Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 01 Agosto |
Sant'Alfonso Maria de' Liguori
home iconNews
line break icon

Sweetie, la “bimba virtuale” che stana i pedofili

ALLTHECOLOR CC

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 23/10/14

Don Fortunato Di Noto (Meter): ben venga Sweetie, ma serve collaborazione tra i proprietari dei provider e la polizia

Agli occhi di un “cliente” tipo (età compresa tra i 18 e i 50 anni, agiato, cittadino di un paese benestante), Sweetie appare come una bambina filippina di 10 anni, ha i capelli raccolti, un sorriso timido e sembra a suo agio di fronte a una webcam.
Quello che quel “cliente” non sa, è che Sweetie non è una persona reale, bensì un modello 3D, un pezzo di software insomma, programmato per attirare potenziali pedofili e trattenerli in una conversazione abbastanza a lungo da poter essere rintracciati. In due parole: l’esca giusta (
Panorama, 22 ottobre).

I risultati sono stati straordinari: nelle prime 10 settimane, Sweetie ha consentito di segnalare 1.000 sospetti pedofili in 71 paesi diversi. A un anno dal lancio dell’operazione, 20.000 utenti sono entrati in contatto con Sweetie tramite webcam, decine di persone sono state arrestate, e proprio in queste ore,
è finito dietro le sbarre il primo pedofilo scovato grazie a Sweetie.

STRATEGIE RAFFINATE


«Mi consenta di dire che chi va a finire con Sweetie è uno dei pedofili più sfigati al mondo», esordisce con una battuta
don Fortunato Di Noto, fondatore dell’associazione Meter.
«I pedofili utilizzano molti altri canali, hanno strategie d’azione molto raffinate. Attraverso internet hanno trovato la possibilità di diventare una comunità».

UNDER 12


A questo si aggiunge un dato inquietante: il 40% dei pedofili on line, prima di condividere e divulgare i propri video, foto, ha abusato realmente della persona filmata. «
Concentrano principalmente le loro attenzioni – prosegue Don Fortunato – su bambini al di sotto dei 12 anni
, a volte filmandoli o fotografandoli in spiaggia, o persino in video televisivi fatti ad esempio in trasmissioni mediche, dove si parla di pediatria e capita che passino le immagini di genitali di neonati. Insomma tutto ciò che è nudo, seminudo, in costume, e che ha meno di 12 anni, per i pedofili è carne fresca eccellente».

FINTE IDENTITA’


In questo contesto si materializzano le azioni di contrasto on line. Non c’è solo Sweetie naturalmente. In primo luogo, spiega il fondatore di Meter, c’è l’azione della polizia postale, che adotta un contrasto sotto copertura.
Gli agenti si camuffano
, adottano una falsa identità, ed entrano in forum, chat, social network in modo autonomo».  

SEGNALAZIONI


Un secondo modo per individuare i pedofili on line è la segnalazione di profili sospetti. 
Sempre sui social, chat e forum, il pedofilo si maschera per non farsi identificare e viene segnalato
. «Un’azione simile – spiega il sacerdote – la fanno gli operatori di Meter, che invece non potrebbero agire sotto falsa identità come fa la polizia postale». 

ALLA RICERCA DI VITTIME


Un altro modo è l’individuazione delle vittime analizzando i video. L’assunto di partenza è questo: chi sono i migliaia di bambini che si vedono nei video diffusi on line? «
Meter si impegna anche a capire le loro identità.
Basti pensare che una delle più importante operazioni anti-pedofilia, che coinvolse diversi paesi europei partì proprio da noi. Individuammo su un forum straniero di pedofili, l’immagine di un bambino che indossava la maglia di una squadra italiana di calcio. L’indagine è durata cinque anni: 70mila indagati in Europa e nel mondo, quasi 300 arresti. 240 bambini individuati».   

PROVIDER E POLIZIA


Quindi, oltre queste misure, «ben venga Sweetie, ma deve aumentare la collaborazione tra i proprietari dei provider e le forze di polizia.
La pedofilia non è il pruriginoso desiderio di un adulto che vuole un bambino
. E’ un fenomeno ben più impressionante e senza una task force globale rischiamo di non trovar mai le risposte adeguate». 
Tags:
meterpedofilia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
2
Gelsomino Del Guercio
Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i pre...
3
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
BENEDYKT XVI O KAPŁAŃSTWIE
Gelsomino Del Guercio
Nella Chiesa “separare i fedeli dagli infedeli”. La stoccata di B...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni