Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 17 Maggio |
Ascensione
home iconChiesa
line break icon

Buon compleanno, Santità!

© ServizioFotograficoOR/CPP

December 17, 2014: Pope Francis blows candles on a birthday cake on the occasion of his 78th birthday as he arrives for his weekly general audience in St. Peter&#039;s Square at the Vatican.<br /> EDITORIAL USE ONLY. NOT FOR SALE FOR MARKETING OR ADVERTISING

Chiara Santomiero - Aleteia - pubblicato il 17/12/14

In piazza S. Pietro i fedeli festeggiano il compleanno di Papa Francesco. In suo onore ballerini di tango invadono le strade adiacenti

Cori di "tanti auguri a te…!", cartelli con "feliz cumpleano" e musica gioiosa di cornamuse: piazza S. Pietro ha festeggiato con entusiasmo il compleanno di papa Francesco che il 17 dicembre compie 78 anni.

A sorpresa, durante il consueto giro in jeep tra i fedeli raccolti per l'udienza generale è spuntata anche una grande torta con i colori bianco e celeste della bandiera argentina, offertagli da un gruppo di sacerdoti sudamericani, e accompagnata da una tazza di mate, la bevanda tradizionale. Il papa ha spento le candeline e ha ringraziato, “brindando” con il mate.

Nel corso dei saluti, Francesco ha anche ringraziato e lodato l'iniziativa della "milonga" che si svolgerà questo pomeriggio, per festeggiare il compleanno del pontefice, in piazza Risorgimento, vicinissima al Vaticano.  L’idea di un “tango di Francesco” – è nota la passione del pontefice per questo ballo e la musica di Astor Piazzolla – è stata lanciata sui social network da Cristina Camorani, un’insegnante di ballo di Conventello (Ravenna) che è stata “travolta” dall’entusiastica adesione di migliaia di ballerini europei e argentini. Bergoglio, fermandosi ad ammirare lo sventolio dei fazzoletti bianchi dei tangueros presenti all’udienza, “vi auguro – ha detto loro in spagnolo – un buono spettacolo, che soffi un pò di vento 'pampero' da queste parti”.

Al termine dell’udienza, mescolati ai porporati che hanno salutato il pontefice, anche un gruppo di otto clochard, 5 uomini e 3 donne, che hanno regalato a Bergoglio dei girasoli per simboleggiare Cristo che è sole e centro di tutto.

A pochi passi da piazza s. Pietro, intanto, proseguono le 24 ore di preghiera no-stop organizzata al Centro san Lorenzo dall’Associazione dei Papaboys in occasione del compleanno di Francesco. E’ il secondo anno che si svolge l’iniziativa #Auguri Francesco (l’hastag lanciato su Facebook e Twitter) e vi collaborano, oltre al Centro internazionale giovanile S. Lorenzo, diversi gruppi e comunità.

Nel pomeriggio, ancora per festeggiare il compleanno nel modo a lui più congeniale, è previsto l’arrivo di un camion con 800 chilogrammi di polli da distribuire nelle mense per i poveri. Il dono arriva da una cooperativa spagnola e l’idea, come spesso accade, nasce dai piccoli: un bambino ha detto: “perché non regaliamo un pollo al papa?” e gli adulti, fortunatamente, hanno raccolto l’idea e l’hanno moltiplicata.

I poveri sono sempre al centro dei pensieri di papa Francesco: per stasera dal Vaticano è prevista una iniziativa a loro favore di cui non si conoscono i dettagli. La scorsa Pasqua ai senzatetto che gravitano nella zona di S. Pietro arrivò un biglietto d'auguri a firma del pontefice insieme a una somma di denaro.

Dall’altra parte del mondo, l’Argentina non ha dimenticato il genetliaco del suo illustre connazionale: sulla facciata della casa di Buenos Aires dove Bergoglio è nato da una famiglia piemontese immigrata in Sud America, le autorità del Municipio Flores/Buenos Aires scopriranno una targa commemorativa che dice: “In questa casa nacque Papa Francesco il 17 dicembre 1936”. La vera casa natale del pontefice è stata definitivamente accertata dopo accurate ricerche e si trova in via Varela 268, sicuramente da adesso tappa del papa Francesco tour che i turisti possono compiere a Buenos Aires.

Grande festa, quindi, per il compleanno di papa Francesco. Peccato che la sua abituale letizia sia offuscata dalle notizie che arrivano dal mondo: nel corso dell’udienza generale, Bergoglio ha pregato per le vittime degli atti terroristici compiuti nei giorni scorsi a Sidney, in Pakistan e nello Yemen e perchè si convertano i cuori dei violenti che “non si fermano nemmeno davanti ai bambini”.

Tags:
papa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
7
Padre Maurizio Patriciello
L’amore di un prete per i fratelli omosessuali e le sue pre...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni