Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 15 Maggio |
Sant'Isidoro
home iconApprofondimenti
line break icon

Rientrano 23 milioni di euro nelle casse dello Ior

© Gabriel BOUYS / AFP

El torreón de Nicolás V, sede del IOR

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 18/11/14

La somma era stata posta sotto sequestro nel 2010

Dopo quattro anni, stanno per rientrare Oltretevere i 23 milioni di euro all’origine dello scandalo che ha travolto lo Ior.

SOTTO SEQUESTRO NEL 2010
La somma era stata posta sotto sequestro nel settembre 2010 sul conto dello Ior presso il Credito Valtellinese (ex Artigiano) per ordine della Procura di Roma (con indagine nei confronti dell’allora presidente Ettore Gotti Tedeschi, totalmente prosciolto a inizio 2014, e di Paolo Cipriani e Massimo Tulli allora direttore generale e vice direttore generale dell’Istituto) (Corriere della Sera, 18 novembre),

LA SVOLTA DELLA SANTA SEDE
Il sequestro preventivo, si rileva, "è stato revocato nel giugno 2011, sebbene i fondi siano rimasti vincolati a causa di irrisolte questioni connesse all’adeguata verifica, la cosiddetta ‘customer due diligence‘. Il rimpatrio dei fondi è stato ora reso esecutivo anche per effetto dell’introduzione da parte della Santa Sede, avvenuta nel 2013, di un solido sistema di prevenzione e contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo, e di vigilanza" (Adn Kronos, 18 novembre).

COLLABORAZIONE INTERNAZIONALE
Questo sistema, ricorda ancora la nota vaticana, "è stato riconosciuto dal Comitato ‘Moneyval’ del Consiglio d’Europa nel dicembre 2013. La Santa Sede ha inoltre rafforzato la sua collaborazione a livello internazionale con Paesi come Italia, Germania, Stati Uniti e Regno Unito stipulando diversi accordi bilaterali. Lo Ior intrattiene rapporti con circa 35 banche straniere in tutto il mondo, mediante le quali esso effettua attività di tesoreria e servizi di pagamento globali al servizio della Chiesa".

SEGNALE IMPORTANTE
L’operazione è valutata dallo Ior, secondo quanto si apprende, molto positivamente. «Un segnale importante», lasciano trapelare dal Torrione Niccolò V, perché pur non trattandosi di una somma rilevante comunque la decisione riapre i canali di operatività con l’Italia (La Stampa, 18 novembre).

Tags:
ior
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
6
Gelsomino Del Guercio
Marino Bartoletti: mi sono affidato alla Madonna dopo la morte di...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni