Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come vivevano la fede i primi cristiani?

© Julian Kumar / GODONG
Ícone ortodoxo de Jesus no Getsêmani
Condividi

Padre Scognamiglio racconta i volti di Gesù nei primi quattro secoli della Chiesa

L’ultimo lavoro editoriale di padre Edoardo Scognamiglio, teologo e filosofo della Provincia religiosa di Napoli dei Frati Minori Conventuali, da sempre impegnato nel dialogo interreligioso e Ordinario di Cristologia presso la Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale, riguarda i volti di Gesù nel cristianesimo delle origini.

GESU' IL "VENIENTE"
Il volume, si legge su L'Eco di Caserta (28 novembre), è incentrato sul modo con il quale le prime comunità cristiane hanno maturato una coscienza ecclesiale della fede con la morte e resurrezione di Gesù, proclamato (nel kerygma) Signore e Messia (Kyrios e Christos). L’autore spiega, con un racconto che trascina il lettore, come le immagini e i volti di Gesù Cristo che si possono tracciare dal punto di vista biblico, teologico e storico-critico nei primi quattro secoli hanno una radice comune: l’esperienza autentica e viva – ossia reale – che i discepoli hanno fatto di Gesù, il Crocifisso-Risorto. Uno dei primi titoli attribuiti a Gesù è quello di “Veniente”, ossia di “Colui che si rende presente allo spezzare del pane”. Cristo è presentato anche, nei Vangeli come il “Vivente” che non bisogna più cercare tra i morti.

IL MESSIA E I PRIMI CRISTIANI
In tre capitoli, prosegue il quotidiano casertano, l’autore ripercorre il cammino delle comunità primitive nella conoscenza e comprensione della presenza di Gesù “fatto uomo”. Il cristianesimo indica una funzione della Chiesa, ossia una comunità già formata che esprime la fede in Gesù Cristo e ne celebra il culto. Da qui l’autore sviluppa un interessante discorso che evidenzia come la fede in Gesù Cristo e la stessa Chiesa non possono essere visti soltanto come reazione assolutamente nuova e autonoma degli uomini rispetto alla vicenda umana di Gesù: sono due realtà che si co-appartengono e che ritrovano nell’umano di Gesù una medesima traccia d’origine o radice.

PASQUA DI RESURREZIONE 
La questione sul Gesù della storia e il Cristo della fede è posta nell’introduzione e sviscerata in buona sostanza nelle diverse fasi dello sviluppo dell’opera. Infatti, in relazione al Gesù della storia e al Cristo della fede, l’autore dice che “possiamo pacificamente affermare che gli inizi della cristologia neotestamentaria hanno due radici ben intrecciate tra loro”, a partire “dalla pasqua di resurrezione”. Le due radici sono: l’annuncio del Regno da parte di Gesù e l’annuncio della sua risurrezione da parte dei discepoli.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.