Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 09 Marzo |
San Domenico Savio
home iconNews
line break icon

Esprimere la fede sul posto di lavoro aumenta la felicità

© Tec_Estromberg

Gaudium Press - pubblicato il 25/12/14

Secondo uno studio dei ricercatori dell'Università del Kansas

Una delle principali preoccupazioni della Chiesa negli ultimi anni è stata l'emarginazione delle credenze religiose, relegate al contesto privato. Questo fenomeno si verifica in ambienti secolarizzati nei quali si limita la manifestazione pubblica della fede, dando luogo a situazioni che hanno provocato una notevole controversia o sono arrivate perfino in tribunale.
Limitare queste espressioni, però, vuol dire non solo non riconoscere la libertà, ma anche perdere l'opportunità di creare un clima lavorativo migliore, con più felicità e soddisfazione, secondo quanto hanno determinato i ricercatori dell'Università del Kansas (Stati Uniti).
Per giungere a questa conclusione, un gruppo di studenti di dottorato in Psicologia Clinica ha svolto una serie di interviste approfondite a impiegati degli Stati Uniti e della Corea del Sud, misurando l'impatto della loro fede sulla dimensione lavorativa.
Il titolo dello studio è “Applicare modelli di gestione di identità degli impiegati attraverso culture differenti: cristianesimo negli Stati uniti e in Corea del Sud”, ed è stato pubblicato sul Journal of Organizational Behavior, come ha reso noto Religión en Libertad.
Nello studio, i ricercatori ricordano che il fatto di tenere nascosta una parte importante della propria identità, come la dimensione religiosa, ha conseguenze indesiderabili a livello cognitivo ed emotivo, evita che si creino vincoli sociali forti e favorisce conflitti di identità.
“Il distanziamento dalla propria identità è stato collegato a bassi livelli di soddisfazione lavorativa, scarso benessere, maggiore probabilità di sintomi fisici collegati allo stress e maggiori livelli di ansia e depressione”, affermano citando studi precedenti sul tema.
La metodologia impiegata ha tenuto conto di una dozzina di variabili e si è concentrata sugli impiegati con un'identità cristiana. Circa le implicazioni pratiche dei risultati, i ricercatori hanno affermato che i dirigenti “dovrebbero promuovere contesti tolleranti in cui gli impiegati sentano di poter affermare la propria religione sul lavoro” ed evitare le strategie di distanziamento dell'identità religiosa, anche se consigliano di stabilire linee chiare per evitare conflitti tra gli impiegati di religioni diverse.
Nei contesti lavorativi statunitensi e sudcoreani, questa considerazione si vede rafforzata dall'ampia varietà di confessioni religiose.
In conclusione, i ricercatori affermano di poter dimostrare che “la cultura influisce sul modo in cui gli impiegati con un'identità cristiana gestiscono la propria identità sul lavoro”, così come “il ruolo fondamentale che l'identità religiosa gioca sull'influire su queste strategie di gestione dell'identità”.
Una delle conclusioni più interessanti dello studio e che si suggerisce di affrontare in futuri approfondimenti è che coloro che beneficiano maggiormente di strategie di affermazione dell'identità religiosa non sono necessariamente quelli che danno un alto valore alla religione nella propria identità, ma coloro che presentano un basso livello di questa centralità religiosa, perché è a questo gruppo di impiegati che esprimere apertamente la propria identità religiosa apporta un maggior indice di benessere. Al contrario, le strategie di distanziamento dall'identità religiosa danneggiano in modo uguale entrambi i gruppi.
[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]
Tags:
fedelavoro
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Lucandrea Massaro
Blasfemia a Sanremo: “Perché mi percuoti?”
2
MAN, DARKNESS, FACE
Annalisa Teggi
Quando al diavolo scappò detto cosa può davvero fare la preghiera
3
SANREMO, FIORELLO, AMADEUS
Annalisa Teggi
10 canzoni che hanno parlato di Dio dal palco di Sanremo
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
6
FETUS 3 MONTH,
Padre Maurizio Patriciello
Puoi parlare di aborto perché tua madre non ti fece trascinare vi...
7
Franciscan Mission of Legnano
Cerith Gardiner
Gustatevi la gioia di questi frati e suore francescani che ballan...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni