Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 01 Dicembre |
San Charles de Foucauld
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Insolito: un reality show in un convento

Sisterhood – it

© Lifetime TV

Sisterhood

Aleteia - pubblicato il 26/11/14

“The Sisterhood: Becoming Nuns”, una nuova serie americana, vuole accompagnare cinque ragazze nel loro cammino di discernimento vocazionale

di Sylvain Dorient

È difficile immaginare una cosa più paradossale della decisione di una ragazza di diventare suora al centro dell'attenzione. È l'obiettivo del reality show “The Sisterhood: Becoming Nuns”, che partirà questa settimana negli Stati Uniti.

La trasmissione non ha cattive intenzioni. Le cinque ragazze scelte, simpatiche e gradevoli, attirano le telecamere e pongono fine alla tipica immagine delle suore che si ha a volte.

Stacey Jackson, una delle candidate, difende il programma, vedendolo come un mezzo per evangelizzare: “Abbiamo la missione di arrivare alle persone, e quelle della mia generazione sono sempre on-line o a guardare la televisione”.

La ragazza è un'eccezione: a 12 anni, mentre le sue amiche incollavano i poster delle star alle pareti della propria camera, si innamorava di Santa Teresa di Lisieux.

Ha avuto una carriera da attrice in un ambiente in cui la sua fede stona, ma a 26 anni si è chiesta se non dovesse sostituire le telecamere con l'abito religioso.

Il suo percorso atipico ha attirato il produttore del reality show, ma Stacey dubitava: “Volevo essere certa che prendesse la fede sul serio prima di impegnarmi”.

Tranquillizzata su questo aspetto, ha voluto anche una conferma dalla sua amata Teresa, e allora le ha chiesto di mostrarle se doveva proprio partecipare al programma. Nove giorni dopo, durante il carnevale le hanno donato un fiore: era il segnale che aspettava.

Le tappe del suo discernimento, insieme a quelle di altre quattro ragazze, riprese dalle telecamere, stoneranno nell'universo televisivo, afferma Stacey.

“Le persone si chiedono cosa sia importante nella vita. Chi sono senza il cellulare, il trucco o l'attenzione degli uomini?”, ha chiesto.

“La gente crede che le religiose siano amareggiate e noiose, ma io non avevo mai riso tanto nella vita quanto con loro. Hanno un autentico senso della gioia, e non sono prese dalle nostre piccole schiavitù. Sono allegre e sollecite”.

Secondo uno dei registi che hanno diretto la Jackson in passato, è non solo una grande attrice, ma anche “una ragazza la cui fede è contagiosa”.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
conventoreality show
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni