Aleteia
mercoledì 30 Settembre |
San Girolamo
News

Natale in uno scantinato: l'odissea dei cristiani a Damasco

© AIUTO CHIESA CHE SOFFRE

Gelsomino Del Guercio | Aleteia | Tue Dec 23 2014

La storia di una famiglia che per ripararsi dalla guerra civile ha deciso di nascondersi a tredici metri sotto terra. L'arcivescovo maronita Nassar: i fedeli si sentono soli

Natale a Damasco ma in uno scantinato. E’ l’odissea che vive una delle tante famiglie cristiane che sono state costrette a "sparire" dalla circolazione per evitare rappresaglie delle fazioni di fanatici islamici impegnate nella guerra civile. Il caso, sollevato da Il Giornale (22 dicembre) è quello di Samaan, della moglie Riima e dei figli Philippe e Micheal. Vivevano nel quartiere di Jaramana.

LA FUGA NEL QUARTIERE CRISTIANO
Quando i ribelli hanno iniziato a bombardarlo, l’unica via di fuga è stata lasciare casa per accomodarsi in uno scantinato nel quartiere cristiano di Khassan. dove tuttora vivono, tredici metri sotto terra. «Quest’anno – s’arrabbia Riima – è pure gelida, faremo il Natale in frigorifero». Samaan scuote la testa. Sospira. «È vero abbiamo dovuto rinunciare alla stufa, ma che ci posso fare? Il diesel è scomparso. Se lo tiene tutto il Califfato. Da quando l’Isis ha conquistato gli ultimi pozzi nel nord est la situazione è drammatica. Il gasolio è introvabile».

PRESEPE MA NON ALBERO
A Damasco, denuncia Samaan, «è pieno di cristiani nella mia situazione. Noi cristiani non lavoravamo per lo stato, preferivamo le attività individuali. E quindi la maggior parte di noi sopravvive con i risparmi di prima della guerra». L’uomo spiega che in occasione del Natale hanno realizzato comunque il presepe, nonostante, il clima, ma non l’albero. «Quando sei in lutto qui in Siria non fai l’albero. L’albero è simbolo di gioia, ma se la tua vita è nera, l’albero non la può riaccendere. Qui nel quartiere ci sono tanti presepi, ma pochi alberi. George Kalash il figlio dei vicini, quelli dell’appartamento due piani sopra, è morto a marzo. Il colpo di mortaio è caduto all’entrata del palazzo. L’ha fatto a pezzi».

L’AMAREZZA DELL’ARCIVESCOVO
Monsignor Sami Nassar, arcivescovo maronita di Damasco, nel suo messaggio natalizio, intitolato “I nostri vicini non ci vogliono, non c’è più spazio per noi”, ha rilanciato l’allarme: «I nostri fedeli di Damasco si sentono isolati, condannati a vivere in pericolo, e a morire nel loro buco tagliati fuori dai loro parenti e amici che già vivono in Libano. Questa solitudine aggiunge all’angoscia l’amara esperienza del freddo inverno, la triste sensazione dell’abbandono. I nostri fedeli – conclude il messaggio – trascorrono la loro festa di Natale nel freddo gelido del loro ‘presepe domestico’ affidandosi al calore della loro fede sotto lo sguardo tenero della Sacra Famiglia».

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
pace medio orientepersecuzione cristiani
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: "Ho visto i ...
Gelsomino Del Guercio
Parla il sacerdote che ha vinto 35mila euro a...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Oleada Joven
Lettera di Gesù a te: dalla mia croce alla tu...
LUXOR FILM FESTIVAL
Zoe Romanowsky
Un filmato potente di appena un minuto sul ma...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni