Aleteia
mercoledì 30 Settembre |
San Girolamo
Approfondimenti

Francesco e Gerusalemme, in cammino verso la pace

AFP PHOTO/POOL/ANDREW MEDICHINI

JERUSALEM : Pope Francis prays at the Western Wall, Judaism's holiest site, in Jerusalem's Old City on May 26, 2014. The 77-year-old pontiff faces a diplomatic high-wire act as he visits sacred Muslim and Jewish sites in Jerusalem on the final day of his Middle East tour. AFP PHOTO/POOL/ANDREW MEDICHINI

Emanuele D'Onofrio | Aleteia | Fri Dec 05 2014

Un libro ci racconta l’incontro tra Papa Francesco e il Medio Oriente, per la pace tra i popoli e tra le religioni

I momenti sono già diversi, tutti assai intensi, e hanno scandito finora alcune delle ore più importanti di questo pontificato. Il viaggio in Giordania e Israele e l’“invocazione della pace” nei Giardini Vaticani sono forse gli eventi più visibili di un processo nel quale papa Francesco si è offerto come strumento, egli stesso, verso la pace tra i popoli e la libertà delle religioni in Medio Oriente. Così scrive Paolo Lòriga nel suo libro, ora in uscita, Francesco e Gerusalemme. Sfida religiosa e politica(Città Nuova, 2014): “ecco la sua visione di Chiesa e di papato: mettersi in cammino con gli altri uomini, condividere le loro esistenze, in modo che la Chiesa non si limiti a custodire la verità, ma la scopra sempre rinnovata procedendo passo dopo passo con Gesù a fianco delle persone”. Il testo, che sarà presentato a Roma giovedì 11 dicembre prossimo (Centro Russia Ecumenica, ore 18), mette a disposizione del lettore la visione e anche le emozioni di chi ha seguito il Papa in queste tappe del lungo percorso verso la pace. Aleteia ha incontrato l’autore.

Qual è il progetto di Francesco per il Medio Oriente?

Lòriga: Penso che non abbia un progetto definito, se non quello dell’urgenza della pace per questi popoli che vivono in una situazione di enorme sofferenza e di assoluta mancanza di prospettive. Si muove e si muoverà a piccoli passi, partendo dalla consapevolezza di quello che ha maturato stando ad Amman, a Gerusalemme e a Betlemme, avendo assunto su di sé il dolore di questi popoli. Si è fermato al Muro del Pianto ma anche a quello della divisione, ha incontrato le famiglie dei palestinesi nelle loro situazioni di grande sofferenza, ma allo stesso tempo è stato anche al memoriale dello Yad Vashem a ricordo della Shoà: si sta muovendo a piccoli passi con la consapevolezza che le religioni possono svolgere un grande ruolo. Da qui viene l’accelerazione non solo per il dialogo, ma anche per la collaborazione con le altre Chiese cristiane. Un ruolo grande sta svolgendo l’amicizia e la sintonia soprattutto spirituale, direi strategica, con il patriarca Bartolomeo, l’abbiamo visto qualche giorno fa: Francesco chiede ad una Chiesa ancora divisa, ma con una maggiore propensione all’unità, una collaborazione per andare incontro alle altre due grandi religioni, l’Ebraismo e l'Islam.

Pace nel caso del Medio Oriente è una parola che vuol dire tante cose: è un percorso o un’idea definita, per Papa Francesco?

Lòriga: Lui si pone, da quello che ho colto stando lì e seguendo i vari appuntamenti in quelle tre giornate decisive ma anche nel cammino successivo che ha compiuto, non come protagonista ma come compagno di cammino degli altri. La pace, soprattutto lì, è una strada complessa, che ha tante valenze: non basta far tacere le armi perché si possa cominciare un cammino di pace. C’è da ritrovare soprattutto la fiducia, e la fiducia parte dai rapporti interpersonali. Per questo quando era lì a Gerusalemme è andato a bussare alla porta del Gran Rabbinato, alla porta del Gran Muftì. Perché se non si parte dai rapporti interpersonali – lo abbiamo visto durante l‘invocazione alla pace nei Giardini Vaticani, dove il rapporto con Abbas e con Peres era penetrato dalla fiducia – la pace resta una chimera. Papa Francesco sta indicando proprio questo: attraverso i rapporti interpersonali si può ritrovare fiducia. Non è un caso che lì abbia ritrovato due grandi amici, il rabbino e l’esponente del mondo dell’Islam, per trasmettere al mondo questo messaggio: “li conosco, ci conosciamo, questa fiducia e questa amicizia possono spalancare la porta alla pace”.

Chi è Papa Francesco, per chi lo guarda da Gerusalemme?

Lòriga: E’ un grande testimone, un uomo di Dio che non si fa forte della sua leadership della Chiesa cattolica ma vuol concorrere con gli altri responsabili delle religioni per servire l’uomo senza distinzione alcuna, facendo sue la memoria del dolore e le ferite aperte di ciascun popolo. E lì Gerusalemme è davvero l’icona delle periferie, delle difficoltà e delle sofferenze dell’umanità.

Quali sono gli ostacoli e le resistenze a questo percorso?

Lòrigo: Non voglio azzardarmi a interpretare il pensiero del Papa su questa materia così delicata e complessa. Certo c’è una situazione di precarietà della sicurezza lì in Terra Santa, tra israeliani e palestinesi, che è molto evidente. Occorre che la comunità internazionale, come ha sottolineato anche lui, dia una mano consistente per far sì che le sofferenze che ci sono state, e che portano a questo timore enorme dell’altro, possano trovare una soluzione con provvedimenti, così che non sia così frequente il percorso alle armi.

Quali sono i prossimi passi su questo cammino?

Lòrigo: Sono stati molto importanti dopo il viaggio in Terra Santa e l’Invocazione ai Giardini i due momenti vissuti da Papa Francesco in Curia: quello con l'imam quello con i responsabili delle Chiese nel Medio Oriente. Lì sono state elaborate alcune strategie che riguardano il diritto dei cristiani in quelle terre ad essere considerati cittadini a pieno titolo degli Stati in cui vivono, con delle tutele indispensabili che siano loro garantite. E allo stesso tempo è fondamentale la collaborazione con i leader delle Chiese cristiane che è un punto nodale per il futuro del Medio Oriente. Se le Chiese cristiane, questa è l’indicazione che vuol dare il papa, sono più unite e collaborano di più tra di loro, hanno anche maggiore autorevolezza – perché l’autorevolezza discende dall’unità – per proporsi presso i leader delle altre religioni, e anche presso i leader degli Stati, per lavorare a situazioni di pace, di giustizia e a prospettive di sviluppo. Infatti, uno dei grandi problemi lì è anche la mancanza di lavoro: per questo c’è un esodo di tanti, a cominciare dai cristiani.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
pacepace medio orientepapa francesco
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: "Ho visto i ...
Gelsomino Del Guercio
Parla il sacerdote che ha vinto 35mila euro a...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Oleada Joven
Lettera di Gesù a te: dalla mia croce alla tu...
LUXOR FILM FESTIVAL
Zoe Romanowsky
Un filmato potente di appena un minuto sul ma...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni