Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 17 Ottobre |
Sant'Ignazio di Antiochia
Aleteia logo
home iconStorie
line break icon

Continua ad esserci un “papa” a Palmar de Troya?

© Florentin Therese

Luis Santamaría del Río - Aleteia - pubblicato il 30/10/14

La Sacra Scrittura della setta, da cui è stato estratto tutto il Credo Palmariano, è contenuta in un libro “composto dai venerabili padri del Santo Sinodo Dogmatico Palmariano, riuniti nello Spirito Santo, diretto e approvato da Sua Santità papa Gregorio XVII”, per cui si può immaginare la sua affidabilità. Come esempio vale il suo terzo tomo, corrispondente ai Vangeli, che inizia con Gioacchino e Anna come genitori della Vergine; poi appaiono Giuseppe, la vita di Maria (con molti elementi dei testi apocrifi raccolti dalla tradizione), e quindi il testo evangelico continua normalmente. Solo in apparenza, visto che si aggiungono molte altre cose, come le date e i nomi di luoghi e persone con la massima esattezza, e l’istituzione verbale dei sacramenti e dell’Ordine del Carmelo, la fondazione della massoneria, la gerarchia ecclesiastica e un lungo eccetera di barbarità e sconsideratezze che arrivano al culmine nell’aspetto rituale: Gesù battezza il cieco, e nell’ultima cena fa la genuflessione davanti alle specie divine e ordina nel triplice ministero sacerdotale gli apostoli.

Tradizionalismo e conseguenze morali e pratiche
Da quando si è autoproclamato papa, Clemente ha iniziato a promulgare definizioni dogmatiche e a emettere costituzioni apostoliche in cui considerava non valido tutto ciò che c’è di sacro e sacramentale nella Chiesa cattolica. Il 30 luglio 1982, ad esempio, alle 19.25, Gesù Cristo stesso avrebbe detto all’antipapa in una visione: “Mio amatissimo Vicario: era ora che un papa sapesse far uso dei poteri che ha… Nel preciso istante in cui tu, a mio nome, ritiravi tutti i poteri ai sacerdoti e ai vescovi delle Chiese scismatiche, io e la mia Santissima Madre, con gioia inenarrabile, ci ritiravamo da tutti i tabernacoli delle Chiese scismatiche”. E dichiarava non valido non solo il sacramento dell’ordine, ma anche quello del battesimo, contravvenendo così alla convinzione e alla prassi secolare delle Chiese cristiane. Come si può constatare, ogni decisione arbitraria presa dal leader della setta si giustificava ricorrendo all’elemento soprannaturale, per evitare qualsiasi scandalo o dissenso in alcuni adepti di provenienza cattolica e molto devoti.

Altre decisioni dottrinali e disciplinari vanno al di là dell’aspetto puramente liturgico o canonico, determinando in modo ferreo la vita degli adepti e provocandone l’isolamento sociale. In un decreto apostolico, Clemente ha proibito, sotto pena di scomunica, di assistere a tutti i sacramenti “celebrati nella Chiesa romana e nelle altre sette eretiche e scismatiche… È proibito anche ogni tipo di auguri, regali” e anche l’assistenza a veglie e sepolture. Molto dettagliate sono le norme “sulla decenza cristiana”, che specificano meticolosamente il modo appropriato di vestire sia degli uomini che delle donne e includono il divieto tassativo di andare in spiaggia o in piscina, “anche nel caso in cui lo ordinasse il medico per il bene della salute corporea, visto che al di sopra di questa c’è quella dell’anima”. Secondo un addendum cartaceo all’edizione stampata, “ogni capo di abbigliamento jeans per uomo o donna è totalmente proibito, sotto pena di scomunica riservata al confessore”. Ovviamente, è tassativamente proibito fidanzarsi con persone esterne alla setta.

In conclusione, si tratta di una setta di impronta cristiana, che tecnicamente consiste in uno scisma cattolico, in cui l’apparenza esterna di pietà cattolica occulta (in senso letterale, dietro un muro di calcestruzzo alto sei metri) cela un’oscura organizzazione con dottrine strampalate che si allontanano da qualsiasi tradizione ecclesiale e con pratiche non positive sia nel modo di trattare le persone che nel finanziamento interno e nelle finanze.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
associazioni e movimentiscisma
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
“Dio ti darà dei segni”. Quel messaggio di Carlo Acutis all’amica...
2
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
3
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
CARLO ACUTIS
Silvia Lucchetti
“I primi miracoli mio figlio li fece il giorno del funerale”
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
ORDINATION
Francisco Vêneto
Ex testimone di Geova verrà ordinato sacerdote cattolico a 25 ann...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni