Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 14 Aprile |
San Giovanni di Montemarano
home iconStile di vita
line break icon

La madre stava

Rusty Grass

La Croce - Quotidiano - pubblicato il 28/10/14

Gelo. 

Loro sono interdetti e umanamente dispiaciuti. Stanno dando tutta la professionalità che possono, e tutto il sostegno umano che noi abbiamo sempre sentito — “la strada si fa stretta, dritta, ma stretta” — stretta angoscia. Solo pura angoscia. Gesù piangeva sangue. Non c’è nessun altro modo di descrivere l’angoscia della morte. Dio, busso alla porta del tuo cuore e ti chiedo cosa vuoi da me, ho paura della tua risposta, ti temo. Sia fatta la tua volontà e non la mia. No, non ci riesco. Ti vedo lontano, girato di spalle, non capisco più nulla: sei tu che decidi? Mi sembra di impazzire. Nessun pensiero è lucido. Non c’è luce. Da quel momento per me inizia una dura lotta. 

Non ho mai chiesto il perché, mai, non ho nemmeno mai chiesto la guarigione di mia figlia, non ci riuscivo, ma la cosa che mi distruggeva è che la parola morte stava prendendo il sopravvento e che temevo mio Padre. Poi dal timore è arrivata la rabbia. mi scoprivo a sfidarlo, ma desideravo ardentemente che lui ci fosse. Lo bestemmiavo perché ero come ogni figlio che vuole dimenticare un Padre, in fondo continua a cercarlo sempre. “Cosa vuoi ancora? non ti lascerò andare finché non mi avrai benedetta! come Giacobbe dall’altra parte del fiume ti aspetterò e ci picchieremo e ne sopravviverà solo uno … e non sei tu! … rispondi! dove sei? io voglio che tu ci sia, benedicimi!".

Urla mute. 

25 aprile, in auto verso Vezzolano e poi colle Don Bosco. “Chiunque crede in me, anche se muore vivrà, chiunque vive e crede in me, non morirà in eterno. Credi questo?” Credi questo? Credi questo? Depongo le armi e Ti chiedo per la prima volta: “Papà, guarisci il mio cuore e guarisci la mia bambina”. Mai il nome Papà mi era sembrato tanto dolce. 

8 maggio ore 15 “non sia turbato il tuo cuore e non abbia timore”. 8 maggio ore 16 ci chiama la dottoressa e ci dice: “Il 14 maggio è confermato, ma volevamo comunicarvi che siamo stupiti dalla risonanza di ieri, perché si può vedere che anche la sacca più grossa sta iniziando piano piano a ridursi. La strada è lunga ma è questa. Dobbiamo continuare in questa direzione". (ndr. da letteratura scientifica le riduzioni dopo i trattamenti si vedono nel giro di un mese, dopo non cambia quasi nulla). Il mio cuore smette di battere. Si risale in giostra. Si richiede pazienza speranza forza d’animo amore e fiducia piena, con deposizione di armi. Ecco, tutto è difficile, ma quest’ultima cosa senza le preghiere di tutti coloro che hanno sostenuto M e senza la presenza dei nostri cari e amici accanto non sarebbe stata possibile, sarebbe stata disumana. La deposizione delle armi è disumana. 

14 maggio terza operazione M esce dalla sala, post operatorio lungo. 28 maggio entra la neurochirurga in stanza e ci dice che anche l’aneurisma più grosso si sta riducendo e che altre due vene stanno drenando naturalmente al suo posto nel cervello — “ti lodo, perché mi hai fatto come un prodigio” — non ci sarà una quarta operazione.

Silenziosa e composta, incredula e profondissima gioia.

Io non sono stata e non mi sento una mamma forte, io non credo di essere forte nemmeno nella fede. Io non credo di aver capito molto. Né del dolore né della resurrezione. La morte la malattia il dolore restano un mistero. Sono piena di gioia ma anche di dolore per l’alzati che Gesù ha voluto dare alla mia piccola M, per la gloria di Dio, ma chiedersi perché lei sì e altri bambini no non ha senso, fa solo male. Ma a volte come mamma mi succede. Quello che so è che per essere pienamente umani dobbiamo Stare, senza fuga, in qualsiasi cosa. 

Lui ci vuole così. 

Per questo è incisa dentro di me, nella parte più intima del mio dolore e della mia gioia, l’immagine di Maria: La Madre Stava. Stabat Mater. Vangelo di Giovanni, la madre stava. Stava, lì, in silenzio, sotto la croce. Stare è disumano, devastante, semplicemente atroce. Ma Stare è disumano anche e proprio perché non è solo umano. Per Stare ci deve essere un secondo “Sì”. A Lui. 

E’ passato 1 mese e mezzo dall’operazione, facciamo controlli regolari perché M resta in sorveglianza speciale, e la nostra vita ha cominciato ad essere piano piano una vita “normale”. Così mi ritrovo spesso di notte a pensare. Penso a questa avventura con la nostra piccola grande M, ai primi attimi, a quando me l’hanno portata via. E penso a Chiara Corbella Petrillo, al suo dire che il nostro cuore conosce bene quale sia la Verità e penso che Dio è Padre buono, perché ti insegna ad Amare a piccoli passi proprio lì dove è la tua più grande Paura. 

Desidero con tutto il cuore dire ai tanti e cari genitori nella fatica di non abbattersi. 

Ci saranno i giorni e soprattutto le notti dell’angoscia, suderete sangue e lacrime, bestemmierete, e il vostro spirito sarà come schiacciato da un enorme sasso che non vi farà respirare. Sarete nel sepolcro più buio. Ma non fatevi vincere dall’angoscia. Forza! Chiedete incessantemente, stringetevi forte a Lui, stringete forte vostro marito e vostro figlio. E fidatevi e affidatevi agli strumenti che Dio vorrà donarvi, i dottori e tutto lo staff dell’ospedale hanno bisogno della vostra fiducia. Fidatevi di chi pur avendo una grande professionalità resta uomo umile. Fidatevi di vostro figlio e poi ancora, chiedete a chi vi sta accanto di sostenervi con la preghiera. Fatevi accompagnare da un frate, un prete, una persona di Fede e di esperienza, che possa camminare con voi nella prova, le amicizie tra laici e consacrati sono un Dono prezioso, non ringrazieremo mai abbastanza il nostro amico e padre V. Voi ce la farete ad Amare il vostro bambino pienamente. Io non so se ci sarà una guarigione o no, ma quello che è importante è Stare occhi negli occhi. Amando. Dando Tutto ciò che possiamo. Vi voglio bene, non sapete quanto, e vi sono vicina. Prego per voi e per la vostra pace.

Qui l’originale

  • 1
  • 2
Tags:
maternitàtestimonianze di vita e di fede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
3
WIND COUPLE
Catholic Link
7 qualità per scegliere il partner secondo la Bibbia
4
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
5
Divina Misericórdia
Gelsomino Del Guercio
Il Papa celebra domenica la Divina Misericordia. Ma perchè questa...
6
FEMALE DOCTOR,
La Croce - Quotidiano
Atea e obiettrice di coscienza da 10 anni: “non ce la facev...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni