Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 31 Ottobre |
San Wolfgang di Rägensburg
home iconNews
line break icon

Un cammino per il senso della vita

Família Cristã

Idosos e sentido da vida

Família Cristã - pubblicato il 21/10/14

Quando i nostri anziani hanno più bisogno di aiuto, qual è la risposta più adeguata?

Invecchiare perché e per chi? Che vita è questa in cui ora ci sentiamo forti e ora fragili? Restare qui o lì? In casa o in una residenza? E la crisi? E il denaro? E la famiglia? E gli affetti? L’anziano che ognuno di noi ha dentro di sé ha più interrogativi che certezze nell’età della saggezza.

Il tempo non si ferma. Dall’alto dei decenni vissuti sembra che non si intraveda più speranza, né coraggio per rimanere nella vita che resta da vivere con un occhio brillante. Il tempo si infittisce. Si intravedono ore opache che non lasciano scorgere un barlume di futuro. Una piccola traccia che illumini quelli che non credono più che tutto questo abbia un senso. Il peso degli anni dà un fardello che si trascina su una via che sembra senza uscita. Le lancette dell’orologio continuano a girare, i fogli del calendario a scorrere… e tutto sembra restare uguale. È tutto così così. Tiepido.

Il tempo non si ferma. E molti continuano a camminare senza una meta, alla deriva dei pensieri, intrappolati nella nostalgia di ciò che hanno vissuto e di ciò che non hanno vissuto. Il sole torna ogni mattina ma non porta loro la vita che hanno vissuto. Ormai nulla li riscalda o li raffredda. Aspettano solo che il sole sorga e tramonti tutti i giorni per veder arrivare la notte. E si addormentano come anestetizzati.

Tutti i giorni sono buoni per iniziare qualcosa. Per vedere. Sentire. Leggere. Senza ignorare che c’è ancora una vita da vivere. Con gente dentro. Anche se durerà solo pochi giorni o pochi anni. Si chiama vivere con gli occhi che splendono. E non è poco, anzi. “Quando si conversa, quando si dà tempo, crediamo che tutti abbiamo una funzione nella vita degli altri. Non è una cosa da anziani né da bambini. Vale per tutte le età”, ha commentato Rita Valadas, amministratrice della Santa Casa da Misericórdia di Lisbona (SCML) nel settore di Azione Sociale.

La responsabilità di tutti e di ciascuno

Siamo tutti responsabili gli uni della vita degli altri. Ed è qui il fulcro della questione. Quando i nostri anziani hanno più bisogno di aiuto, qual è la risposta più adeguata? “Onora tuo padre e tua madre”, dice il quarto comandamento, che fa appello alla nostra capacità di amare chi ci ha dato la vita. L’amore implica esigenza e attenzione nel valutare ciò che è meglio per quella situazione concreta. Senza sensi di colpa. Perché il meglio non sono risposte uniche ma sommate. Cosa fare quando gli anziani non sono più in condizioni di stare da soli: restare in famiglia o andare in una casa di riposo?

La risposta ha varie sfumature, perché la vita non è in bianco e nero: “Nel più perfetto dei mondi, la persona non dovrebbe uscire dalla sua casa; nel più perfetto dei mondi, le famiglie starebbero insieme, ci sarebbe la disponibilità di uno dei membri a prendersi cura dei più vulnerabili della propria famiglia – bambini e anziani –, e questo sarebbe possibile dal punto di vista finanziario. Nella gran parte delle famiglie, per questioni di organizzazione familiare e questioni finanziarie, non c’è una persona che sia in grado di esercitare questo compito di assistenza. Oggi le persone vivono di più, e se molte volte è un tempo di qualità, spesso è anche un tempo di malattie. Oltre che della famiglia, hanno bisogno di cure mediche e infermieristiche – cure che non possono ricevere in casa. Per questo, non c’è una risposta universale, e questo dipende dal desiderio della persona, dalla sua situazione e dalla famiglia”, ha affermato Rita Valadas, legata all’Associazione Portoghese di Psicogeriatria (APP) fin dalla sua fondazione. “L’ideale è che l’anziano resti in famiglia, con la garanzia di aiuti sociali efficaci relativamente alle necessità crescenti che presuppongono l’età o la malattia. Esistono però situazioni in cui le circostanze stesse consigliano o esigono l’ingresso in case di riposo”, perché l’anziano possa godere della compagnia di altre persone e usufruire di un’assistenza specializzata. “Tali istituzioni sono pertanto lodevoli, e l’esperienza dice che possono rendere un servizio prezioso, nella misura in cui si ispirano a criteri non solo di efficienza organizzativa, ma anche di affettuosa premura”, ha scritto papa Giovanni Paolo II nella Lettera agli Anziani (1° ottobre 1999).

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
anzianivita
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Annalisa Teggi
"Dite ai miei figli che li amo": ecco chi è l...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Silvia Lucchetti
Rischiava l'amputazione delle gambe. Oggi ha ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni