Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 06 Marzo |
San Julián di Toledo
home iconChiesa
line break icon

L’annunciazione e la visitazione nella mia vita

© FotoRita

padre Carlos Padilla - pubblicato il 03/11/14

Annunciazione e visitazione sono intimamente unite nella vita di Maria e nella nostra

Abbiamo sperimentato l’amore di Maria nella nostra vita. Abbiamo vissuto la sua accoglienza, la sua mano santa che calma il cuore. Abbiamo toccato la pace di saperci inscritti per sempre nel suo cuore di Madre. Abbiamo visto, ascoltato, trovato, toccato, sentito. La vita e la pace, i sogni sacri che ci danno la vita.

Abbiamo toccato pietre sante sulle quali riposiamo, sulle quali costruiamo. Abbiamo gridato e riso rallegrandoci per la vita.

Abbiamo taciuto, in ginocchio, pregando nel profondo dell’anima, perché quell’incontro personale con Maria nella nostra storia è ciò che ci cambia. Abbiamo pregato nel nascondimento di un santuario, nella sacralità di un bosco.

Abbiamo donato la vita, l’abbiamo seppellita per sempre sicuri di recuperare un giorno quello a cui abbiamo rinunciato. Non ci appartiene il tempo che ci viene regalato, né la terra, né le persone che Dio mette sul cammino. Non è nostro l’amore seminato nell’anima, né l’amore che doniamo a volte con riserva. Sappiamo che solo se il seme muore dà frutto. Lo sappiamo.

Guardiamo indietro commossi. Maria accoglie quel “sì” dato alla nostra storia, al nostro cammino. Apparteniamo interamente a Dio. Ella ci ha accolti con il suo cuore aperto. Siamo parte del Santuario. Siamo santuari viventi.

Due immagini ci hanno accompagnato questi giorni nella celebrazione del giubileo dei cent’anni del movimento di Schönstatt: l’Annunciazione dell’angelo a Maria e la visita a sua cugina Elisabetta.

L’Annunciazione ha a che vedere con il nostro “sì”, con la nostra disponibilità ad essere figli. Ciò che ci salva nella vita è imparare ad essere bambini. Gesù è stato figlio. Ha imparato tra le braccia di Maria ad essere uomo essendo bambino. Ha imparato tra le braccia di Dio ad ascoltare i suoi desideri. Si è lasciato educare, curare, accogliere.

Maria nell’Annunciazione è anche lei figlia, bambina debole nelle mani di Dio. Il “sì” silenzioso di Maria nell’Annunciazione è il “sì” di una bambina che ha imparato a confidare, spogliandosi delle proprie certezze. Maria si lascia guidare. Accetta la propria condizione di serva e si mette nelle mani di Dio. Inizia così il cammino della sua vita.

La visitazione è possibile solo partendo dall’esperienza della precarietà. Quando non temiamo nulla, quando siamo vuoti, quando non temiamo di perdere i nostri diritti, possiamo intraprendere il nostro esodo.

Maria si è fatta povera e si è messa in cammino. Obbedendo, appartenendo interamente a Dio. Noi siamo quei figli che Maria cerca. Si è messa in cammino. È quello che fa sempre. Non solo ci aspetta, ci viene a cercare. Ci seduce con il suo amore. Ci abbraccia aspettando la nostra risposta. Aspetta con rispetto il nostro “sì”.

Annunciazione e visitazione sono intimamente unite nella vita di Maria e nella nostra. Non c’è via d’uscita senza il nostro “sì” nella dedizione. Senza annunciazione non può esserci visitazione.

Abbiamo sperimentato l’annunciazione. L’Angelo del Signore è venuto nella nostra vita a dirci che ha bisogno di noi. E noi in ginocchio abbiamo detto “sì” donando la nostra vita.

Per questo abbiamo sperimentato anche il desiderio di visitare, di portare il volto di Maria in tanti luoghi. Diciamo di sì e ci mettiamo in cammino. Portiamo il volto di Maria nella nostra anima. La sua vita, la sua grazia, la sua forza.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
annunciazione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
SANREMO, FIORELLO, AMADEUS
Annalisa Teggi
10 canzoni che hanno parlato di Dio dal palco di Sanremo
5
MADONNA
Maria Paola Daud
La curiosa immagine della Vergine Maria protettrice dal Coronavir...
6
PUSTYNIA
Felipe Aquino
Attenzione alle penitenze assurde in Quaresima
7
Gelsomino Del Guercio
“Solo tu potevi capire Maria”. Lettera di Don Tonino Bello a San ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni