Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 14 Giugno |
Sant'Eliseo
home iconChiesa
line break icon

L’autismo non è una colpa

© Public Domain

Chiara Santomiero - Aleteia - pubblicato il 18/11/14

Una conferenza internazionale in Vaticano e un'udienza con Papa Francesco: la Chiesa solidale con il mondo dell'autismo

Incapacità congenita di stabilire contatti normali con le persone: è questa la diagnosi terribile dell'autismo, un disturbo comportamentale che secondo le statistiche più recenti colpisce nel mondo un bambino ogni 100-110. Un problema non da poco per le capacità dei genitori di affrontarlo e per gli equilibri delle famiglie a cui va dato un adeguato supporto spirituale e cure pastorali. E' per questo motivo che il Pontificio Consiglio per la pastorale della salute ha convocato in Vaticano, dal 20 al 22 novembre, la conferenza internazionale sul tema "La persona con disturbi dello spettro autistico: animare la speranza", presentata oggi alla stampa. All'incontro parteciperanno 650 persone di 57 paesi di tutti i continenti che sabato 22 saranno ricevuti in udienza da Papa Francesco insieme a persone affette da autismo, alle loro famiglie e alle associazioni che operano in questo settore.

UNA SFIDA AL RIFIUTO SOCIALE

"Quasi una sfida" ha definito mons. Zygmunt Zimowski, presidente del Pontificio Consiglio per la pastorale della salute la scelta del tema della conferenza a causa del misto di "ignoranza e diffuso rifiuto sociale" che circonda l'autismo e le altre diverse sintomatologie rientranti nei cosiddetti Disturbi dello spettro autistico (DSA o, utilizzando l'acronimo inglese, "ASD" – Autistic Spectrum Disorders). Non è la prima volta che il dicastero per la pastorale della salute se ne occupa perchè in passato ha preparato tre Messaggi in occasione della Giornata mondiale dell'Autismo, che si celebra il 2 aprile di ogni anno. E' necessario offrire un sostegno sia alle persone con DSA sia a chi se ne prende cura di fronte alle "innumerevoli difficoltà, a partire da quelle etiche, morali e spirituali, che affrontano". Per questo l'appuntamento in Vaticano che intende proporsi come "appuntamento autenticamente internazionale, a carattere medico-scientifico e pastorale" per permettere lo scambio di esperienze tra gli specialisti di questi disturbi e gli esperti a livello socio-assistenziale e pastorale di tutto il mondo. La principale finalità, ha chiarito mons. Zimowski, è "individuare e reperire gli strumenti più adatti alla cura anche spirituale di chi, direttamente od indirettamente, è colpito da un disturbo di tipo autistico" e, soprattutto "poter animare la Speranza, ridare lo slancio esistenziale anche a chi vive i casi più difficili, nonché per coloro – professionisti della salute, familiari, associazioni – che se ne prendono cura".

In questo senso va letta l'esposizione, nell'Aula Nuova del Sinodo sede della conferenza, delle opere di un pittore autistico di Taiwan, il signor Leland Lee, che è riuscito ad affermarsi come artista in ambito internazionale e che presenzierà all'evento.

PER NIENTE FACILE

E' davvero complesso rendersi conto delle difficoltà cui vanno incontro coloro che hanno a che fare con l'autismo, anche nell'ambito della stessa conferenza. In che modo, per esempio, organizzare l'incontro con Papa Francesco per rendere partecipi le persone superandone la condizione di isolamento? L'aiuto arriva dalle esperienze già maturate come quella degli artisti formatisi alla scuola Centro Europeo Tuscolano, fondato e diretto dal M° Giulio Rapetti Mogol che da anni lavora con gruppi di ragazzi autistici, in particolare con l’ippoterapia e la musicoterapia. Dopo un primo momento di preghiera e testimonianze, nell'incontro con Papa Francesco si darà spazio alla musica insieme ai cantanti Arisa e il gruppo dei Tazenda accompagnati da 60 componenti il Coro di Voci Bianche dell’Istituto Marymount di Roma che aiuterà anche i presenti ad una gestualità – darsi la mano seguendo un movimento ritmico – che è inconsueta nelle persone autistiche.

Tags:
autismopapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni