Aleteia
martedì 20 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Boscardin
News

San Francesco Saverio, patrono delle missioni

Public Domain

Aleteia - pubblicato il 03/12/14

Una delle più grandi figure del 1500 e della storia della Chiesa moderna

San Francesco Saverio è considerato il più grande missionario dell'epoca moderna. Spinto dall’ardente desiderio di diffondere il Vangelo, entrò in contatto con le grandi culture orientali, comunicando con genialità le Sacre Scritture e testimoniando la presenza del Signore alle popolazioni locali. 

Francesco Saverio è stato proclamato santo il 12 marzo del 1622 insieme al suo grande amico Sant'Ignazio di Loyola. Nel 1904 è diventato Patrono dell’Opera di Propagazione della Fede e nel 1927 Patrono delle Missioni insieme a Santa Teresa di Lisieux. Ma già nel lontano 1748 era stato dichiarato Patrono dell’Oriente. Oggi è una delle più grandi figure del 1500 e della storia della Chiesa moderna.

Le origini

Nasce nel 1506, nel castello di Xavier, da famiglia nobile. Nonostante le origini regali Francesco non sarebbe diventato un grande uomo politico come suo padre (era presidente del Consiglio reale di Navarra), né un guerriero come i suoi fratelli maggiori, ma un semplice missionario destinato a cambiare il mondo.

L'incontro con Sant'Ignazio

Nel 1525 si reca a Parigi, si laurea in Lettere e comincia la carriera accademica. Proprio qui conosce Ignazio di Loyola, altro spagnolo in trasferta a Parigi per studi. L’incontro voluto dalla Provvidenza si rivela decisivo per la sua vita. Egli stesso lo scrive in una lettera: “Quale grazia Nostro Signore mi ha fatto nell’aver conosciuto il signor Maestro Ignazio”. Ignazio aveva 15 anni più di lui, quindi più maturo di anni, più esperto della vita e più avanti nel cammino spirituale: si era già “convertito” a Gesù Cristo.

La Compagnia di Gesù

Dopo lunghe conversazioni con Ignazio nel 1533 avviene la “conversione” definitiva di Francesco a Gesù Cristo. Continua inoltre a far parte di quel gruppo di “ignazisti” che nel 1534 a Montmartre emettono i voti religiosi: è il primo nucleo della Compagnia di Gesù, chiamati poi Gesuiti. Diventato sacerdote a Venezia nel 1537, e dopo un po’ di apostolato nelle città di Vicenza e di Bologna, diventa segretario di Ignazio di Loyola per il biennio ’39-’40. Poi la svolta radicale, che segna per sempre la sua vita. Nel 1540 Francesco accetta con entusiasmo di sostituire un missionario in partenza che si è ammalato. Il papa Paolo III lo nomina nunzio apostolico per le Indie. E da quel giorno il suo orizzonte diventa il mondo.

Arrivo in Oriente

Nel maggio del 1542 è a Goa, allora capitale delle colonie portoghesi dell’Oriente ma il suo primo lavoro missionario è nelle coste meridionali del subcontinente indiano e nell’isola di Ceylon. Lavora con dedizione e amore tra i pescatori di perle, convertiti da poco tempo, e privi di cure pastorali. Francesco ne impara la lingua, e gli istruisce scrivendo per loro un Catechismo.

Il fascino giapponese

Poi un altro incontro: nell’isola di Malacca Francesco Saverio conosce Yajiro, un ex pirata nipponico che gli fa una bellissima descrizione del Cipangu, cioè del Giappone. Gli racconta che i giapponesi, un popolo animato dal desiderio di imparare e dell’interesse anche per le cose religiose. Francesco ascolta tutte queste cose, sognando già il suo nuovo campo di apostolato. Voleva presto rispondere a questo desiderio dei Giapponesi di conoscere “cose nuove su Dio”.

"Amano le cose di Dio"

Il 15 agosto 1549 sbarca a Kagoshima insieme ad un suo compagno missionario e Yajiro che nel frattempo riceve il battesimo prendendo il nome di Paolo della Santa Fede e diventando suo interprete. Il primo approccio con i nuovi amici da portare a Cristo non è semplice. Ma i frutti di conversione arrivano e sono abbondanti e consolanti. Lui stesso scrive con entusiasmo ai Gesuiti di Goa questo bellissimo elogio dei Giapponesi di allora: “La gente con la quale abbiamo finora parlato è la migliore che abbia mai incontrato, e credo che tra gli infedeli non se ne troverà mai altra che superi i giapponesi. È gente sobria nel mangiare; molti sanno leggere e scrivere; hanno una sola moglie; pochi sono i ladri; amano ascoltare le cose di Dio”. Nel Giappone Francesco battezza più di mille persone. Riesce a formare delle buone comunità di cristiani, compatte e composte da tutte le classi sociali.

L'ultima meta: la Cina

Francesco però si sente obiettare così dal popolo giapponese: se nel cristianesimo c’è la verità come mai in Cina non ne sanno niente? Per i Giapponesi di allora la Cina è il paese guida, in tutto, dalle scoperte scientifiche alle ultime mode. Quindi deve conoscere anche il Cristianesimo se questo è la verità. Francesco non ci pensa due volte e decide di partire per la Cina. Così lascia il Giappone per far ritorno a Goa e qui preparare il viaggio. Dopo varie difficoltà arriva sull’isola di Sanchnan, proprio davanti alle coste cinesi. Ma qui, all'età di 46 anni, fa ritorno alla Casa del Padre. Il suo sogno di evangelizzare la Cina si ferma. Ma altri nel suo ricordo e seguendo il suo esempio, avrebbero ripreso l’idea e realizzato il suo "progetto di fede".

Modello San Paolo

Come si vede dal suo continuo peregrinare, Francesco non si è mai stabilito in modo permanente in nessun luogo di missione, proprio come San Paolo. E come l'apostolo delle genti ha iniziato il lavoro missionario più difficile, ossia seminare i campi di seme evangelico. Altri poi lo avrebbero coltivato e curato, altri ancora ne avrebbero raccolto i frutti.

Le fonti storiche provengono da santiebeati.it e da "Anche Dio ha i suoi campioni" di Mario ScuduEditrice ELLEDICI, Torino 2011. 

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
san francesco saveriosanti e beati
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Religión en Libertad
Lo jihadista non è riuscito a decapitarmi: “C...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni