Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 14 Aprile |
Beato Rolando Rivi
home iconChiesa
line break icon

La comunicazione secondo Bergoglio

ANDREAS SOLARO

Chiara Santomiero - Aleteia - pubblicato il 15/12/14

Nell’udienza agli operatori dell’emittente cattolica TV 2000 papa Francesco dà 3 criteri per il ruolo del comunicatore

I media cattolici hanno una missione molto impegnativa nei confronti della comunicazione sociale che devono cercare di preservare da “tutto ciò che la stravolge e la piega ad altri fini”. Propaganda, ideologie, fini politici o di controllo dell’economia e della tecnica sono spesso usate per manipolarla e in questo si gioca la responsabilità dei media cattolici e degli operatori: papa Francesco, nell’udienza al personale dell’emittente della Conferenza episcopale italiana TV 2000 ha dettato tre criteri per il ruolo del comunicatore.

RISVEGLIARE LE PAROLE ovvero del coraggio di parlare con franchezza
 “Ciò che fa bene alla comunicazione – ha affermato papa Francesco – è in primo luogo la parresia, cioè il coraggio di parlare con franchezza e libertà. Se siamo veramente convinti di ciò che abbiamo da dire, le parole vengono. Se invece siamo preoccupati di aspetti tattici, il nostro parlare sarà artefatto e poco comunicativo, insipido”. La libertà si esprime anche nella distanza da mode, luoghi comuni, formule preconfezionate, che “alla fine annullano la capacità di comunicare”. “Risvegliare le parole”: ecco, secondo Bergoglio, il primo compito del comunicatore.

APRIRE E NON CHIUDERE
La comunicazione, in secondo luogo, deve evitare sia di “riempire” che di “chiudere”. Si “riempie” quando si tende a “saturare la nostra percezione con un eccesso di slogan che, invece di mettere in moto il pensiero, lo annullano”. Si “chiude”, invece, quando, – e probabilmente il papa pensa anche al ruolo eccessivo che gli attribuiscono i media sia in positivo che in negativo – “invece di percorrere la via lunga della comprensione, si preferisce quella breve di presentare singole persone come se fossero in grado di risolvere tutti i problemi, o al contrario come capri espiatori, su cui scaricare ogni responsabilità”. Diventa allora frequente l’errore di “correre subito alla soluzione, senza concedersi la fatica di rappresentare la complessità della vita reale”, errore proprio di una comunicazione che è “sempre più veloce e poco riflessiva”. Il secondo compito del comunicatore, allora, è quello di “aprire enon chiudere”.

PARLARE ALLA PERSONA TUTTA INTERA

Parlare alla persona tutta intera”: ecco il terzo compito del comunicatore. Stando beni attenti a scansare quelli che il pontefice ha già indicato come “i peccati dei media”: la disinformazione, la calunnia e la diffamazione. Sembrerebbe più grave la calunnia, ha detto papa Francesco a braccio, ma nella comunicazione è "più grave la disinformazione perchè spinge a dire la metà delle cose, e questo porta a non potersi fare un giudizio preciso sulla realtà”. In assoluta controtendenza rispetto ai diktat odierni dei moderni comunicatori, secondo Bergoglio “una comunicazione autentica non è preoccupata di ‘colpire’”. “L’alternanza tra allarmismo catastrofico e disimpegno consolatorio, due estremi che continuamente vediamo riproposti nella comunicazione odierna – insiste il pontefice – , non è un buon servizio che i media possono offrire alle persone”. Occorre parlare “alle persone intere: alla loro mente e al loro cuore, perché sappiano vedere oltre l’immediato, oltre un presente che rischia di essere smemorato e timoroso del futuro”.

LA CULTURA DELL'INCONTRO

“Risvegliare le parole, aprire e non chiudere, parlare a tutta la persona – riassume papa Francesco che ha rivolto un incoraggiamento a Tv 2000 impegnata in una fase di ripensamento e riorganizzazione – rende concreta quella cultura dell’incontro, oggi così necessaria in un contesto sempre più plurale”. Con gli scontri, ha aggiunto ancora a braccio il papa "non si va da nessuna parte. La cultura dell'incontro è un bel lavoro per voi". Ma “ciò richiede – ha concluso il pontefice augurando Buon Natale a tutti gli operatori e alle loro famiglie riuniti in Aula Paolo VI ringraziandoli per l'onestà personale e professionale con la quale sono a servizio della Chiesa – di essere disposti non soltanto a dare, ma anche a ricevere dagli altri”. Bergoglio ha affidato, infine, tutti alla Madonna che, ha detto "è stata il comunicatore più importante perchè ha comunicato la notizia più importante".

Tags:
papa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
3
WIND COUPLE
Catholic Link
7 qualità per scegliere il partner secondo la Bibbia
4
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
5
Divina Misericórdia
Gelsomino Del Guercio
Il Papa celebra domenica la Divina Misericordia. Ma perchè questa...
6
FEMALE DOCTOR,
La Croce - Quotidiano
Atea e obiettrice di coscienza da 10 anni: “non ce la facev...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni