Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 24 Giugno |
Sacro Cuore
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Eutanasia alla figlia, ma non sarà processata

Baby Pep

© agatakrreras

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 28/10/14

Il caso in Gran Bretagna. La madre: ho tolto la spina perché sembrava un guscio

Il dibattito sull’eutanasia torna agli onori della cronaca. Questa volta il caso che fa discutere è avvenuto in Gran Bretagna: una donna non sarà processata per aver staccato la spina alla figlia gravemente malata, causandone la morte (Il Giornale, 27 ottobre). 

DESIDERIO DI PACE
«Mia figlia non è più mia figlia, ora lei è solamente un guscio. La luce nei suoi occhi è ormai andata via ed è stata sostituita con la paura e il desiderio di essere in pace – ha detto Charlotte – Quando aveva appena sei mesi le è stata diagnosticata l’epilessia e stava avendo convulsioni quotidiane. Ha sofferto tanto, è stato straziante. Siamo stati costantemente dentro e fuori dall’ospedale» (Daily Mirror, 27 ottobre).

ESSERE NON VIVENTE
Al tribunale che doveva giudicarla, Charlotte Fitzmaurice aveva spiegato che non riconosceva più la ragazzina come «essere vivente». Che non le sembrava più «una persona». Così, lo scorso agosto, Charlotte aveva fatto interrompere le cure a Nancy, dodicenne, cieca e sofferente di idrocefalo, meningite e setticemia, ormai incapace di fare autonomamente qualsiasi cosa (Corriere, 27 ottobre).

NESSUN PROCESSO
L’Alta Corte ha deciso che Charlotte Fitzmaurice non dovrà comparire di fronte a un giudice per aver fatto staccare la spina a Nancy, che ormai veniva alimentata tramite un tubo. La bimba è morta lo scorso 21 agosto all’ospedale Great Ormond Street (Avvenire, 27 ottobre). 

Tags:
bambinibioetica
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni