Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 14 Aprile |
San Giovanni di Montemarano
home iconNews
line break icon

Un cammino per il senso della vita

Família Cristã

Idosos e sentido da vida

Família Cristã - pubblicato il 21/10/14

Riconfigurare risposte sociali

Quando l’opzione migliore è che l’anziano resti a casa con la famiglia, ci sono aspetti ai quali la società deve prestare più attenzione per offrire una vita di qualità ai più anziani e anche ai più giovani: “Dobbiamo dare alle persone delle condizioni. Se la soluzione per tutti è che l’anziano resti con la famiglia, dobbiamo fornire i servizi che mancano. Il sostegno domiciliare è la grande risposta, ma non quello di antica tradizione. Ci sono molti servizi che si possono prestare a un anziano, che vanno dalle cose più fondamentali come l’igiene alla compagnia e alla socializzazione. Ciò può essere offerto nel sostegno domiciliare e fa la differenza”. L’amministratrice della SCML ha sottolineato anche la necessità di aiutare chi assiste gli anziani a riposare: “Devono esserci programmi che servano le famiglie e i bambini, perché non si castighi l’anziano perché ciò non avviene. Il riposo di chi si prende cura dell’anziano può essere quasi una versione pseudo-hotel in cui la persona si senta come se andasse in ferie ma all’interno del suo programma. In fondo sono programmi per tutti, è la possibilità di far sì che i più giovani seguano il loro programma e i più anziani abbiano diritto al proprio. E questa risposta è molto più economica per il Paese. Se garantiamo il sostegno domiciliare, l’assistenza dell’anziano in casa e il diritto al riposo di chi se ne prende cura, la somma di tutto questo è molto più economica e positiva per tutti”.

Assaporare come un dono ogni periodo della vita”

Rita Valadas ricorda che “le famiglie che hanno anziani nelle case di riposo non sono preparate a tenerli in casa. Anche in una situazione di disoccupazione, non è mai consigliabile che un impiego sia sostituito da un anziano che gira per casa. Se le persone non sono portate naturalmente a prendersi cura degli altri, non sarà la soluzione migliore”.

“In questa situazione di crisi in cui le persone hanno come priorità il fatto di togliere l’anziano dalla casa di riposo per utilizzare la sua pensione, si verificano molte situazioni di isolamento”, ha aggiunto. “Sono aumentate le situazioni di rischio a causa della solitudine degli anziani”.

Per via della crisi ci sono state anche famiglie che hanno tolto gli anziani da strutture residenziali la cui retta mensile era troppo elevata scegliendo case di riposo senza licenza in cui si paga di meno e che però sono anche meno soggette a controlli statali. “Se prima era molto difficile trovare un posto in alcune case di riposo private, ora è più facile”, ha spiegato la Valadas.

Molti anziani arrivano nelle strutture residenziali sempre più tardi e in condizioni peggiori rispetto al passato. Si tratta di persone allettate, con l’Alzheimer e molte altre malattie che richiedono cure specifiche e un’assistenza qualificata. Vivere di più comporta grandi sfide per tutti, giovani e anziani.

Vale la pena di ricordare ancora una volta le parole di Giovanni Paolo II: “Dacci, o Signore della vita, di prenderne lucida coscienza e di assaporare come un dono, ricco di ulteriori promesse, ogni stagione della nostra vita”.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

  • 1
  • 2
Tags:
anzianivita
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
3
WIND COUPLE
Catholic Link
7 qualità per scegliere il partner secondo la Bibbia
4
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
5
Divina Misericórdia
Gelsomino Del Guercio
Il Papa celebra domenica la Divina Misericordia. Ma perchè questa...
6
FEMALE DOCTOR,
La Croce - Quotidiano
Atea e obiettrice di coscienza da 10 anni: “non ce la facev...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni