Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 13 Giugno |
Sant'Antonio da Padova
home iconChiesa
line break icon

Perché Natale è il 25 dicembre?

Public Domain

Toscana Oggi - pubblicato il 21/12/14


La festa dell’Epifania nasce in Oriente sulla stessa falsariga, ma con date e contenuto diverso. In Egitto e in Arabia il 6 gennaio era consacrato alla festa del solstizio d’inverno. Il primo tentativo di cristianizzazione è opera di una setta cristiana gnostica del II secolo, come dice Clemente alessandrino: «Gli adepti di Basilide festeggiano anche il giorno del battesimo del Signore… Secondo loro, questo fu l’anno 15 di Tiberio» il 10 o 6 gennaio. Per questa eresia gnostica il battesimo di Gesù corrispondeva alla sua nascita come salvatore perché solo allora lo Spirito di Dio avrebbe riempito l’uomo Gesù di Nazareth. Nella fede ortodossa, il 6 gennaio diventa la festa della nascita di Gesù, comprendendo l’adorazione dei pastori e dei magi, per la chiesa di Gerusalemme; in Egitto è unita al battesimo nel Giordano; altrove unisce natività, adorazione dei magi e nozze di Cana. I liturgisti discutono sul processo che ha portato alla sintesi di queste memorie: per alcuni si tratta della fusione di tradizioni precedenti, per altri di una festa concepita fin dall’inizio in modo tale da riunire le prime fasi dell’opera di redenzione.

L’ipotesi della sostituzione al culto pagano del sole è sostenuta dalla maggior parte degli storici della liturgia, ma non possiamo dimenticare lo stimolo offerto dalle prime affermazioni dogmatiche di Nicea (321). La fede nella divinità dell’uomo Gesù di Nazareth trovò un particolare sostegno in una festa che faceva memoria della sua nascita o manifestazione nella carne. Dalla metà del IV secolo le due forme di memoria sono oggetto di scambio reciproco fra le tradizioni liturgiche. A Roma l’Epifania del 6 gennaio mantiene il suo significato di «manifestazione» attraverso l’episodio dell’adorazione dei magi. Il Natale romano è accolto come “natività” nelle chiese di Siria, Egitto e Palestina. In ogni tradizione, pur ricordati con date diverse, Natale ed Epifania vogliono ricordare il medesimo mistero: la nascita nella carne del Figlio di Dio e la sua manifestazione al mondo. La Chiesa bizantina prega così ai vespri della vigilia di Natale: «Ogni creatura da Te uscita, o Signore, ti dà il suo omaggio di gratitudine: gli angeli il canto; i cieli la stella; i magi i doni; i pastori l’ammirazione: la terra la grotta; il deserto il presepio; e noi una vergine Madre». La liturgia latina unisce le manifestazioni di Gesù: ai magi, cioè a tutti i popoli; nel battesimo, cioè come Figlio amato dal Padre; alle nozze di Cana, cioè della sua gloria. Così canta l’antifona al cantico delle lodi: «Oggi la Chiesa, lavata dalla colpa nel fiume Giordano, si unisce a Cristo, suo Sposo, accorrono i magi con doni alle nozze regali e l’acqua cambiata in vino rallegra la mensa, alleluja».

La celebrazione del mistero della natività e manifestazione di Gesù ci introduce nelle primizie della Pasqua di Gesù, quel mistero pasquale centro dell’anno liturgico e dal quale nasce ogni ricorrenza festiva della Chiesa. Dalla liturgia siamo condotti davanti all’inizio della nostra salvezza che troverà compimento in paradiso, come dice un responsorio di Natale: Hodie illuxit dies redemptionis novae, praeparationis antiquae, felicitatis aeternae, «Risplende per noi il giorno di una nuova redenzione, giorno preparato da secoli, gioia senza fine».

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
gesù cristonatale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
3
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Claudio De Castro
Sono andato a Messa distratto, e Gesù mi ha dato una grande lezio...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni