Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 19 Giugno |
San Romualdo
home iconChiesa
line break icon

Perché si dice che Gesù è «generato, non creato»?

Richard Kane - Fotolia.com

Toscana Oggi - pubblicato il 23/10/14

Una domanda su una formula del Credo

Perché nel Credo si dice che Gesù è «generato, non creato»? Qual è la differenza?
Lettera firmata

Risponde padre Giovanni Roncari, docente di Storia della Chiesa alla Facoltà teologica dell’Italia centrale.

«Generato, non creato». Per ben capire questa espressione, che può sembrare sibillina o un giuoco di parole, è necessario (come sempre del resto) tenere ben presente il constesto storico-teologico nel quale fu formulata. Per questo è necessario partire un po’ da lontano e non dare una risposta secca che rischia di diventare a sua volta poco comprensibile.
Il contesto come è noto, è quello del credo niceno-costantinopolitano e dei due concilii, Nicea (325) e Costantinopoli (381) dove quella professione di fede fu ripensata e riformulata sotto la spinta di correnti teologiche nella quali la chiesa non si riconosceva. Il dibattito dottrinale trinitario non parte con il concilio di Nicea, ma nasce con il cristianesimo stesso. Si tratta della concezione di Dio e del suo mistero che i cristiani credono e predicano: cosa è il cristianesimo? un semplice monoteismo come altri? Un monoteismo biblico e Gesù è il grande profeta? Un triteismo, quasi una riduzione cristiana dell’antico politeismo pagano? È una «vernice cristiana» su un impianto filosofico platonico: l’Uno (il Padre) che agisce attraverso il demiurgo (il Figlio)?

Semplificando molto si possono ridurre a due grandi correnti interpretative del mistero trinitario espresso, per fare solo una citazione, nelle parole battesimali nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo (Mt.28,19) Una prima corrente, partendo dall’assoluto monoteismo biblico e dalla sua irriducibile trascendenza insegnava che «padre, figlio e spirito santo» erano solo tre modi di manifestarsi ad extra, nella storia, dell’unico Dio che rimaneva nel suo inaccessibile mistero: è il modalismo che tende a liquidare il cristianesimo in un «normale» monoteismo, e Gesù di Nazareth, il personaggio storico «giustiziato dal procuratore Ponzio Pilato, sotto il regno di Tiberio» (Tacito, Annali 15,44) solo uno strumento usato da Dio per manifestarsi. Questa corrente non ebbe molto seguito: troppo lontana dall’annuncio evangelico «il Verbo si è fatto carne», sembrò solo una rielaborazione filosofica dove la novità cristiana veniva ampiamente disconosciuta.
Ben più lungo e complicato fu il cammino dell’altra corrente teologica, il subordinazionismo, dottrina che insegna esservi una gerarchia all’interno della Trinità. Prima di tutto e di tutti c’è il Padre Eterno, l’ingenerato, in definitiva il vero unico Dio (salvando così il monoteismo biblico), poi in subordine il Figlio, il generato, sottolineando che «ci fu un tempo in cui il Verbo non era e il Padre non è sempre stato Padre» (Ario). Il figlio è dunque un dio di secondo ordine «creato» dal Padre perché intervenisse nella creazione del mondo. Uno schema, come già notato, che assomiglia molto al demiurgo platonico e alle sue funzioni. Infine, al terzo posto, lo Spirito Santo. Anche in questo caso vengono utilizzati schemi religiosi (modelli di gerarchie degli dei pagani) e soprattutto filosofici precedenti, particolarmente dal mondo platonico, per esprimere l ’annuncio cristiano.

Ma non solo questo. Nel vangelo vi sono espressioni che possono far pensare ad certo subordinazionismo: «Se mi amaste, vi rallegrereste che io vado al Padre, perché il Padre è più grande di me» (Gv. 14,28); e ancora: «Questa è la vita eterna: che conoscano te, l’unico vero Dio, e colui che hai mandato, Gesù Cristo» (Gv. 17,3) e ancora: «Quanto però al quel giorno o a quell’ora, (il giorno del giudizio) nessuno lo sa, nè gli angeli nel cielo nè il Figlio, eccetto il Padre

  • 1
  • 2
Tags:
credogesù cristo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
6
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
7
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni