Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Qui è sepolto Santo Stefano Protomartire

© Luigi Garzi (1638–1721) / CC
http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Garzi_(attr)_Stoning_of_Saint_Stephen.jpg
Condividi

Confermato il luogo della tomba nei pressi di Ramallah, potrebbe essere meta di futuri pellegrinaggi in Terra Santa

“Ci siamo imbattuti in una iscrizione che indica che questa chiesa è stata costruita in onore dell’apostolo e arcidiacono Santo Stefano Protomartire, sepolto qui nel 35 dopo Cristo”. A dichiararlo ai media locali è il professor Salah Hussein al Hudeliyya, archeologo palestinese della Al Quds University di Gerusalemme.
 

Il professore è a capo della squadra di ricercatori impegnati da 2 anni nella campagna di scavi e ricerche presso il sito archeologico di Khirbet El Tireh, a 2 chilometri da Ramallah, nei territori palestinesi. Ed è proprio qui che la sua equipe ha prima individuato e poi confermato il ritrovamento di una serie di indizi che consentono di attribuire quell’area archeologica come luogo di sepoltura di Santo Stefano, il primo Martire Cristiano.
 

Le ricerche, condotte nel sito da archeologi palestinesi e israeliani, fanno parte di un grande progetto sostenuto dalla stessa Al Quds University e sono concentrate intorno ai resti di un grande complessobizantino, comprendente una chiesa e un monastero.

La notizia del ritrovamento è stata confermata ad Aleteia anche da Osama Hamdan, direttore del Mosaic Center partner di ATS Proterrasancta (la ONG della Custodia di Terra Santa), che sta lavorando al restauro dei mosaici presenti nel sito archeologico, in collaborazione con il progetto degli scavi.
 

I lavori nell’area, che appartiene in gran parte al Patriarcato greco ortodosso di Gerusalemme, proseguiranno ancora per 5 anni ma intanto – come riporta Agenzia Fides (22 novembre) – c’è chi sta già pensando di inserire il sito archelogico negli itinerari di pellegrinaggio in Terra Santa.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni