Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 07 Maggio |
San Domenico Savio
home iconNews
line break icon

Naturopatia: lontana o vicina al cattolicesimo?

© Yuriyzhuravov/SHUTTERSTOCK

Emanuele D'Onofrio - Aleteia - pubblicato il 31/10/14

Sempre più diffusa è una disciplina che affonda le sue radici in un terreno sconosciuto ed instabile

In questi tempi difficili, sentiamo nascerci dentro sempre nuove inquietudini che aggrediscono la nostra mente, il nostro corpo e anche il nostro spirito. Ci sentiamo spauriti e disorientati, e arriviamo a pensare che i metodi tradizionali per uscirne non bastino. Capita allora di bussare alle porte sbagliate e di inoltrarsi in corridoi intrecciati di pseudodiscipline o pseudoscienze che di recente si sono accumulate nella nostra cultura occidentale. Per questo, sollecitati anche da alcuni nostri lettori, abbiamo deciso di fare chiarezza su una scienza nuova come la naturopatia, per capire cos’è, come funziona e soprattutto se sia compatibile o meno con la sensibilità cattolica. Ci siamo rivolti alla dottoressa Tonella Doro, presidente di Naturaliter, l’associazione di categoria dei naturopati, e direttrice dell’istituto di naturopatia Eunam e, dal lato cattolico, abbiamo chiesto un parere alla dottoressa Marcella Pioli, medico e presidente del GRIS (Gruppo di ricerca e informazione socio-religiosa), sezione di Torino.

Cos’è la naturopatia?

Doro: E’ una scienza umanistica che si occupa della persona, non una professione sanitaria. Il naturopata si occupa dell’essere umano; il compito del naturopata è quello di contestualizzare il disturbo, andare alla causa di un problema. Per noi dietro a un problema o a un sintomo c’è un vissuto di cui la persona non ha consapevolezza. Il disturbo lo consideriamo il costo biologico che la persona sta pagando per adattarsi a qualcosa che non gli è congeniale. Il compito del naturopata è quello di ripristinare lo stato di salute andando a vedere cosa sta pagando quella persona: come è fatta, come funziona da un punto di vista di “terreno”. Inoltre ha un suo ruolo educativo, perché deve accompagnarla a svolgere una vita che sia nella sua natura. Noi non entriamo assolutamente nella struttura psichica e non ci sovrapponiamo mai e poi mai al ruolo dello psicologo. Per noi il corpo dice tutto. Il corpo parla attraverso i suoi disturbi, che dunque diventano un linguaggio.

Come si svolge un incontro tra un naturopata e un paziente?

Doro: Innanzitutto noi non lo chiamiamo “paziente”, che è un termine che ha un’accezione negativa. Noi lo chiamiamo “cliente” e lo consideriamo come persona. In un incontro una persona spiega qual è il motivo della sua richiesta, quali problemi ha, e il naturopata deve cercare di capire il contesto in cui si è sviluppato quel problema. Ogni persona ha un suo terreno biologico dato sia dall’aspetto fisico sia da quello energetico, ma anche dal modo di porsi e disporsi nei confronti della vita. Una persona che vive costantemente con un disagio, nel mondo del lavoro o in famiglia, alla lunga sentirà il corpo parlare attraverso un disturbo. Una pillola che arriva dall’esterno può risolvere questo disturbo? Assolutamente no. Lo si può risolvere se si risale al problema che glielo provoca. Certo, non deve essere un disturbo strutturale, cioè una vera e propria malattia; in quel caso noi insistiamo perché vadano dal medico o dallo psicologo.

L’origine della naturopatia è nelle filosofie orientali?

Doro: La filosofia naturopatica affonda le radici nelle filosofie umanistiche. Quelle orientali, che hanno millenni e millenni di storia, hanno il pregio di aiutarci a capire come funziona da un punto di vista energetico la persona. Noi non possiamo ignorare che siamo fatti anche di un corpo energetico, oltre che di un corpo fisico, di un corpo mentale e, perché no, di un corpo spirituale. Il naturopata non pratica la medicina orientale, ma da quelle filosofie apprende come funziona l’essere umano da un punto di vista energetico. In Europa abbiamo altre filosofie, ad esempio quella omeopatica spiega molto bene i concetti di forza vitale. Chi si avvicina alla naturopatia non si deve confondere pensando che noi pratichiamo questi metodi: per noi sono filosofie che insieme contribuiscono a modellare la forma mentis naturopatica. Queste discipline ci aiutano ad uscire da un’idea meccanicistica del corpo.

Nella naturopatia c’è qualcosa che è in conflitto con la sensibilità o la dottrina cattolica?

Doro: Assolutamente no, al contrario. La naturopatia aiuta la persona ad avvicinarsi a se stessa, è molto rispettosa dell’essere umano, di come vive e della sua spiritualità. Se una persona si riconosce in una fede, ad esempio nella fede cattolica, non è compito nostro di convincerla del contrario. Non c’è alcun problema per un cattolico che vuole iniziare un percorso di naturopatia. La cosa importante è trovarsi una buona scuola. Il problema è tutto lì. Negli anni passati, non essendo mai stata disciplinata la naturopatia è diventata una giungla. Tutti facevano tutto, e questo ha determinato un caos. Noi abbiamo lottato per anni per avere una norma che definisca bene cos’è la naturopatia e ora che c’è la legge quadro 04/2013, disciplinata dalla norma UNI per naturopati, le cose sono migliorate molto. Il nostro è un mondo che è stato pieno di caos e di fanatismi fino all’anno scorso, e che va educato nella cultura della legalità e del rispetto.

  • 1
  • 2
Tags:
new agereiki
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
2
Gaudium Press
Sapevi che la fede nuziale può avere la forza di un esorcismo?
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Best of Web
Muore per 20 minuti, si sveglia all’improvviso e racconta d...
5
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
6
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
7
VANESSA INCONTRADA
Gelsomino Del Guercio
Vanessa Incontrada: ho scelto di battezzarmi a 30 anni per ritrov...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni