Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 15 Maggio |
Sant'Isidoro
home iconNews
line break icon

Macché dimissioni, lei resta ancora in trincea

© Arkadiusz Komski

La nuova Bussola quotidiana - pubblicato il 28/10/14

Parla l'infermiera che dice no alla pillola abortiva

di Luigi Santambrogio

É scesa in piazza con altri duecento amici dell’associazione “No 194” per pregare per i bambini uccisi dall’olocausto abortivo e chiedere l’abrogazione di una legge ingiusta e omicida. Ma soprattutto, per testimoniare e rassicurare che lei non si ritira dalla lotta pro life perché si fermi la strage degli innocenti e la “cultura dello scarto”. Chiara Margherita Ulisse, l’infermiera di Voghera che ha fatto obiezione di coscienza alla pillola del giorno dopo e per questo è stata costretta a dimettersi, è tornata in pubblico per la prima volta dopo il suo allontanamento, ospite del corteo che l’altro giorno ha sfilato per le vie del centro di Milano.

«Sono ancora in trincea», dice alla Nuova Bussola, «e non ho alcuna intenzione di abbandonare la battaglia. Sono ancora qui, a dispetto di quelli che vorrebbero sbarazzarsi di me e degli amici che lottano per difendere la vita e il diritto all’obiezione di coscienza contro una legge ingiusta e disumana». Le armi sono quelle della ragione e del pacifico dissenso. A Milano, l’associazione ha manifestato gioiosamente distribuendo coroncine di Nostra Signora di Guadalupe e libriccini con il “Rosario dei bimbi non nati”. Il loro obiettivo è raccogliere firme per un referendum abrogativo della legge 194, legge che ha reso l’aborto pratica contraccettiva e di massa. “Sei milioni di bambini abortiti, dieci milioni di embrioni congelati.Tutto fatto pagare ai cittadini per legge. Benvenuti nel Quarto Reich”, sta scritto su uno dei tanti cartelli esposti dai manifestanti che, anche a Milano, hanno dovuto subire l’assalto di femministe e centri sociali, tenuti a bada dalla polizia.

Chiara Margherita Ulisse è diventata subito la “guest star” della manifestazione, in molti sono andati a stringerle la mano, a manifestarle solidarietà dopo il linciaggio mediatico subito e il licenziamento, camuffato da dimissioni volontarie, da parte della Asl di Pavia. A farle da angelo custode e body guard, Giorgio Celsi, l’infermiere che ogni mercoledì da anni va davanti alla clinica Mangiagalli a distribuire volantini contro l’aborto. «L’associazione “No194” l’ha rintracciata per offrirle l’assistenza di un avvocato e lei ha accettato l’invito», rivela Celsi. «Abbiamo avuto l’onore di avere al nostro fianco Chiara Margherita: a lei diamo tutta la nostra solidarietà, la nostra stima e l’aiuto di cui avrà bisogno per portare avanti la libertà di esprimere il proprio pensiero e di lavorare con professionalità in scienza e coscienza». 

Celsi, che è anche vicepresidente della “No 194”, pesa con prudenza le parole, ma non abbastanza per non far capire che il caso Ulisse è tutt’altro che chiuso. Anzi, l’annuncio che l’associazione le offrirà assistenza e supporto legale (il presidente di “No 194” è l’avvocato Pietro Guerini), lascia decisamente aperta l’ipotesi che quelle dimissioni saranno ritirate per cominciare la battaglia sul reintegro dell’infermiera in ospedale. Occasione sicuramente importante per portare alla pubblica attenzione il diritto, oggi calpestato, all’obiezione di coscienza da parte degli infermieri. Celsi non vuole spingersi oltre, troppo il clamore mediatico che la vicenda ha prodotto, ma una vittoria lui l’ha già ottenuta. Spiega: «Dopo le dimissioni di Maria Margherita, molti si sono interrogati se questo gesto rappresentasse una resa, una gesto di sfiducia. Oggi sappiamo che non è così, la sua presenza al corteo ha dissipato ogni dubbio: lei continuerà a battersi e noi l’aiuteremo su tutti i fronti». Anche quello legale contro la Asl? Celsi non vuole dire altro, ma mica è difficile immaginare che andrà a finire così.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
abortobioetica
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
6
Gelsomino Del Guercio
Marino Bartoletti: mi sono affidato alla Madonna dopo la morte di...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni