Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 16 Giugno |
Santi Quirico e Giulitta
home iconChiesa
line break icon

A Praga l’Incontro europeo di fine anno dei giovani di Taizé

David RODRIGUES/CIRIC

<span class="standardtextnolink">30 D&eacute;cembre 2013 : Fr&egrave;re Alo&iuml;s, prieur de Taiz&eacute;, parlant lors de la conf&eacute;rence de presse &agrave; la 36&egrave;me Rencontre organis&eacute;e par la communaut&eacute; de Taiz&eacute;. Strasbourg (67), France.</span>

Radio Vaticana - pubblicato il 29/12/14

Intervista a frère Alois, priore della Comunità

di Adriana Masotti

Sarà Praga quest’anno ad ospitare da oggi al 2 gennaio, la 37.ma edizione dell’Incontro di Taizé, tappa del “Pellegrinaggio di fiducia sulla Terra”, per il quale sono attesi circa 30 mila giovani dall’Est e dall’Ovest dell’Europa. Quasi 2 mila i volontari impegnati nell’organizzazione dell’evento mentre saranno le parrocchie e le famiglie della città ad accogliere i partecipanti, ortodossi, cattolici e protestanti. Gli italiani il gruppo più  numeroso, dopo polacchi e ucraini. Filo conduttore dell’incontro le parole di Gesù ai suoi discepoli: “Voi siete il sale della Terra”. Già all’indomani della caduta del muro di Berlino, la comunità di Taizé aveva convocato i giovani nella capitale della Repubblica Ceca; perché la scelta di tornare ancora a Praga? Intervista a frère Alois, priore della Comunità:

R. – Sì, siamo stati qui già nel 1990, l’anno dopo la rivoluzione in Cecoslovacchia. Adesso, la situazione è molto diversa. Dobbiamo cercare le ragioni che danno speranza all’Europa oggi e che danno speranza ai giovani, anche per credere ed avere fiducia in Dio e per vivere di questa fiducia. I cristiani nella Repubblica Ceca sono una minoranza e, forse, possiamo vedere cosa vuol dire vivere come una minoranza, ma come sale nella terra.
D. – Praga, poi, è proprio nel cuore dell’Europa e questo incontro vuol sottolineare questa unica famiglia…
R. – Sì, siamo riconoscenti anche ai popoli dell’Europa centrale e dell’Europa dell’Est, perché loro hanno creduto che l’impossibile poteva diventare possibile: la caduta del muro di Berlino. Oggi cerchiamo il modo di continuare la costruzione dell’Europa. Per l’incontro ci sono tanti giovani dell’Ucraina, della Bielorussia e anche della Russia e vogliamo esprimere loro la nostra solidarietà.
D. – C’è un tema che fa da filo rosso, da filo conduttore a tutto l’incontro di quest’anno…
R. – Il tema dell’incontro sono le parole di Gesù: “Voi siete il sale della terra”. Questo vuol dire che non siamo soltanto cristiani con le statistiche, i numeri, ma c’è una forza del Vangelo che possiamo vivere, impegnandoci per la pace, per la giustizia, ognuno dove vive. A Taizé non vogliamo creare un movimento organizzato, ma vogliamo rinforzare questa coscienza di essere dispersi nel mondo, ma nello stesso tempo che esiste una forza di pace e di giustizia in questo mondo.
D. – Il programma dell’incontro è molto ricco: preghiere, riflessioni, momenti di condivisione con le parrocchie, che ospitano i giovani, con le famiglie. Poi, il 31 dicembre, la Veglia di preghiera per la pace: un momento molto significativo, specie quest’anno…
R. – Sì, perché tutti noi soffriamo del fatto che non ci sia la pace in Medio Oriente e in Europa. Sarà qui anche un gruppo libanese e pregheremo con loro, che con grande coraggio hanno accolto tanti rifugiati dalla Siria, dall’Iraq. Siamo loro vicini, quindi, in questa situazione.
D. – Papa Francesco, di recente in Turchia, ha ricordato i giovani di Taizé, dicendo che sono proprio i giovani che chiedono alle Chiese di fare dei passi avanti verso la piena comunione. Che cosa ha suscitato in voi questa citazione del Papa?
R. – Queste parole del Papa naturalmente sono state una grande gioia per noi, ma anche una chiamata per avanzare veramente con i giovani. Qui a Praga ci sono cattolici, ma anche protestanti, ortodossi, che vengono e vivono insieme la fede del Vangelo. Possiamo avanzare, possiamo metterci sotto lo stesso “tetto” e anticipare così l’unità che speriamo.

QUI L'ORIGINALE

Tags:
comunita di taizepreghiera
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
ANDREA BOCELLI FATIMA
Paola Belletti
Andrea Bocelli a Fatima: “Maria è il percorso obbligatorio ...
6
POWELL BROTHERS
Sarah Robsdotter
Il video di un bambino che canta al fratellino Down diventa viral...
7
Aleteia
Chi sorride così al momento della morte?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni