Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 04 Marzo |
Santa Teresa Eustochio Verzeri
home iconArte e Viaggi
line break icon

Karol Wojtyła spiega San Giuseppe

© Fred DE NOYELLE / GODONG

Roberta Sciamplicotti - Aleteia - pubblicato il 24/10/14

Primo iniziato nell'opera dell'Incarnazione divina, è esempio anche per l'uomo di oggi

Uno degli undici articoli scientifici e divulgativi scritti da Karol Wojtyła tra il 1952 e il 1962 e ora raccolti nel libro “Educare ad amare. Scritti su matrimonio e famiglia” (Cantagalli) affronta specificatamente la figura di San Giuseppe.

L’articolo del futuro papa sul santo individua due dimensioni particolari legate alla sua figura: la contemplazione e l’apostolicità, osservazioni che servono, a loro volta, come punto di riferimento per una riflessione sul mistero della paternità, collocata nella situazione contemporanea.

La figura di San Giuseppe, spiegava il futuro papa, ci è nota tramite il Vangelo di Matteo e di Luca, e la sua conoscenza è dunque strettamente collegata all’interpretazione di ciò che dice il Vangelo.

L’interpretazione più semplice consiste nell’esame dei fatti ai quali San Giuseppe prende parte come legittimo sposo di Maria e come padre putativo di Gesù, ovvero la persona il cui comportamento ne faceva agli occhi della gente, sotto tutti gli aspetti, il padre di Gesù.

Questa paternità putativa, osservava Wojtyła, nascondeva in sé “tutto quanto il mistero dell’Incarnazione del Figlio di Dio e del concepimento verginale di Maria”. “Giuseppe era colui che doveva proteggere questi misteri, ed essendone d’altra parte a conoscenza, fu il primo iniziato nell’opera dell’Incarnazione divina”.

I fatti che compongono la vita di quest’uomo non sono molti, “ma hanno un proprio peso qualitativo proprio perché ciascuno di essi è collegato organicamente a quello che è un avvenimento fondamentale del Vangelo: l’Incarnazione”.

Prima di Santa Teresa d’Avila, riformatrice dell’ordine delle Carmelitane nel Cinquecento, il culto di San Giuseppe non si può considerare particolarmente vivo e attivo. La santa spagnola fu invece “capace di scorgere in pieno il legame particolare di questa figura con tutto lo stile di vita contemplativa di cui ella era una splendida espressione”.

Se si medita più a fondo sulla vita quotidiana del falegname di Nazareth, infatti, “a così stretto, incredibile contatto con i misteri divini, con lo sguardo paterno, pieno di amorosa e laboriosa sollecitudine, fisso sul Dio Incarnato e sulla sua Madre, allora è facile riconoscere nella vita di San Giuseppe il chiaro prototipo ideale della vita contemplativa”.

Dall’Ottocento, riconosceva il futuro pontefice, nell’insegnamento e nella liturgia della Chiesa ha sembrato prendere il sopravvento un altro modo d’interpretare la figura di San Giuseppe, accentuando non tanto il suo elemento contemplativo, quanto piuttosto il suo ruolo sociale.

Per prima cosa, Giuseppe “è il capo della famiglia di Nazareth e la famiglia, com’e noto, costituisce la cellula elementare di ogni società, nazione, stato, Chiesa”. Essendo il capofamiglia, inoltre, “con il lavoro delle sue braccia, provvede al suo sostentamento”.

Nell’articolo, Karol Wojtyła proseguiva la sua riflessione spostandosi “sul problema dell’uomo come maschio”, sul cui tema la figura di San Giuseppe fornisce “particolari spunti e abbondante materiale”, aiutando ad “osservare e valutare il ruolo maschile nel Vangelo e di conseguenza nel Regno di Dio sulla terra, nella Chiesa”.

Il problema maschile, osservava il futuro papa, viene trattato nel Vangelo almeno da due punti
di vista: “attraverso le figure degli Apostoli e di San Giovanni Battista, ma anche attraverso la figura di San Giuseppe. Solo collegando entrambi questi aspetti e integrandoli l’uno con l’altro, otteniamo un’immagine completa e piena. L’uomo deve essere non soltanto un essere sociale, organizzatore, annunziatore e difensore dell’idea, ma anche, oltre tutto questo, padre e protettore”, “altrimenti non realizza tutta intera la pienezza morale della sua individualità maschile”.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
4
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
7
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni