Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 04 Marzo |
San Casimiro
home iconApprofondimenti
line break icon

La voce di chi non è Dio a tutti i costi

© Sullastradadiemmaus.it

don Marco Pozza - Sulla strada di Emmaus - pubblicato il 19/12/14

C'è un Dio Bambino che sta per nascere e già s'ode lo scalpitio di passi

L'Amico è la Parola, lui è solo voce: voce di quella Parola. Nulla di più che una voce: essenza esile, sottile, sempre a rischio d'affievolirsi, di diventare impercettibile. Di lasciarti senza voce. A Gerusalemme c'è aria di tempesta, iniziano le grandi manovre: c'è un Dio Bambino che sta per nascere e già s'ode lo scalpitio di passi che non lasceranno tranquilli facilmente. L'avvento e l'avvenire di Chi, a conti fatti, di conti non ne farà quadrare nemmeno uno, manco a farlo apposta. La città è dunque un trambusto, al quale s'aggiunge il suo essere incrocio di sangui: la città è confusa, è occasione di confusioni, manda in confusione. Ci sono conti che devono tornare, pena l'impazzire del potere che si sente messo a repentaglio, che si vede esposto al pubblico ludibrio: «Tu chi sei?». La domanda è per Giovanni, il burbero con la faccia da selvaggio che sta facendo tremare le strade di Palestina: e se fosse lui il Cristo? (liturgia della III^ domenica d'Avvento). La risposta cercano: a tutti i costi. Una risposta secca, decisa, al netto delle ambiguità. Di quelle che magari vanno per la maggiore nelle chiese della cristianità. Una risposta sicura per ogni tipologia di problemi, quasi che il cristianesimo fosse una macchinetta di quelle automatiche che dispensano le risposte prefabbricate: basta inserire il gettone della richiesta e premere il bottoncino.

Giovanni, invece, non ci sta: ha il fiuto dei fuoriclasse, l'odore dell'Amico gli si è già attaccato addosso. Intuisce a chiare lettere che la loro voglia di certezza è il vestito esteriore di un panico enorme che abita il loro cuore: «Io non sono il Cristo». Allora chi è quest'uomo al quale le folle si stanno attaccando come ostriche sullo scoglio? Sembra non capire più nulla quella gentaglia di città: «Chi sei? Perché possiamo dare una risposta a coloro che ci hanno mandato. Che cosa dici di te stesso?». Eccolo il loro problema: dare una risposta a chi li ha mandati. Rassicurarli che tutto è sotto controllo, che il Messia di cui tanto si parla è una bufala, che la storia è ancora nelle loro mani. Il motivo è fanciullesco: «Incomincio a capire che vi possa essere gente cui torni piacevole che Gesù sia un fantasma. E' l'unico personaggio della storia che si vorrebbe non fosse esistito (…) per un segreto inconfessato desiderio di non ritrovarselo vicino, neanche sulla strada del passato» (P. Mazzolari, Il compagno Cristo).

Potrebbe tacere Giovanni: anche illuderli, illudersi, far credere loro che è davvero il Messia. La sua gloria è così immensa e dilagante che basterebbe un minimo cenno d'assenso per dirsi Dio. Per farsi sentire Dio. Invece non mente: sa di essere voce e non Parola, dito che addita e non presenza che sazia, anticipo e non presente: uomo e non Dio. Glielo dice a quella gente venuta apposta per cercare lui. Lui o l'Altro, è questo che li manda in bestia: «Io sono voce di uno che grida nel deserto: Rendete diritta la via del Signore». Non è un gioco di parole, nemmeno un tranello linguistico: è la semplice verità di chi preferisce la schiettezza alla vacuità, l'umanità alla disumanità, Dio all'uomo. Non ne vogliono sapere di imparare a leggere i piccoli segni, i piccoli sogni, la fragile leggerezza della Salvezza: e perdono la testa. Impazziscono perchè i loro conti non tornano: e quando i conti non tornano, i maggiordomi dei prepotenti iniziano a tremare, a sentirsi mosche cocchiere, a farsi beffe delle arie dei loro chierichetti. Giovanni non mente: come lo potrebbe dal momento che è annuncio di una sorpresa che sarà la gioia di tutto il popolo?

Lui è voce, null'altro che voce: sarà mai possibile sentirsi grandi sapendosi piccoli? Sapersi piccoli e sentirsi grandi? Il Battista questo non lo dice: non è nelle sue possibilità dirlo o negarlo. Lui semplicemente è: voce, amico, voce amica di Colui che sta per venire. Di sicuro è uno potente, se è vero che per lui si son mossi i chierichetti da Gerusalemme. Uno di quei potenti di fronte ai quali la storia trema: ci sono uomini che hanno se stessi in proprio potere e che arrecano paura a chi, invece, ha messo se stesso nelle mani altrui. Giovanni abita il Mistero: quello fuggevole, lento a definirsi, tardo a svelarsi. Gli altri vogliono le certezze: quel poco che basta per sentirsi tranquilli, paciocconi, spensierati. Anche nei Vangeli ci sono donne e uomini che passano intere notti a sognare la vittoria, a sognarsi vincenti; ci sono uomini e donne che restano svegli la notte intera per inseguire la vittoria. Che s'affaccia, passa, t'invita e t'addita all'inseguimento di lei. Chiede solo d'essere svegli e attenti: «Non voglio obbligarvi a quest'incontro, se non ne sentite la voglia: né pregiudicarlo col dirvi chi Egli sia per me. Siete liberi di andargli incontro o di voltargli le spalle come vi piace e se vi piace. Egli non se n'offende, se dopo essere stati da Lui, credete di non poterlo seguire. Una sola cosa vi chiedo: lasciatelo parlare. Dopo, farete come vorrete» (Il compagno Cristo). Per non farsi confondere dai confusi.

Tags:
natale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
4
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
7
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni