Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 21 Settembre |
San Matteo
home iconStile di vita
line break icon

Chi nasce tondo può morire quadrato?

Specialist 1st Class Chad Runge

Vinonuovo.it - pubblicato il 10/11/14

Sul pessimismo che trasmettiamo anche ai nostri ragazzi. E sul bisogno di un'educazione che faccia respirare, pensare e sognare

di Marco Pappalardo

Quando frequentavo i primi anni del liceo, ricordo che ci portarono al cinema a vedere il film "Mery per sempre", ambientato nel carcere minorile di Palermo. Da allora non porto con me le scene dure o il linguaggio violento, ma queste parole: «Chi nasce tondo non può morire quadrato!».

Nonostante anche la geometria sostenga questa espressione, io non vi ho creduto allora e ancor di meno ora da adulto e educatore, e non penso che sia perché non amo quella materia. Non sempre noi educatori, docenti, genitori, crediamo fino in fondo all’azione educativa o a quanto professiamo; spesso si resta fermi alle buone intenzioni, alle idee, alle teorie, ai convegni e alla tante parole, forse troppe! C’è bisogno di uno sguardo nuovo, meravigliato, trasognato e allo stesso tempo concreto sull’educazione; cambia la prospettiva, si va all’essenziale, si guarda con il cuore, si sta con i piedi per terra, lo sguardo in cielo e in maniche di camicia. C’è bisogno poiché spesso la società e l’ambiente in cui si nasce e cresce non fanno respirare, pensare e sognare. 

Qualche tempo fa sono stato invitato da due colleghe pugliesi per parlare agli alunni di una scuola professionale e di una scuola media che si trovano la prima in un paese e l’altra in un quartiere periferico. Con loro ho iniziato a confrontarmi partendo dalla domanda "Chi nasce tondo, può morire quadrato?". All’inizio della discussione solo pessimismo sia nei piccoli che nei grandi: «Tanto qui siamo tutti così», diceva uno; «qui non può cambiare niente», affermava un’altra; «io ho provato a essere diverso, ma sono rimasto solo perché tutti la pensano allo stesso modo».

Queste parole, le loro espressioni deluse, i volti "sconfitti" già a 12 o a 16 anni, sono state per me frecce appuntite come quelle parole del film. Hanno colpito il mio cuore e la mia mente continuamente, chiedendomi di mettermi in gioco, di non smettere di credere e di testimoniare il bene che c’è in questo mondo, che è possibile spiccare il volo e far quadrare il cerchio della propria vita. Così, dopo averli ascoltati, ho fatto vedere e commentare loro alcune scene del film «Les choristes», in cui un insegnante di musica, assunto come sorvegliante in un istituto di rieducazione per minori, crede al cambiamento, nel lato buono delle cose, nella possibilità che anche i ragazzi difficili abbiano sempre «un punto accessibile al bene» e che valorizzarli sia il modo migliore per non precludere loro la speranza nel futuro. Questo ottimismo lo induce a concedere varie opportunità di crescita ai suoi giovani allievi e dalla loro maturazione e soddisfazione trarrà arricchimento lui stesso. «Percepisco – afferma Mathieu – negli sguardi dei miei ragazzi il desiderio di libertà, di costruirsi capanne in cima agli alberi, e di non poterlo fare».

Anch’io, alla fine dell’incontro con quei ragazzi, ho percepito qualcosa, ho visto alcuni sguardi rinnovati almeno in quel momento, ho sentito parole nuove come «allora ce la posso fare pure io» o «da soli è più difficile, ma se qualcuno ci aiuta è possibile». Più di tutto due scene porterò nel cuore e non del film bensì dai due incontri con le scuole: un ragazzo che, finito il confronto, mi racconta il suo sogno di fare il volontario nella Croce Rossa e una ragazzina che, al suono della campana, senza che nessuno le dicesse nulla, aiuta il compagno diversamente abile a sistemare lo zaino, a pulirsi il naso, e gli fa compagnia nell’atrio della scuola finché non vengono i genitori a prenderlo.

Mi spiace per i matematici, ma la geometria ha perso: il cerchio è quadrato! 

Qui l’originale

Tags:
libertàscuola
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
7
SERENITY
Octavio Messias
4 suggerimenti contro l’ansia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni