Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 21 Giugno |
San Luigi Gonzaga
home iconChiesa
line break icon

Perché a Messa si passa un cestino per raccogliere denaro?

© Jim Pruitt/SHUTTERSTOCK

Patricia Navas - Aleteia - pubblicato il 17/11/14

Nella colletta si raccolgono donazioni per i poveri o per le necessità della Chiesa, come dimostrazione della condivisione dei beni ed espressione di ciò che ciascuno offre di sé

C'è un momento della Messa, quando si presentano il pane e il vino che si trasformeranno nel Corpo e nel Sangue di Cristo, in cui in genere passa un cestino per raccogliere denaro.

Che senso e che origine ha questa colletta? È obbligatorio dare del denaro? Non distrae dalla celebrazione, e non può anche indurre a credere erroneamente che si stia chiedendo un prezzo per assistere alla Messa?

Il senso della colletta della Messa è la condivisione dei beni, spiega il Messale Romano.

“Si offrono doni materiali per i poveri assistiti dalla comunità cristiana o per le necessità della parrocchia”, ha spiegato ad Aleteia l'esperto in liturgia Jaume González Padrós.

È obbligatorio?

Con il gesto di passare il cestino al momento dell'offertorio, i cristiani sono chiamati ad aggiungere al proprio apporto spirituale al sacrificio della Messa l'apporto materiale. Ovviamente, sempre in modo libero, in base alla propria coscienza.

“Quello a cui si fa appello è la coscienza di ogni fedele”, ha segnalato il direttore del segretariato della Commissione Episcopale di Liturgia della Conferenza Episcopale Spagnola, Luis García Gutiérrez. “Ogni cristiano deve essere consapevole del suo dovere di collaborare con la Chiesa nei suoi fini e per il suo sostentamento. È un comandamento della Chiesa”.

Offrire del denaro quando passa il cestino “non è un obbligo, ma ciascuno in coscienza decide come può collaborare”.

In questo senso, ha spiegato che “un fedele disoccupato con è come uno che guadagna 3.000 euro al mese. Ciascuno deve scoprire nella propria coscienza in che grado deve collaborare, o forse non può…”.

Fin dall'epoca dei primi cristiani

L'abitudine di raccogliere offerte risale alle origini della Chiesa, anche se il modo è cambiato con il passare del tempo.

I primi cristiani portavano a Messa il pane e lo offrivano perché il sacerdote lo consacrasse. Di fatto, anche oggi nelle liturgie orientali i fedeli portano il pane, e quello che non viene usato nella Messa si dona ai poveri.

In seguito anziché il pane la gente offriva altri doni per i poveri e i bisognosi o per la Chiesa.

Anche oggi si raccolgono vari prodotti in alcuni luoghi o momenti, ad esempio una campagna natalizia. In questo caso, i doni vengono collocati in un posto idoneo fuori dalla tavola eucaristica.

“Nella società occidentale odierna, risulta più comoda una colletta economica per le necessità della parrocchia e per i poveri che portare cibo”, ha sottolineato García Gutiérrez.

Oltre a quelle abituali, ci sono collette speciali, stabilite dalle Conferenze Episcopali per uno scopo determinato della Chiesa – caritatevole, di evangelizzazione, di formazione di seminaristi… -, sempre legato all'azione evangelizzatrice, pastorale e caritativa della Chiesa.

La colletta si è sempre svolta nello stesso momento della Messa, quando si presentano il pane e il vino, perché è legata alla presentazione dei doni nell'Eucaristia.

Secondo García Gutiérrez, una volta passato il cestino non è corretto lasciarlo sull'altare – dove devono stare solo il pane e il vino – né portarlo in sacrestia, ma va deposto ai piedi dell'altare come espressione di ciò che ciascuno offre di sé.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
liturgia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
6
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
7
DON DAVIDE BAZZATO
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: ho desiderato un figlio, ma ho scelto la cast...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni