Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 22 Febbraio |
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Vaticano: Commissione anti-pedofilia al nastro di partenza

vatican – en – it

DR

Chiara Santomiero - Aleteia - pubblicato il 17/12/14

Completata la composizione: 16 membri, tra i quali 8 donne e 10 laici

Con la nomina di otto nuovi membri è stata completata la composizione della Commissione vaticana per la tutela dei minori.

L'organismo è stato fondato da papa Francesco (l’annuncio nel dicembre del 2013) per la prevenzione della pedofilia e la tutela delle vittime degli abusi del clero sui minori, nella linea di “tolleranza zero” inaugurata da Benedetto XVI. La commissione, per espresso desiderio del pontefice, è autonoma, indipendente e non associata a un dicastero.

Con le nomine di oggi, la Commissione presieduta dal cardinale Sean O'Malley – uno dei 9 cardinali che affiancano il pontefice nel governo della Chiesa e nella Riforma della Curia -, conta ora 16 persone tra le quali 8 donne, di cui 2 religiose, e 10 laici.

"Ci sono religiosi e laici, psicologi, psichiatri, moralisti, teologi, studiosi di diritto, persone impegnate nell'educazione e nel sociale", ha segnalato padre Federico Lombardi, portavoce del Vaticano, scorrendo l'elenco delle nuove nomine.
Entrano a far parte della Commissione il sacerdote colombiano Luis Manuel Ali Herrera, parroco e professore di psicologia pastorale a Bogotà, il filippino Gabriel Dy-Liacco, psicoterapeuta specializzato in infanzia e adolescenza, il neozelandese Bill Kilgallon, direttore dell'ufficio nazionale per gli standard professionali nella Chiesa del suo paese, suor Kayula Gertrude Lesa, esperta dello Zambia in protezione dei bambini, diritti dei rifugiati e tratta degli esseri umani, suor Hermenegild Makoro, insegnante e segretaria della Conferenza episcopale del Sud Africa, l'australiana Kathleen McCormak, esperta di lavoro sociale nella Chiesa del suo paese, lo statunitense Krysten Winter-Green, originario della Nuova Zelanda, esperto in assistenza a persone malate di aids, senza-tetto e bambini abusati, e il britannico Peter Saunders, fondatore della National Association for People Abused in Childhood. I nuovi componenti si aggiungono all’irlandese Marie Collins, a due gesuiti, l'argentino Miguel Yanez e il tedesco Hans Zollner, alla baronessa Sheila Hollins, psichiatra del Regno Unito, alla giurista Hanna Suchocka, ex premier polacca ed ex ambasciatrice della Polonia presso la Santa Sede, alla psichiatra francese Catherine Bonnet, e al canonista italiano Claudio Papale della Pontificia Università urbaniana, già nominati in precedenza da Papa Francesco, assieme al cardinale O'Malley e a monsignor Robert Oliver, presidente e segretario della Commissione vaticana.

Risulta evidente, dalla varietà di provenienza geografica dei componenti della Commissione, l’obiettivo di avere una rappresentanza il più ampia possibile delle situazioni e delle culture nei vari continenti.

Tra i nuovi nominati spicca quello dell'inglese Peter Saunders, vittima di abusi sessuali da bambino, uno delle vittime dei preti pedofili che incontrarono Papa Francesco a luglio scorso in Vaticano. Tra i componenti della Commissione c’è un’altra vittima di abusi: Marie Collins, che portò la sua testimonianza al Simposio internazionale organizzato dall’Università Pontificia Gregoriana su questo tema nel 2012.

La prima riunione della Commissione integrata è fissata per il 6-8 febbraio prossimi; all’ordine del giorno la preparazione degli statuti della commissione, i quali definiranno le competenze e le funzioni dei vari componenti.

Tags:
lotta alla pedofiliapapa francesco
Top 10
See More