Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 25 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconSpiritualità
line break icon

Conoscere i gesti e gli atteggiamenti che aiuteranno a vivere meglio la Messa

P.RAZZO/CIRIC

Padre Henry Vargas Holguín - pubblicato il 05/11/14

5- ACCLAMAZIONE DELL’ASSEMBLEA: Il sacerdote: “Mistero della fede”. I fedeli rispondono: “Annunciamo la tua morte, Signore…” (Chi si è inginocchiato si alza).

6- ANAMNESI: Con essa la Chiesa realizza il memoriale di Cristo stesso, rinnovando principalmente la sua beata passione, la sua gloriosa resurrezione e la sua ascensione al cielo. Il sacerdote dice: “Celebrando il memoriale…”.

7- OBLAZIONE: Offerta del pane della vita e del calice della salvezza. Attraverso questo la Chiesa offre al Padre nello Spirito Santo la vittima immacolata.

8- PREGHIERE DI INTERCESSIONE: Attraverso di esse si esprime il fatto che l’Eucaristia si celebra in comunione con tutta la Chiesa, sia con quella del cielo che con quella della terra. Il sacerdote dice: “Ricordati, Signore, della tua Chiesa diffusa su tutta la terra…”

9- DOSSOLOGIA: (esclamazione propria del sacerdote) Il sacerdote dice: “Per Cristo, con Cristo e in Cristo…”. In questo modo si esprime la glorificazione di Dio, che è affermata e conclusa con l’acclamazione “Amen” da parte del popolo.

IV. RITO DELLA COMUNIONE

A. PADRE NOSTRO: Preghiera congiunta tra sacerdote e fedeli. Come pratica pietosa, se alzate le mani o prendete quelle dei vostri familiari per recitare il Padre Nostro non forzate altri a seguire la vostra pratica personale; alcuni sarebbero più attenti al contatto con voi che alla preghiera in sé.

B. EMBOLISMO: (preghiera propria del sacerdote) Sviluppa l’ultima richiesta del Padre Nostro per tutta la comunità dei fedeli, la liberazione dal potere del male. Il popolo conclude con la dossologia: “Tuo il regno, tua la potenza e la gloria”.

C. SALUTO DELLA PACE. È un momento di frequenti abusi e motivo di disordine; si mantenga il clima di raccoglimento e di silenzio. Il fedele stringe la mano solo di chi gli sta a lato, perché è solo un saluto di pace. Sarà necessario che al momento si darsi la pace SI EVITINO alcune azioni come:

1- L’introduzione di un “canto per la pace”, inesistente nel Rito romano.

2- Gli spostamenti dei fedeli per scambiarsi la pace.

3- Il fatto che il sacerdote abbandoni l’altare per dare la pace ad alcuni fedeli.

4- Che in alcune circostanze il rito di darsi la pace sia occasione per porgere auguri o condoglianze tra i presenti (Lettera circolare della Congregazione per ilCulto Divino e la Disciplina dei Sacramenti sul rito della pace, nº 6).

Se devi riconciliarti con qualcuno (anche se è assente), fallo prima della Messa, compiendo ciò che dice il Signore: “Se dunque presenti la tua offerta sull’altare e lì ti ricordi che tuo fratello ha qualche cosa contro di te, lascia lì il tuo dono davanti all’altare e và prima a riconciliarti con il tuo fratello e poi torna ad offrire il tuo dono” (Matteo 5, 23-24). Il rito del saluto di pace non è quindi il momento per stiramenti sovrumani del braccio, saluti a distanza, giri o spostamenti.

D. CANTO DELL’AGNELLO DI DIO E FRAZIONE DEL PANE: Il sacerdote prende il pane consacrato, lo spezza sulla patena e ne lascia cadere una parte nel calice (commistione o immistione), dicendo una preghiera in segreto a significare l’unità del Corpo e del Sangue del Signore, ovvero del Corpo di Cristo Gesù vivente e glorioso nell’opera della redenzione.

E. RITO DI PROCESSIONE DI COMUNIONE E CANTO DI COMUNIONE: Il canto di Comunione, al quale tutti si devono unire – in piedi –, si comunichino o meno, deve finire quando si comunica l’ultimo fedele.

Comunicarsi idealmente in bocca e se è possibile in ginocchio. La Comunione nella mano è un’opzione, ma la forma generale e ideale della Chiesa è ricevere la Comunione in bocca e in ginocchio come atto di assoluto rispetto verso il Santissimo Sacramento

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Tags:
liturgia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni