Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 22 Settembre |
San Maurizio
home iconStorie
line break icon

Un sacerdote confessa com’è ascoltare i peccati della gente

Anneka / Shutterstock

Zoe Romanowsky - Aleteia - pubblicato il 27/11/14

È una cosa notevole, il fatto che io stia seduto lì operando quello che San Paolo chiamava il “ministero della riconciliazione”. In realtà non lo opero io, ma il Signore. Gesù assume la persona del sacerdote; l’umanità del sacerdote è il pane del sacramento degli Ordini Sacri. Gesù ci assume e ci usa. Questo mi fa chiedere cosa ci sia in me per essere stato scelto per fare questo. C’è di fondo l’umiltà, in modo quasi spaventoso.

Ascoltare confessioni influenza il modo in cui lei stesso si accosta al sacramento e viceversa?
Sicuramente. Ad esempio, se interrompo rapidamente qualcuno cerco di ricordare che non mi piace essere interrotto durante la confessione. A volte bisogna farlo, ovviamente, ma cerco di ascoltare bene. In genere vado dallo stesso confessore, ma a volte posso trovarmi in un ambiente diverso e sono consapevole della bellezza di avere qualcuno che ascolta. C’è qualcosa di così potente nell’ascolto, permette a una persona di scaricarsi. Ciò che dico come confessore è una piccola parte. Ho imparato anche come direttore spirituale. Nel lasciar parlare la persona, c’è una guarigione. Spero di trasmettere la mia gioia per il fatto che la persona è lì. Vorrei che si sentisse a suo agio nel parlare.

Cosa rende un confessore grande?
La capacità di ascoltare. Dico ai giovani sacerdoti con cui lavoro che il 90% è l’ascolto – non si deve avere un consiglio saggio in ogni momento, non è questo l’obiettivo della confessione. Alla fine della giornata, il dono di aver ascoltato con misericordia è sufficiente.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
confessione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
6
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
7
SERENITY
Octavio Messias
4 suggerimenti contro l’ansia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni