Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 27 Febbraio |
San Gabriele dell'Addolorata
home iconChiesa
line break icon

Dopo 100 anni, come non vibrare ricordando la storia di Schoenstatt!

© Enrique López-Tamayo Biosca / Flickr / CC

padre Carlos Padilla - pubblicato il 27/10/14

È emozionante guardare indietro grati, con un cuore umile, filiale, e verificare le orme lasciate sul cammino dai passi saldi di tanti

Cent’anni di cammino, cent’anni di storia. Sembrano molti. Prendiamo coscienza del nostro passato, della nostra storia. Assumiamo ciò che abbiamo già vissuto. Mi rallegra guardare questa lunga storia e sorprendermi. Sono testimone di alcuni anni di cammino. Anni nei quali ho sigillato la mia alleanza d’amore. Mi rallegra verificare la fedeltà di Maria. Con me, con tutta la Famiglia di Schoenstatt. Ella è sempre fedele.

Mi rallegrano le parole di Viktor Frankl: “Perché dovrei invidiare un giovane? Per le possibilità che ha ancora, per il suo futuro? Penserei invece che io nel mio passato ho delle realtà; non solo la realtà delle opere realizzate, ma anche quella dell’amore che ho dato e quella della sofferenza che ho vissuto. Ed è di questo che mi inorgoglisco di più, anche se è ciò che gli altri mi invidiano meno”.

Non siamo più un movimento giovane, appena nato. Guardiamo orgogliosi la nostra storia. Commossi per tutto ciò che non è stato perfetto, per le nostre mancanze d’amore. Per i nostri peccati di omissione. Guardiamo con semplicità gli errori e le cose fatte bene. Le cadute e le vittorie. Ciò che è stato e ciò che avrebbe potuto essere.

Il passato glorioso e il passato che ci costa ricordare. I doni dati e quelli non dati per paura o per pigrizia. La fedeltà e l’infedeltà. Le lotte e le sconfitte. L’amore, sì, tutto ciò che abbiamo amato e ciò per cui siamo stati amati.

Il dolore, la croce, la sofferenza. Senza tino non c’è vino, senza morte non c’è vittoria. Una storia di guerre e di esili, di lotte e di battaglie, di oscurità e di luce. Alcune battaglie perdute, altre vinte.

È emozionante guardare indietro grati, con un cuore umile, filiale, e verificare l’impronta lasciata sul cammino dai passi saldi di tanti uomini. Come non vibrare ricordando tanti momenti di gloria, di pace, di vittoria del Signore in molti cuori!

Come non emozionarci pensando a quei giovani che confidavano eroicamente e amavano tanto padre Josef Kentenich! Hanno creduto per la fede del loro padre. Maria si è rafforzata grazie a questa fede. Hanno detto il loro “sì”, Ella ha detto il suo “sì”.

Dio è fedele alla sua alleanza con l’uomo quando questi si mette nelle sue mani. Maria è fedele al suo “sì” pronunciato tante volte all’interno del suo santuario, del suo luogo santo. Lì dove tante volte abbiamo riso e pianto, sofferto e amato. Sì, lì, tra le sue braccia, guardati da Lei, accarezzati dalle sue mani di Madre, riposiamo.

Ci sentiamo felici di essere arrivati a cent’anni e di poter vivere questa esperienza e rinnovare il nostro “sì”. Un giorno potremo ricordare che abbiamo vissuto questo giorno di grazia. In Germania o nel nostro santuario filiale. Siamo stati lì. Dio ci ha concesso questa grazia. Questo giorno in cui guardiamo indietro e guardiamo anche avanti. Sappiamo dove andiamo.

Diceva padre Kentenich nel 1936 parlando dei primi membri: “Oggi la Mater ci inserisce nell’Alleanza che essi hanno sigillato con la loro vita e la loro morte. E ci invia per costruire il futuro. Siamo parte della catena che dona ciò che ha ricevuto dalla Prima Generazione alle generazioni future”.

Oggi torniamo ad ascoltare queste parole. Siamo inseriti in questa Alleanza. Siamo parte di una stessa catena. Siamo una nuova generazione, il presente e il futuro è nostro. Diceva Indro Montanelli: “Se il mio destino è chiudere gli occhi senza aver saputo da dove vengo, dove vado e cosa sono venuto a fare, tanto valeva non averli mai aperti”.

Abbiamo gli occhi ben aperti. Sappiamo da dove veniamo. A chi apparteniamo. Sappiamo dove ci dirigiamo, il futuro pieno di luce verso il quale avanziamo.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
4
Paola Belletti
Aiutiamo Debora Vezzani? Tutta la famiglia con il Covid, lei la p...
5
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti maligni a San Miche...
6
CAIN AND WIFE
Francisco Vêneto
Con chi si è sposato Caino, se Adamo ed Eva avevano solo figli ma...
7
Gelsomino Del Guercio
Congo, Attanasio salvò dal Covid suor Annalisa. “Devo a lui la mi...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni