Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 17 Aprile |
Santa Kateri Tekakwitha
home iconNews
line break icon

Édith Piaf: “No, non rimpiango niente!”

Aleteia - pubblicato il 19/12/14

Il 19 dicembre 1915 nasceva l'irrequieta artista francese. Una vita di eccessi toccata dalla devozione a Santa Teresa di Lisieux

"No, non rimpiango niente! Né il bene né tutto il male che m'hai fatto, e mi sta bene così / No, niente di niente! Poiché oggi, la mia vita, le mie gioie tutto riparte con te." (Non, Je ne regrette rien)

La voglia di ricominciare
Édith Piaf può essere definita un'alcolizzata, folle e imprevedibile artista francese oppure la si può guardare come unadonna che ricercava una pace autentica per la sua vita. E che alla fine della sua esistenza nonostante – anzi attraverso –  il dolore, la delusione e gli errori che aveva compiuto, si esprimeva con un genuino desiderio di ricominciare a vivere: "oggi, la mia vita, le mie gioie tutto riparte con te."

Eccesso e riservatezza
La storia di Édith, costellata da amori incompiuti e memorabili opere – come non ricordare La vie en rose – è fedelmente raccontata nel volume "Edith Piaf La bio­gra­fia" (Lin­dau) di David Lelait Helo, che ripercorre tutte le vicissitudini del mito francese: dagli eccessi di droga e alcol, alle leggende metropolitane – si dice sia stata partorita su un marciapiede – passando per gli aspetti più riservati, come il suo rapporto con la fede.

I ceri per Santa Teresa 
Édith era molto devota a Santa Teresa de Lisieux: all'eta di 4 anni fu colpita da una cheratite che la rese quasi cieca. Così si recò – si dice in pellegrinaggio insieme alla nonna – proprio a Lisieux, dove giaceva il corpo della santa. Lì pregò per la sua guarigione che avvenne poco tempo dopo. Da quel momento in poi Édith fu devotissima a Santa Teresina e durante le sue tournée non perse mai l'occasione di accenderle un cero in segno di ringraziamento. 

Tags:
musicasanta teresa di lisieux
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
7
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni