Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Sono una cattolica divorziata, e sono certa che sarebbe un peccato mortale se facessi la Comunione

Jeffrey Bruno
Condividi

Accettate le argomentazioni liberali a vantaggio di persone come me e minaccerete le basi della Chiesa

di Louise Mensch

[Nota dell’editore: questo articolo è apparso per la prima volta nell’edizione cartacea di The Spectator Magazine (Regno Unito) il 4 ottobre 2014]

Sono una cattolica divorziata e risposata. Assisto alla Messa ogni settimana. Quando i miei figli vogliono che li accompagni a fare la Santa Comunione, cammino dietro di loro e incrocio le braccia sul petto. Il mio figlio più piccolo è particolarmente entusiasta di ottenere la benedizione, anche se vuole sapere quando potrà prendere “il pane”. Io dico: “Quando capirai perché non è ‘il pane’”.

Non mi è mai capitato di presentarmi per la Comunione perché non ho cercato – per varie ragioni che non starò a discutere in questa sede – di annullare il mio primo matrimonio. So di non essere una buona cattolica e che vivo una vita che la Chiesa ritiene adultera, ma sono fiduciosa, perché spero nella misericordia di Dio. Ma non ne approfitto. Il mio Catechismo dice che è un peccato mortale, come sarebbe la ricezione indegna della Santa Comunione.

Nel Catechismo, le persone nelle mie condizioni sono esplicitamente incoraggiate ad andare in chiesa e a fare una Comunione spirituale, come io faccio ogni settimana. Spero che un giorno sarò nello stato di grazia e potrò ricevere nuovamente la Santa Comunione. Spero che malgrado il mio peccato continuato, Dio mi nasconda all’ombra delle sue ali; che Maria, speranza dei peccatori, stenda il suo mantello di misericordia su di me. Sono una povera cattolica ma anche una cattolica credente. C’è una fazione nella Chiesa che considera evidentemente il “cattolico credente” un vecchio cliché che deve essere eliminato, insieme a veli di pizzo e all’inginocchiarsi per andare a fare la Comunione.

La Santa Comunione, per la maggior parte dei vescovi di Inghilterra e Galles, sembra essere diventata protestante per default. Anziché la presenza reale di Cristo nell’Eucaristia – una presenza che la maggior parte delle volte dovremmo tremare nel ricevere –, la Comunione è ora un segno, un simbolo, un semplice pasto condiviso, un’“espressione di comunità”.

Il Sinodo straordinario dei vescovi cattolici convocato da papa Francesco si è celebrato per discutere sulla famiglia. I riformatori cattolici speravano che sotto la guida del pontefice i vescovi liberalizzassero l’insegnamento della Chiesa sui cattolici divorziati e risposati.

Dove iniziare? La Chiesa non bandisce nessuno dal ricevere la Comunione se non i non cattolici (e in questo caso ci possono essere delle eccezioni) e coloro che sono troppo giovani per capire cosa stanno ricevendo. Piuttosto, nessuno può ricevere Dio nell’Eucaristia se si trova in stato di peccato mortale. Anche prima di risposarmi, e uso il termine in senso legale, visto che non sono risposata sacramentalmente, non mi presentavo sempre per ricevere la Comunione. Spesso ero in uno stato di peccato grave e non avevo trovato il tempo o non mi ero sufficientemente organizzata per andare a confessarmi. Il fatto è che nessuno che si trovi in uno stato di peccato grave – qualunque esso sia, in questo caso l’adulterio – può ricevere Cristo in modo degno. Riceverlo indegnamente è commettere un ulteriore peccato mortale.

Prima del Sinodo, la rivista liberale Tablet ha dedicato una storia di copertina alla questione. Mi ha riempita di sgomento. L’articolo iniziava citando il cardinale Walter Kasper, il principale cardinale liberale: “Il bando della Chiesa sui cattolici divorziati e risposati circa la ricezione della Comunione…”

L’articolo del Tablet era intitolato “L’argomentazione della misericordia”, e leggendolo mi sono sentita come se stessi supplicando per noi stupidi che crediamo ancora alle basi: peccato, confessione, assoluzione, Presenza Reale… Quello che il cardinale Kasper sembra voler fare è tentare una generazione di persone al peccato mortale settimanale. In che modo è misericordioso? Come aiuta? È impossibile per i teologi liberali combinare il fervore riformista con la logica? Permettete a una persona divorziata e risposata di ricevere la Santa Comunione e starete dicendo una cosa di due: o che non è adulterino fare sesso fuori dal legame coniugale o che si può tranquillamente ricevere la Santissima Eucaristia mentre si è in stato di peccato mortale – un peccato che si intende fermamente commettere ancora non appena è vantaggioso.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.