Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 23 Giugno |
San Giuseppe Cafasso
home iconChiesa
line break icon

Il carisma religioso non si conserva in bottiglia

ANDREAS SOLARO

Chiara Santomiero - Aleteia - pubblicato il 07/11/14

Papa Francesco ai religiosi del Cism: “nella vita fraterna meglio i pugni che il terrorismo delle chiacchiere”

La vita religiosa vissuta autenticamente spinge le persone a chiedersi il motivo di una esistenza spesa oltre se stessi e diventa ragione di attrazione verso la Chiesa. Papa Francesco ha ricevuto in udienza i partecipanti alla 54^ Assemblea della Conferenza italiana Superiori maggiori (Cism) che si conclude oggi a Tivoli sul tema “Missione della Chiesa e vita consacrata alla luce della Evangelii gaudium” e ha condiviso con loro alcuni punti di riferimento per il cammino nella vita religiosa.

“Che cosa c’è qui?” e “Che cosa spinge questa persona oltre l’orizzonte mondano?”: queste domande sorgono spontanee nella gente, secondo Papa Francesco, “davanti alla testimonianza di un fratello e di una sorella che vive veramente la vita religiosa”.

Se la “decisione” di chi rinuncia a tutto per diventare discepolo del Signore è richiesta, “con forme diverse” ad ogni cristiano, tanto più deve distinguere “chi segue il Signore nella via della vita consacrata”. I religiosi sono chiamati a darne “testimonianza profetica” e questa “coincide con la santità”.

La vera profezia, ha ricordato Bergoglio “non è mai ideologica, non è ‘alla moda’, ma è sempre un segno di contraddizione secondo il Vangelo, così come lo era Gesù” che fu un segno di contraddizione per tutti: le autorità religiose del suo tempo – i capi dei farisei e dei sadducei, i dottori della legge –ma anche le altre proposte degli esseni o degli zeloti.

“Non vogliamo combattere battaglie di retroguardia, di difesa, ma spenderci tra la gente”: papa Francesco nell’apprezzare le parole rivoltegli dal presidente del Cism, padre Luigi Gaetani, ha sottolineato come questo atteggiamento richieda “conversione, preghiera, adorazione, condivisione con il popolo santo di Dio che vive nelle periferie della storia”.

“Decentrarsi”: questa è la parola d’ordine affinché un carisma sia fecondo, perché “al centro ci sia solo Gesù Cristo”.

“Il carisma – ha aggiunto Bergoglio – non va conservato come una bottiglia di acqua distillata, va fatto fruttificare con coraggio, mettendolo a confronto con la realtà presente, con le culture, con la storia, come ci insegnano i grandi missionari dei nostri istituti”.

Al mondo serve oggi la testimonianza di “una vita fraterna” contro la “cultura dominante individualista, centrata sui diritti soggettivi” che corrode la società "a partire dalla sua cellula primaria che è la famiglia”. Invece la vita religiosa può dimostrare che è possibile vivere insieme come fratelli nella diversità perché “nella comunità non ci si sceglie prima, ci si trova con persone diverse per carattere, età, formazione, sensibilità… eppure si cerca di vivere da fratelli”. E’ vero, non sempre si riesce a farlo ma, ha ammonito il pontefice aggiungendo a braccio al discorso scritto: “Se hai qualcosa contro tuo fratello, diglielo in faccia. Qualche volta finirà a pugni, ma è meglio del terrorismo delle chiacchiere”.

E poi, quando si sbaglia, “perché siamo tutti peccatori”, occorre riconoscerlo e chiedere e offrire perdono. Tutto questo, ha concluso Bergoglio “fa bene alla Chiesa: fa circolare nel corpo della Chiesa la linfa della fraternità. E fa bene anche a tutta la società”.

Tags:
papa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
7
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni