Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 18 Aprile |
Santa Kateri Tekakwitha
home iconChiesa
line break icon

Cosa ha a che vedere con me il giorno di Ognissanti?

Quinn Dombrowski

padre Carlos Padilla - pubblicato il 31/10/14

I nostri nomi sono inscritti in cielo, nel cuore di Maria, per questo vogliamo toccare le vette

Gli eventi devono passare per il cuore. È sempre il cuore che conta. Mettiamo nuovamente il cuore nelle mani di Maria. Ella è nostra Madre. Come ci diceva papa Francesco, “Maria è madre, e non si può concepire nessun altro titolo di Maria che non sia ‘la madre’. Il cristiano non ha diritto di essere orfano. Ha una madre! Abbiamo una madre”. Abbiamo una madre e questo ci rallegra.

Non si tratta, però, della maternità in astratto. È mia madre. Mia madre in prima persona. Ha bisogno del mio “sì”. Ha aspettato paziente. Lo vuole, lo desidera. Gliel’ho dato?

Una persona pregava: “Tu mi guardi sempre. Insegnami a cercarti sempre nel silenzio. A cercarti per guardare insieme il giorno e respirare. Insegnami a consultarti ogni giorno, a raccogliermi e a stare con te, per quanti problemi possa avere. A metterti al centro. Che io preghi sempre per gli altri, che possa sempre passeggiare con te lungo la mia anima irregolare e la tua. Aiutami a sapermi sempre nascondere e a guardare dentro di me per parlare con te. A raccontarti tutto. Ti apro il mio cuore”.

Dobbiamo imparare a pregare così, a guardare così Maria, Gesù. Forse non ho avuto un’esperienza personale, un incontro profondo. Forse non ho compiuto alcun salto audace e sono rimasto alle cose di sempre.

Senza trasformazione del cuore non succede nulla. Se non c’è un rinnovamento personale e unico, non c’è aspirazione ad essere santi. Ed è questo che conta. Vogliamo essere santi.

Diceva padre Josef Kentenich cent’anni fa nell’atto di fondazione: “Raggiungeremo il fine che ci siamo proposti? Per quanto dipende da noi, miei cari – e questo non lo dico vacillando e dubitando, ma con piena convinzione –, noi faremo tutto il possibile”.

È la santità quella che ci si aspetta da noi come cristiani. Non ci sono due classi di cristiani, quelli che aspirano ad essere santi e quelli che si conformano a un minimo. È impossibile. O siamo cristiani con tutto il cuore o non siamo cristiani.

Non possiamo conformarci ad essere rispettosi della legge e non diventare uomini innamorati di Dio nel più profondo. Abbiamo tutti la stessa aspirazione: essere totalmente possesso di Dio.

Padre Kentenich diceva nel 1952: “Questo è il senso della vita: che io riesca a liberarmi di me stesso e mi doni incondizionatamente a Dio e ai suoi desideri”.

Per questo, per quanto dipende da noi, non vogliamo restare quieti. Ci liberiamo dai nostri vincoli e offriamo il nostro “sì”. Vogliamo vivere in Dio e per Dio.

Magari si risvegliasse in noi il desiderio di dare di più, di lottare di più, di amare di più. Magari riuscissimo oggi ad essere più santi di ieri. Magari volessimo essere un santuario vivo di Maria, una dimora del Dio Trino.

Il giorno di Ognissanti è un invito a ingrossare quella lista di santi anonimi con la nostra vita. Non è un giorno per essere ricordati per le nostre azioni. Vogliamo lasciare un’impronta di luce con il nostro passaggio in molti cuori.

I nostri nomi sono inscritti in cielo, nel cuore di Maria. Per questo non vogliamo conformarci a una vita mediocre. Vogliamo toccare le vette.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
santitaspiritualità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
7
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni