del “Pellegrinaggio di fiducia sulla Terra”, per il quale sono attesi circa 30 mila giovani dall’Est e dall’Ovest dell’Europa. Quasi 2 mila i volontari impegnati nell’organizzazione dell’evento mentre saranno le parrocchie e le famiglie della città ad accogliere i partecipanti, ortodossi, cattolici e protestanti. Gli italiani il gruppo più  numeroso, dopo polacchi e ucraini. Filo conduttore dell’incontro le parole di Gesù ai suoi discepoli: “Voi siete il sale della Terra”. Già all’indomani della caduta del muro di Berlino, la comunità di Taizé aveva convocato i giovani nella capitale della Repubblica Ceca; perché la scelta di tornare ancora a Praga? Intervista a frère Alois, priore della Comunità:
 

R. – Sì, siamo stati qui già nel 1990, l’anno dopo la rivoluzione in Cecoslovacchia. Adesso, la situazione è molto diversa. Dobbiamo cercare le ragioni che danno speranza all’Europa oggi e che danno speranza ai giovani, anche per credere ed avere fiducia in Dio e per vivere di questa fiducia. I cristiani nella Repubblica Ceca sono una minoranza e, forse, possiamo vedere cosa vuol dire vivere come una minoranza, ma come sale nella terra.
D. – Praga, poi, è proprio nel cuore dell’Europa e questo incontro vuol sottolineare questa unica famiglia…
R. – Sì, siamo riconoscenti anche ai popoli dell’Europa centrale e dell’Europa dell’Est, perché loro hanno creduto che l’impossibile poteva diventare possibile: la caduta del muro di Berlino. Oggi cerchiamo il modo di continuare la costruzione dell’Europa. Per l’incontro ci sono tanti giovani dell’Ucraina, della Bielorussia e anche della Russia e vogliamo esprimere loro la nostra solidarietà.
 
D. – C’è un tema che fa da filo rosso, da filo conduttore a tutto l’incontro di quest’anno…
R. – Il tema dell’incontro sono le parole di Gesù: “Voi siete il sale della terra”. Questo vuol dire che non siamo soltanto cristiani con le statistiche, i numeri, ma c’è una forza del Vangelo che possiamo vivere, impegnandoci per la pace, per la giustizia, ognuno dove vive. A Taizé non vogliamo creare un movimento organizzato, ma vogliamo rinforzare questa coscienza di essere dispersi nel mondo, ma nello stesso tempo che esiste una forza di pace e di giustizia in questo mondo.
 
D. – Il programma dell’incontro è molto ricco: preghiere, riflessioni, momenti di condivisione con le parrocchie, che ospitano i giovani, con le famiglie. Poi, il 31 dicembre, la Veglia di preghiera per la pace: un momento molto significativo, specie quest’anno…
R. – Sì, perché tutti noi soffriamo del fatto che non ci sia la pace in Medio Oriente e in Europa. Sarà qui anche un gruppo libanese e pregheremo con loro, che con grande coraggio hanno accolto tanti rifugiati dalla Siria, dall’Iraq. Siamo loro vicini, quindi, in questa situazione.
 
D. – Papa Francesco, di recente in Turchia, ha ricordato i giovani di Taizé, dicendo che sono proprio i giovani che chiedono alle Chiese di fare dei passi avanti verso la piena comunione. Che cosa ha suscitato in voi questa citazione del Papa?     
R. – Queste parole del Papa naturalmente sono state una grande gioia per noi, ma anche una chiamata per avanzare veramente con i giovani. Qui a Praga ci sono cattolici, ma anche protestanti, ortodossi, che vengono e vivono insieme la fede del Vangelo. Possiamo avanzare, possiamo metterci sotto lo stesso “tetto” e anticipare così l’unità che speriamo.

QUI L'ORIGINALE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.