Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Un sacerdote confessa com’è ascoltare i peccati della gente

Condividi

Intervista a monsignor Charles Pope sul sacramento della Riconciliazione

C’è una lunga lista di cose su cui incoraggio la gente a riflettere quando si prepara per la confessione, o dopo, come i sette peccati capitali, gli atteggiamenti, l’arroganza, la rabbia. Fare questo aiuta a far diventare le confessioni vive. Molti si frustrano perché confessano sempre le stesse cose… la chiave è andare più a fondo.

Cosa le ha insegnato sulla natura umana il fatto di ascoltare i peccati della gente giorno dopo giorno?
Mi ha insegnato ad avere pazienza con la condizione umana. Tutti noi abbiamo le nostre fissazioni, le nostre lotte. C’è un appello a prendere il peccato sul serio, ma nella maggior parte delle confessioni la gente ha a che fare con le proprie lotte, e ho scoperto che le lotte delle persone e i loro punti di forza sono strettamente collegati. Forse una persona è bravissima nei rapporti con le persone ma non con le cose, ad esempio, oppure è davvero passionale ma lotta con la castità. Le nostre lotte e i nostri punti di forza sono spesso collegati.

Ricordo che un confessore mi disse: “Indipendentemente da come risolvi questa cosa, non distruggere in questo processo Charlie Pope”. Ho preso a cuore questo consiglio. Spesso potremmo risolvere i nostri peccati in un modo che ci farebbe rinunciare ai nostri punti di forza, ma il Signore vuole che superiamo questo aspetto.

Che influenza ha avuto su di lei a livello emotivo e psicologico ascoltare confessioni per tanti anni?
La prima sensazione che ho quando qualcuno viene a confessarsi è sollievo. Ha ascoltato il Vangelo e questo lo ha portato al pentimento, ma anche alla speranza e alla grazia. Sono così felice che sia lì ed è il momento di essere gentile e di ascoltare. Uno dei pericoli per i sacerdoti è che siamo un po’ come i medici. Ricordo che anni fa sono andato da un medico che praticava da anni. Non lo sapevo, ma mi ero rotto le costole e pensavo di avere qualcosa di terribile. L’atteggiamento del medico era del tipo “Devi esserti rotto le costole, è una stupidaggine”. Aveva visto cose come quella milioni di volta, ma per me era tutto nuovo e spaventoso.

Come sacerdoti, abbiamo sentito di tutto e può esserci la tendenza a mettere un po’ il pilota automatico. Dobbiamo combattere questa tentazione. In quel momento dobbiamo cercare di stare con quella persona. Può essere la confessione numero trenta della giornata, ma non lo è per la persona che ci sta davanti. È importante cercare di “stare” nella situazione. Io cerco di “stare” ricordando San Giovanni Maria Vianney, che diceva di essere duri dal pulpito ma gentili nel confessionale.

Come si prepara spiritualmente ad ascoltare confessioni? Alla fine fa qualcosa di specifico che la aiuta a dimenticare ciò che ha ascoltato e ad andare avanti?
Mi confesso ogni settimana. I sacerdoti dovrebbero confessarsi spesso, altrimenti non possono essere confessori efficaci. La ritengo una preparazione importante. Il resto è principalmente quella che definiamo preparazione “remota”. Sono un blogger e uno scrittore, e buona parte del mio lavoro riguarda la vita spirituale e morale, per cui faccio molte letture spirituali. Credo che sia una condicio sine qua non per i sacerdoti, ed è sicuramente molto importante per me. In genere leggo qualche libro in un dato momento, e faccio un’Ora Santa ogni giorno. Ci sono dei momenti morti nel confessionale, e ne approfitto per sentirmi grato per la misericordia di Dio. Quando la gente mi chiede come sto, mi piace rispondere “Sono piuttosto benedetto per essere un peccatore”.

So che il sigillo della confessione è sacrosanto. Desidera mai poter condividere ciò che ha ascoltato con qualcun altro, o elaborare ciò che ha sentito?
Il divieto non è così assoluto da non poterne mai parlare; non si possono condividere particolari o qualsiasi informazione che permetta di identificare una persona, ma posso andare da un confratello sacerdote e parlare con lui a patto che non scenda nei dettagli. Ogni tanto posso anche usare qualcosa in un’omelia, ma sempre in modo molto generale.

Penso che tutti i sacerdoti sperimentino questo fatto, ma quando sono stato ordinato Dio mi ha benedetto con una scarsa memoria. Come sacerdote, senti così tante cose che è davvero difficile ricordare cosa ti ha detto la gente, e c’è tanto da tenere riservato – i consigli che dai, l’aiuto alle persone in crisi… Dopo qualche anno di sacerdozio, in genere alla fine della giornata non si riesce a ricordare ciò che si è ascoltato in confessione. La scarsa memoria è una grazia che ci offre Dio.

Come ha cambiato la sua vita spirituale il fatto di essere un confessore?
Per me è un dono immenso. La parola che mi viene in mente è umiltà.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni